Maruyama Ōkyo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maruyama Ōkyo, il cui nome vero era Maruyama Masataka (17331795), è stato un pittore giapponese del tardo XVIII secolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato da una famiglia di contadini di Ano-o, l'attuale Kameoka, nella giurisdizione di Kyoto, si spostò in quest'ultima città ancora giovanissimo ed entrò a far parte della casta sociale emergente dei Chōnin. Iniziò a dipingere in un negozio artigianale di bambole, di cui dipingeva il viso e altre parti del corpo, e nello stesso negozio entrò in contatto con alcuni giocattoli provenienti dall'Occidente, che rappresentavano effetti tridimensionali. Fu così che Maruyama entrò in contatto con la tecnica occidentale della prospettiva, sconosciuta nel suo mondo.

Trasferitosi in giovane età a Kyōto si interessò all'arte sia orientale che occidentale, studiandone le diverse forme e correnti. Da questa ricerca ne emerse uno stile pittorico personale misto di naturalismo occidentale e di pittura figurativa orientale. Per introdurre e diffondere le sue visioni artistiche Maruyama fondò la scuola omonima, e, sebbene in un periodo più tardo, gran parte dei suoi allievi lo criticarono preferendo ritornare ad uno stile più tradizionale, questo artista innovativo riscosse un grande successo di critica e pubblico. Tra loro, Nagasawa Rosetsu, che fondò con Soga Shōhaku e Itō Jakuchū il movimento dei "Tre Eccentrici"[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Miyeko Murase, Il Giappone, Torino, Utet, 1992, pag.250.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 23304761 LCCN: n81102985