Masahiro Mori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Masahiro Mori (森 政弘 ,1927) è uno studioso di robotica, noto per i suoi lavori pionieristici sulla reazione emotiva dell'uomo verso le entità non umane, e per le sue idee su religione e i robot. Nel 1970 Mori ha pubblicato 不気味の谷, valle misteriosa; nell'articolo si ipotizza che, come i robot divengono più simili all'uomo, essi appaiono più familiari sino ad un punto nel quale le piccole imperfezioni ce li fanno sembrare strani ed inquietanti. Ciò portò Mori a credere che i fabbricanti di robot non dovrebbero cercare di creare automi troppo realistici nell'aspetto e nel movimento.

Nel 1974 Mori ha pubblicato Buddha nei robot: pensieri di un ingegnere robotico su scienza e religione in cui discute le implicazioni metafisiche della robotica. Nel libro scrive “Io credo che i robot hanno entro sé la natura di Buddha cioè il potenziale per arrivare alla buddhità.[1]

Nel 1988 ha fondato la prima competizione nazionale giapponese di costruzione di robot ed ha promosso le competizioni negli anni successivi. Attualmente Mori è presidente dell'Istituto di ricerca Mukta che egli ha fondato a Tokyo per promuovere le sue teorie su religione e robot. L'istituto fornisce anche consulenza sull'uso dell'automazione e della robotica nell'industria.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ THE BUDDHA IN THE ROBOT.
  2. ^ Robot Perspectives.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]