Marty Roebuck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marty Roebuck
Dati biografici
Nome Martin Clive Roebuck
Paese Australia Australia
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Estremo
Ritirato 1993
Carriera
Anni Squadre G M Tr CP D
Giocatore di club
1988-93 N. Galles del Sud N. Galles del Sud 32 7 54 67 0
Giocatore internazionale
1991-93 Australia Australia 23 5 12 23 0
Le statistiche di club sono relative ai soli campionati di Lega
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1991
Statistiche aggiornate al 15 febbraio 2011

Martin Clive Roebuck (Lithgow, 10 gennaio 1965) è un ex rugbista a 15 australiano, estremo del Nuovo Galles del Sud e campione del mondo nel 1991 con gli Wallabies.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Estremo abile anche al calcio, Roebuck rappresentò dal 1988 al 1993 lo Stato del Nuovo Galles del Sud, per il quale scese in campo 32 volte marcando 337 punti.

In Nazionale australiana esordì con una meta in un 63-6 al Galles a Brisbane, in preparazione della Coppa del Mondo di rugby 1991 in programma nell'autunno successivo nel Regno Unito: in tale competizione disputò tutti i sei incontri che si risolsero in altrettante vittorie per l'Australia e nella conquista del trofeo.

Dal 1992 iniziò ad alternarsi a Michael Lynagh al calcio franco[1] e iniziò a incrementare il suo score internazionale, fino a quel momento costituito da 4 mete: nel successivo anno di test match mise infatti a segno 106 punti in 8 partite, frutto di un'ulteriore meta, 12 trasformazioni e 23 calci piazzati. Dopo l'incontro del 6 novembre 1993 al Parco dei Principi, vinto 24-3 sulla Francia e in cui marcò 20 punti (una meta, una trasformazione e quattro piazzati), Roebuck annunciò il ritiro dalle competizioni[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Steve Bale, Rugby Union: Lynagh may not be kicker in The Independent, 30 ottobre 2002. URL consultato il 15-2-2011.
  2. ^ (EN)  Jean-Stéphane Brosse. «Roebuck fires Aussie record win -- then quits». AFP, 6 novembre 1993

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]