Mario Brenta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Brenta (Venezia, 17 aprile 1942) è un regista, sceneggiatore e direttore della fotografia italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha esordito nel mondo del cinema come aiuto regista di Eriprando Visconti nel 1962, per Una storia milanese.

Da allora collabora con svariati registi, ma l'incontro più importante è senza dubbio quello con Ermanno Olmi, che lo influenzerà a tal punto che nel 1981 gli dedicherà un documentario, Effetto Olmi, girato durante la lavorazione di Camminacammina, selezione italiana al festival di Locarno. Con Olmi sarà fra i fondatori di Ipotesi Cinema, progetto di scuola di cinema.

Il suo primo film da regista è del 1974, Vermisat. È un successo di critica, e raccoglie una messe di premi: Selezione Ufficiale al festival di Venezia 1974‚ e poi l'anno successivo Premio Grolla d'Oro a Saint-Vincent e Premio Speciale della Giuria, ex aequo con Prima pagina di Billy Wilder al Festival internazionale di Valladolid.

Come per il suo maestro Olmi, anche Brenta fa passare molto tempo tra un film e l'altro. In queste "pause", molte sono le collaborazioni con numerose reti televisive, non solo italiane: RAI, Arte, France 2, solo per citare le principali.

Il suo successivo lungometraggio, Maicol (1988), vinse il Gran premio della giuria "Film et Jeunesse" al festival di Cannes e il premio "G. Sadoul" come miglior film straniero a Parigi.

Un'altra opera di Brenta fu in concorso a Cannes nel 1994: Barnabo delle montagne, tratto da un racconto di Dino Buzzati. Questa pellicola vinse il Festival internazionale film della montagna di Trento ed il Cinemed di Montpellier, oltre a valere a Brenta il premio di miglior regista al Festival de Gramado.

Nel 2010 ha scritto Calle de la Pietà, film sull'ultimo giorno di vita di Tiziano Vecellio, che ha anche diretto assieme alla compagna Karine de Villers. Il film è stato presentato in concorso all'AsoloArtFilmFestival.[1]

Oggi insegna Teorie e tecniche del linguaggio cinematografico all'Università di Padova ed a Cinecittà alla scuola di cinema romana Act Multimedia.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiature[modifica | modifica wikitesto]

Direttore della fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda Film - Calle de la pietà. URL consultato il 30 agosto 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 7720968