Marvel Boy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marvel Boy
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego
  • Martin Burns
  • Robert Grayson
  • Vance Astrovik
  • Wendell Vaughn
  • David Bank
  • Noh-Varr
Editore Marvel Comics
Marvel Boy I
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego Martin Burns
Autori
Editore Marvel Comics - Timely Comics
1ª app. settembre 1940
1ª app. in Daring Mystery Comics n. 6
Sesso Maschio
Etnia egiziano
Marvel Boy II
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego Robert "Bob" Grayson
Autori
Editore Marvel Comics - Atlas Comics
1ª app. dicembre 1950
1ª app. in Marvel Boy n. 1
Sesso Maschio
Parenti Horace Grayson (di nascita: Horace Grabshield, padre, deceduto)

Marvel Boy è una serie di personaggi dei fumetti della Marvel Comics, nonché delle precedenti compagnie Timely Comics e Atlas Comics.

Biografia dei personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Martin Burns[modifica | modifica wikitesto]

Il primo Marvel Boy appare in due storie edite dalla Timely Comics: la prima, realizzata da Joe Simon e Jack Kirby, è stata pubblicata nel giugno 1940 sul numero 6 di Daring Mystery Comics della Timely; la seconda sul numero 7 di USA Comics (febbraio 1943), con testo e disegni di Bob Oksner. Sebbene in entrambe le storie il protagonista abbia il solito nome (Martin Burns), differiscono nelle modalità in cui il protagonista riceve i suoi poteri: nella prima è la reincarnazione di Ercole, mentre nella seconda viene per caso ferito dalla mummia dello stesso semidio.

Robert Grayson[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo Marvel Boy debutta nel dicembre 1950, in una rivista omonima pubblicata da Atlas Comics che cambierà titolo a partire dal terzo numero, diventando Astonishing; le storie di Marvel Boy appariranno fino al numero sette. Il primo numero è stato disegnato da Russ Heath, mentre i seguenti da Bill Everett.

Robert Grayson è il figlio adolescente di uno scienziato che nel 1934, dopo la morte della moglie e della figlia a causa uccise da nazisti, decide di scappare dalla Terra a bordo di una nave spaziale ad energia atomica; arrivato su Urano, viene accolto dagli abitanti del pianeta (identificati in seguito, tramite retcon, come una colonia di Eterni). Nel 1950 Robert decide di tornare sulla Terra, dove combatte il crimine grazie ai suoi poteri fisici, telepatici e alla possibilità di lanciare raggi energetici grazie ad un paio di bracciali.

In seguito, Marvel Boy sembrerà impazzire una volta venuto a sapere che la colonia di Uranio fu distrutta; tornato nuovamente sulla Terra con il nome di "Crociato", questa volta con intenti malvagi, morirà esplodendo durante uno scontro con i Fantastici Quattro (numero 165, dicembre 1975). Nel 2006, nella miniserie Agenti dell'Atlas, verrà rivelato che non si trattava del vero Grayson, bensì di un Eterno con le sue fattezze e dotato di un altro paio di bracciali (ovvero le "Bande Quantiche"), che hanno causato la sua follia.

Wendell Vaughn[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Quasar (personaggio).

Wendell Vaughn è un agente dello S.H.I.E.L.D., che in Capitan America n. 217 (gennaio 1978) diventerà Marvel Boy indossando le "Bande Quantiche" (in possesso dello S.H.I.E.L.D. dopo gli eventi di Fantastici Quattro n. 165). In seguito cambierà nome in Marvel Man e, l'anno seguente, diventerà infine Quasar.

Vance Astrovik[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vance Astro.

Il mutante Vance Astrovik, prima di prendere il nome di Justice, si è unito al gruppo dei New Warriors adottando il nome di "Marvel Boy".

David Bank[modifica | modifica wikitesto]

David Bank è un mutante che ha preso il nome di Marvel Boy dopo che il precedente Vance Astrovik ha cambiato nome in Justice.

Noh-Varr[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Noh-Varr.

Sebbene non abbia mai utilizzato il nome Marvel Boy, il personaggio di Noh-Varr è stato lanciato nel 2000 in una miniserie con quel titolo.

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics