Mary Alden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mary Alden su Stars of the Photoplay (1924)

Mary Alden (New York, 18 giugno 1883Woodland Hills, 2 luglio 1946) è stata un'attrice statunitense. Fu una delle prime attrici di Broadway a lavorare a Hollywood, dove girò 118 film in 24 anni di attività.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata a New York, Mary Alden cominciò la sua carriera a Broadway dove calcò i palcoscenici di Broadway[1] per cinque anni prima di partire per Hollywood, dove lavorò all'inizio per la Biograph e la Pathé. Dopo alcuni film, viene diretta da D.W. Griffith in Donna che ama, ricoprendo il ruolo della moglie tradita del protagonista, Donald Crisp.

L'anno seguente, Griffith la vuole anche in La nascita di una nazione, dove è Lydia Brown, una mulatta. Nel film, Alden è protagonista di una scena molto forte per l'epoca, scena che spesso viene rimossa nelle riedizioni per il suo contenuto erotico e razzista: Lydia insiste a voler essere considerata uguale al senatore Sumner davanti cui si trova. Davanti alla ricusazione dell'uomo, la mulatta si strappa la camicetta, gettandosi sul pavimento e lo accusa di aver tentato di violentarla[2].

Lavora anche in Intolerance: Love's Struggle Throughout the Ages. Dopo aver girato un film con Mary Pickford, lascia lo schermo per un breve periodo, tornando sulle scene teatrali.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

La filmografia - basata sulla filmografia IMDb - è completa[3]. Quando manca il nome del regista, questo non viene riportato nei titoli

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IBDB Internet Broadway Database
  2. ^ Allrovi.com
  3. ^ Filmografia IMDb

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 9515551