Mario Romani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'accademico, vedi Mario Romani (accademico).
Mario Romani
Mario Romani.jpg
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Altezza 168 cm
Peso 65 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 1938
Carriera
Squadre di club1
1924-1932 SPAL SPAL 179 (119)
1932-1936 Milan Milan 80 (36)
1936-1937 Palermo Palermo 8 (0)
1937-1938 SPAL SPAL 20 (12)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Mario Romani (Ferrara, 16 dicembre 1907Ferrara, 26 maggio 1977) è stato un calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Centravanti con una grande vena realizzatrice, gioca sin dal 1924 a Ferrara con la SPAL e fa coppia con Aldo Barbieri. Gioca un campionato di Seconda Divisione ed altri sette di Prima Divisione. Vince anche la classifica dei cannonieri nel 1930 con 24 reti in 28 gare, poi ne segna 17 nel 1931 e 18 nel 1932.

In questo stesso anno viene acquistato dal Milan, con cui segna 19 reti in 31 partite, due meno di Giuseppe Meazza. Il suo esordio in Serie A avviene il 18 settembre 1932 a Bari, e l'anno successivo i dirigenti del Milan acquistano anche Barbieri dalla SPAL, riformando la coppia. Al debutto stagionale contro la Fiorentina, Barbieri si infortuna e giocherà tre partite. Le cose per Romani vanno un po' meglio ma non riuscirà mai più, a sua volta vittima di una serie di acciacchi, a ripetersi ai livelli del 1933.[senza fonte] Nel 1933-1934 Romani gioca 22 partite e va 7 volte in gol, poi le reti sono 4 nel 1935 con 12 gare ed infine 6 gol con 15 incontri disputati nel 1936.

Al termine di quel campionato Romani scende in Serie B con il Palermo e nel 1937 torna alla SPAL in Serie C dove realizza le ultime 12 reti prima di chiudere con il calcio giocato nel 1938.

Con 130 reti segnate, è il calciatore più prolifico di tutti i tempi della SPAL.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ferrara e il calcio, di Carlo Fontanelli e Paolo Negri, Geo Edizioni 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]