Marsel İlhan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marsel İlhan
Marsel Ilhan.jpg
Dati biografici
Nome Marsel Khamdamov
Nazionalità Turchia Turchia
Altezza 190 cm
Peso 78 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 12-24
Titoli vinti 0
Miglior ranking 87° (17 gennaio 2011)
Ranking attuale 128° (30 settembre 2014)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2010)
Francia Roland Garros 2T (2011)
Regno Unito Wimbledon 2T (2010)
Stati Uniti US Open 2T (2009, 2011)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 0-1
Titoli vinti 0
Miglior ranking 564° (25 maggio 2009)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon -
Stati Uniti US Open -
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 6 giugno 2011

Marsel İlhan (Samarcanda, 11 giugno 1987) è un tennista turco, attualmente al 123º posto del ranking mondiale ATP.

Ha raggiunto il suo miglior ranking il 17 gennaio 2011, quando si trovava all'87º posto. Nel ranking di singolare è il miglior tennista turco dal giugno 2007.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passa tra i professionisti nel 2006, l'anno successivo riesce a passare dalla 1375º posizione alla 321º[1] raggiungendo tre finali nei Futures con due vittorie e una finale persa in un Challenger.

Dal 2007 fa parte della squadra turca di Coppa Davis, con la quale ha giocato, al 2014, 36 incontri, vincendone 26.

2008-2010[modifica | modifica wikitesto]


Nel 2008 partecipa alle qualificazioni per Wimbledon e gli US Open ma non riesce ad accedere al tabellone principale, nello stesso anno vince un Challenger, diventando così il primo tennista della sua nazione a riuscirci, e arriva per sei volte alla finale di un Futures vincendone la metà.
Agli US Open 2009 passa dalle qualificazioni e, dopo aver battuto in cinque set Christophe Rochus, viene eliminato al secondo turno da John Isner. Con questo risultato diventa il primo tennista turco ad aver raggiunto il secondo turno in un torneo del Grande Slam.
Nel 2010 arriva al secondo turno sia agli Australian Open che a Wimbledon venendo eliminato rispettivamente da Fernando González e Victor Hănescu. Il 27 settembre riesce ad entrare per la prima volta nella top 100, alla posizione 96, stabilendo un altro primato tra i tennisti turchi.

2011-2013[modifica | modifica wikitesto]


Nel 2011 prende parte agli Australian Open ma non riesce a superare il primo turno contro Michail Južnyj mentre al Roland Garros riesce ad eliminare Tommy Haas al primo turno per poi arrendersi solo al quinto set sul 13-11 a Guillermo García López.

Nel 2012 non conferma i buoni risultati dell'anno precedente. Fallisce le qualificazioni a tutti gli slam, ai Masters 1000 di Indian Wells e Miami, ai 500 di Dubai e Pechino. Disputa quindi solo alcuni incontri di tornei 250, senza comunque riuscire a superare mai il primo turno. Nella parte finale dell'anno, visto il peggioramento in classifica e l'uscita dalle prime duecento posizioni del ranking, disputa alcuni challenger e in autunno vince due tornei futures in Turchia.

Nell'arco del 2013 non riesce invece a superare le qualificazioni di nessun torneo del circuito maggiore. Si aggiudica cinque Futures turchi (uno anche in doppio) e raggiunge la finale nel challenger, sempre turco, di Eskiseir (dove viene sconfitto da David Goffin). Chiude l'anno al 185º posto della classifica ATP.

2014[modifica | modifica wikitesto]

La prima parte del 2014 è contraddistinta da alcuni segnali di miglioramento: a febbraio supera le qualificazioni a Montpellier, dove viene eliminato da Denis Istomin al primo turno; a marzo vince il challenger di Kazan, tornando al successo in un torneo di categoria a quasi quattro anni dall'ultimo successo; ad aprile accede al tabellone di Barcellona (perdendo al primo turno con de Schepper).

A maggio ottiene prima la qualificazione al Queen's e poi a Wimbledon, tornando così a disputare un incontro di uno Slam dopo la partecipazione agli US Open del 2011. Non riesce però a superare il primo turno, a causa della sconfitta in quattro set con Denis Kudla. Anche ad Amburgo, in luglio, supera le qualificazioni ma anche in questo caso perde al primo turno. Nello stesso mese raggiunge la finale al Challenger di Astana, dove viene battuto da Berankis in tre set.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (0)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (0)
Challengers (2)
Futures (7)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 13 luglio 2008 Israele Israel Open, Ramat HaSharon Cemento Slovacchia Ivo Klec 6–4, 6–4
2. 20 settembre 2010 Bosnia ed Erzegovina Banja Luka Challenger, Banja Luka Terra battuta Spagna Pere Riba 6–0, 7–64
3. 16 marzo 2014 Russia Kazan Kremlin Cup 2014, Kazan Cemento indoor Germania Michael Berrer 7-66, 6–3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ATP Rankings History

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]