Mario Reiter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Reiter
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Altezza 176 cm
Peso 78 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom gigante, slalom speciale, combinata
Squadra WSV Übersaxen
Ritirato 2001
Palmarès
Olimpiadi 1 0 0
Mondiali 0 1 1
Campionati austriaci[1] 2 5 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Mario Reiter (Rankweil, 5 novembre 1970) è un ex sciatore alpino austriaco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Specialista delle discipline tecniche in attività negli anni novanta e i primi anni del decennio successivo, Mario Reiter è stato in grado in carriera di aggiudicarsi tre vittorie in Coppa del Mondo, due in slalom speciale e una in slalom gigante.

Le maggiori soddisfazioni per lo sciatore sono giunte in gare che mettevano in palio medaglie: infatti in occasione dei XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano 1998, in Giappone, ha vinto la medaglia d'oro in combinata, mentre ai Mondiali ha conquistato due medaglie: l'argento in slalom nel 1996 a Sierra Nevada, in Spagna, e il bronzo in combinata l’anno seguente a Sestriere, in Italia.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

  • 1 medaglia d'argento (in slalom speciale nel 1996)
  • 1 medaglia di bronzo (in combinata nel 1997)

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 8º nel 1996
  • 7 podi:
    • 3 vittorie (2 in slalom speciale, 1 in slalom gigante)
    • 2 secondi posti
    • 2 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Luogo Paese Disciplina
20 febbraio 1995 Furano Giappone Giappone GS
27 gennaio 1996 Sestriere Italia Italia SL
20 gennaio 1997 Kitzbühel Austria Austria SL

Campionati austriaci[modifica | modifica sorgente]

  • Campione austriaco di slalom gigante nel 1995[1]
  • Campione austriaco di slalom speciale nel 1995[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c ÖSV-Siegertafel. URL consultato il 17 novembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]