Mario Coppola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Coppola

Mario Coppola (Roma, 5 febbraio 1937Roma, 5 marzo 2011) è stato un fisico italiano attivo nel campo della fisica nucleare.

Figlio di Leonardo Coppola ed Elena Alestra, visse la sua giovinezza a Roma fino alla laurea in Fisica Nucleare nel 1960, allievo di Edoardo Amaldi. Dal 1961 al 1964 è stato PostDoc alla Columbia University di New York, poi, per un breve periodo, all'Università di Padova; successivamente ha lavorato negli anni dal 1964 al 1971 al Bureau Central de Mesures Nucleaires (BCMN) dell'EURATOM a Geel (Belgio). Ha ottenuto la Libera Docenza in Fisica Nucleare all'Università di Milano nel 1969.

Ha ricoperto l'incarico di Funzionario Scientifico presso il Centro Comune di Ricerche (CCR) dell'EURATOM ad Ispra dal 1971 al 1977. Da qui si è trasferito, come Funzionario Internazionale, al CNEN divenuto poi Centro ENEA[1] della Casaccia a Roma, dove è stato attivo fino al 2000, come responsabile di contratti europei di ricerca.

È stato Socio fondatore, Segretario scientifico e quindi Presidente e infine Consigliere Emerito della Società Italiana per le Ricerche sulle Radiazioni (SIRR) [1][2][3][4]

Tra gli altri incarichi, il Prof.Coppola è stato consulente dell'United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiations (UNSCEAR), membro del Comitato Scientifico della International Association for Radiation Research (IARR) ed ha fatto parte del Comitato Scientifico di molti congressi nazionali e internazionali.

È stato autore di circa 150 pubblicazioni [5][6][7][8] internazionali sulle radiazioni ionizzanti e sugli effetti fisici e biologici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b http://biotec.casaccia.enea.it/sirr/Documenti/Mario%20Coppola%20%28ricordo%29.pdf
  2. ^ Societa’ Italiana per le Ricerche sulle Radiazioni
  3. ^ Organigramma
  4. ^ Bollettino Sirr 1-2003
  5. ^ [1]
  6. ^ RBstore - Database
  7. ^ [2]
  8. ^ Radiation-induced mouse liver neoplasms and hepatocyte survival. | ResearchGate

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]