Masaki Kobayashi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Masaki Kobayashi (Otaru, 14 febbraio 1916Tokyo, 4 ottobre 1996) è stato un regista giapponese.

Ha cominciato a muovere i primi passi nel mondo del cinema facendo da assistente al regista Keisuke Kinoshita, per poi esordire alla regia nel 1952 con il film Musuko no seishun. Nell'arco di più di trent'anni di carriera, ha confezionato opere di grande spessore come Harakiri, Kwaidan, L'ultimo samurai (1967) e l'imponente trilogia La condizione umana.

È stato membro della giuria al Festival di Berlino nel 1969.

È famoso per aver scoperto nel 1953 l'allora sconosciuto Tatsuya Nakadai; Nakadai a quel tempo lavorava come commesso in un negozio di Tokyo quando Kobayashi lo conobbe e lo fece esordire con il film Kabe atsuki heya. Insieme hanno poi girato altri dieci film.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Festival di Cannes:

Festival di Venezia

Festival di Berlino

Premio Oscar:

Taormina film fest

Mainichi Film Concours

Kinema Junpo Awards

British Film Institute Awards

Blue Ribbon Awards

Awards of the Japanese Academy

  • Premio speciale 1997

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 12501175 LCCN: no95055912

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie