Marisa Maresca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marisa Maresca nel 1945

Marisa Maresca (1923Milano, 22 febbraio 1988[1]) è stata una showgirl e ballerina italiana del teatro di rivista degli anni quaranta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata da una famiglia di famosi artisti di varietà, la madre è una soubrette, il padre Achille un impresario, e lo zio Luigi un cantante di operette.

Inizia l'attività di ballerina di varietà, e nel 1938, a soli quindici anni, entra nella compagnia di Erminio Macario, diventando una delle celebri donnine del comico torinese.

Nel decennio successivo lavora con Carlo Dapporto, diventando famosa per la sua bellezza e per l'audacia dei suoi balletti: in una celebre imitazione di Joséphine Baker si presenta sul palcoscenico in perizoma e reggiseno di banane, in altri spettacoli si esibisce anche a seno nudo, in altri ancora sfila in passerella con indosso soltanto tre teste di volpe nera a coprire i punti più opportuni.

Walter Chiari e Marisa Maresca nella passerella finale

Nel 1944 lavora nello spettacolo Se parlasse questa penna con i fratelli De Rege e Fausto Tommei.

Nel 1946 allestisce una compagnia in proprio, e qualche mese dopo assume un giovane comico debuttante, Walter Chiari (con cui intreccia una relazione); tra gli spettacoli allestiti dalla compagnia ricordiamo Simpatia (scritto tra gli altri da Marcello Marchesi), Donne in tutte le salse, Se ti bacia Lola (scritto da Alfredo Bracchi e Giovanni D'Anzi) e Chi vuole una donna?.

Nel 1950 si ritira dalle scene per sposare il conte Corrado Agusta, titolare con i fratelli della Agusta S.p.A., da cui ha il figlio Riccardo, soprannominato Rocky; in seguito il marito la lascerà per la giovane Francesca Vacca Graffagni, protagonista anni dopo di un celebre caso di cronaca nera[2].

La sorella Lidia Maresca, anche lei attrice - con il nome d'arte Lidia Martora - è stata la moglie di Peppino De Filippo.

È scomparsa nel 1988 all'età di 65 anni a seguito di una grave malattia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E' MORTA IERI LA SOUBRETTE MARISA MARESCA Repubblica.it
  2. ^ Archivio - Panorama.it - La contessa annegata nel mare del gossip

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori vari (a cura di Felice Cappa e Piero Gelli), Dizionario dello Spettacolo del '900, Baldini Castoldi Dalai editore, 1998, ISBN 8880892959, scheda Maresca, Marisa
  • AA.VV. Sentimental il teatro di rivista italiano, Almanacco Bompiani 1975