Martín Schusterman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martín Schusterman
Dati biografici
Paese Argentina Argentina
Altezza 189 cm
Peso 102 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Terza linea
Squadra San Isidro San Isidro
Carriera
Attività di club¹
1998-2003 San Isidro San Isidro
2003-2006 Plymouth Plymouth
2006-2008 Leeds Leeds
2008- San Isidro San Isidro 5 (10)
Attività da giocatore internazionale
2003- Argentina Argentina 18 (5)
Palmarès internazionale
3º posto RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2007

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 29 gennaio 2012

Martín Schusterman (San Juan, 13 settembre 1975) è un rugbista a 15 argentino, terza linea del San Isidro Club.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Schusterman crebbe al San Isidro Club, nel quale vinse, dopo l'esordio in prima squadra (1998), tre campionati provinciali dell'Unión de Rugby de Buenos Aires; nel 2003 colse l'occasione di passare professionista e si trasferì in Inghilterra al Plymouth Albions[1], in cui militò tre stagioni, per poi passare al Leeds Carnegie, allora chiamato Leeds Tykes[1].

Esordiente in Nazionale argentina relativamente tardi, a 28 anni nel 2003, vinse con essa il Sudamericano di quell'anno e quattro anni dopo fu chiamato a prendere parte alla Coppa del Mondo di rugby 2007 in Francia in cui i Pumas si classificarono terzi assoluti; durante il torneo Schusterman divenne padre e, alla fine della stagione 2007-08, decise di tornare in Argentina con la compagna e la figlia[2], per giocare da dilettante nel suo club d'origine, il San Isidro, e portare avanti la sua professione nel mondo del multimediale.

Con il San Isidro ha vinto il Nacional de Clubes nel 2008.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Martín Schusterman. URL consultato il 13-10-2009.
  2. ^ (ES) Guillermo Quevedo, Martín Schusterman vuelve al SIC in Tercier Tiempo, 21 aprile 2008. URL consultato il 13-10-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]