Mario La Cava

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario La Cava (Bovalino, 11 settembre 1908Bovalino, 16 novembre 1988) è stato uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque in una famiglia piccolo-borghese, il padre era insegnante e la madre casalinga. Compiuti gli studi medi e superiori in Calabria, si trasferì a Siena dove conseguì la laurea in giurisprudenza.

Si dedicò successivamente alla letteratura e alla narrativa. Le sue opere si ispirano all'ambiente contadino calabrese, e parlano con sentita partecipazione di poveri emigranti e di gente emarginata. Il suo esordio come scrittore risale al 1935, anno in cui pubblicò su L'italiano (editore Longanesi), degli aforismi tipici della cultura contadina, che raccolse poi nella sua prima opera, Caratteri del 1939.

Oltre alla sua prolifica attività di scrittore, collaborò con numerose riviste e giornali: Corriere della Sera, La Stampa, Paese Sera, La Nazione, Il Giorno, L'Unità, La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Mattino, Il Calendario del Popolo.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Premi e Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Autori che hanno scritto su Mario La Cava[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • La Cava, Mario da L'Enciclopedia Italiana, edizione online, sito treccani.it
  • LA CAVA, Mario di P. Bartoli Amici, da Dizionario Biografico degli Italiani, edizione online, sito treccani.it