Martino Frontini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martino Frontini

Martino Frontini (Catania, 1827Catania, 1909) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu maestro di molti musicisti catanesi della seconda metà del XIX secolo e padre del compositore Francesco Paolo Frontini.

Istituì la banda musicale municipale, che diresse per oltre trent'anni; diresse anche la banda del regio ospizio di beneficenza.

Scrisse numerose composizioni musicali, melodie e ballabili, specialmente valzer. Fu inoltre autore dell'opera lirica in tre atti Marco Bozzari, di un'azione coreografica (Fatima) e di un'operetta di genere fantastico (la Rivolta dell'Olimpo).

Scrisse anche una biografia del maestro Pietro Antonio Coppola (Pubblicazione dell'Eco di Sicilia - Catania 1876).

Composizioni (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • Il martirio di S. Agata - oratorio - rappresentato nell'agosto del 1863;
  • La Rosa (mazurka);
  • Tre ballabili per pianoforte, Milano, Arturo De Marchi;
  • Dalia (mazurka), Milano, Arturo De Marchi;
  • Osiride (polka), Milano, G. Canti;
  • Gianduja (valzer), Palermo, F. Salafia;
  • Niobe ossia la vendetta di Latona (ballo tragico in sei atti per la coreografia di Augusto Hus);
  • La stella del 3 giugno 1860 (valzer), Milano, G. Canti;
  • La Siciliana (mazurka), Milano, G. Canti;
  • Eleganza (valzer, op. 169), Milano, Arturo De Marchi;
  • Tre genii in contesa (cantata su testo di F.P. Bertucci, eseguita nel Teatro comunale di Catania il 12 gennaio 1854);
  • Sinfonia in partitura per banda, Catania, Giuseppe Benenati;
  • Monumento a Bellini (valzer per banda, op. 50), Udine, Luigi Berletti;
  • Enrichetta (mazurka, op. 146), Milano, Arturo De Marchi;
  • Fuchsia (valzer per pianoforte, op. 208), Milano, Arturo De Marchi;
  • Fidanzata di Marco Bozzari (tragedia lirica su libretto di Francesco Cavallaro, riduzione con accompagnamento), Milano, Francesco Lucca, 1862 ca.;
  • La rivolta dell'Olimpo ovvero Il 1874 (fiaba musicale di Natale Belletti), Catania, 1874.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]