Mario Adorf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Adorf (Zurigo, 8 settembre 1930) è un attore tedesco. Figlio naturale di padre italiano, ha frequentato assiduamente il cinema della penisola.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mario Adorf nasce a Zurigo da Alice Adorf, un'infermiera tedesca, e dal chirurgo calabrese Matteo Menniti, già sposato, studia dalle suore borromee, poi dal 1950 frequenta l'Università di Magonza dove pratica la boxe ed entra a far parte di un gruppo teatrale.

Nel 1953 ritorna a Zurigo per proseguire gli studi e qui inizia a collaborare con il teatro Schauspielhaus di Zurigo in veste di figurante e aiuto-regista. Nel 1954 abbandona l'università per studiare recitazione nell'Accademia Otto Falkenberg di Monaco. A partire dallo stesso anno inizia a recitare stabilmente al teatro Kammerspiele di Monaco.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo alcune parti minori, il ruolo che lo fa emergere è quello del killer psicopatico nel film di Robert Siodmak Ordine segreto del III Reich, il cui successo fa sì che ad Adorf siano negli anni avvenire affidati prevalentemente ruoli negativi. Nel 1961 Adorf, oltre a debuttare nel cinema francese con La spia del secolo di Yves Ciampi, esordisce in una produzione italiana nel film A cavallo della tigre di Luigi Comencini, dove è il violento Tagliabue; nonostante l'insuccesso economico del film, il ruolo apre ad Adorf le porte di Cinecittà, in cui l'attore sarà una presenza estremamente ricorrente fino agli anni 2000.

Successo internazionale[modifica | modifica wikitesto]

In pochi anni Adorf si afferma come attore di stampo internazionale dalla vasta gamma espressiva e dal ricco repertorio, capace di spaziare da ruoli di potenti mafiosi a quelli di membri dell'alta società e di uomini al servizio della legge. In questo eclettismo una parte importante avrà il cinema italiano, che offrirà all'attore svizzero alcuni dei suoi ruoli migliori.

Nel 1963 Adorf prende parte alla fortunata saga western di Winnetou con il ruolo di villain, nel film La valle dei lunghi coltelli . Lo stesso anno c'è l'incontro tra Adorf e il regista Antonio Pietrangeli, che lo sfrutterà per due dei suoi film più noti, La visita e Io la conoscevo bene (1965). Proprio il '65 è per l'attore uno degli anni più produttivi, dove prenderà parte tra gli altri ai film Le soldatesse di Valerio Zurlini, Sierra Charriba di Sam Peckinpah, Dieci piccoli indiani di George Pollock e alla coproduzione internazionale La guerra segreta.

L'anno dopo è il tontolone Sciascillo in Operazione San Gennaro di Dino Risi, mentre nel 1967 è il falso spettro di Questi fantasmi di Renato Castellani. Nel biennio successivo interpreta due spaghetti western di un certo rilievo, ...e per tetto un cielo di stelle e Gli specialisti. Nel 1969 è anche nel cast del film La tenda rossa, dove recita al fianco di Sean Connery e Claudia Cardinale. Nel 1970 è chiamato da Dario Argento a recitare nel celebre thriller L'uccello dalle piume di cristallo.

Tra poliziottesco e cinema d'autore[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1972 Adorf diventa una icona del poliziesco italiano, detto anche poliziottesco. In quell'anno, oltre a comparire nel Pinocchio televisivo di Comencini e nel fortunato Quando le donne persero la coda di Pasquale Festa Campanile, prende parte a La polizia ringrazia, storicamente considerato capostipite del filone poliziottesco, e ai due capolavori noir di Fernando Di Leo, Milano calibro 9 e La mala ordina, dove con il ruolo di Luca Canali Adorf ha la rara occasione di essere protagonista assoluto di una pellicola (doppiato dal compianto Stefano Satta Flores).

Negli anni a seguire non mancano nuove incursioni nel poliziottesco (La polizia chiede aiuto, Processo per direttissima) ma Adorf ottiene le maggiori soddisfazioni in un cinema d'autore di respiro internazionale, in film come Il viaggio a Vienna di Edgar Reitz (per cui l'attore vince un Ernst Lubitsch Award), Il delitto Matteotti di Florestano Vancini (dove interpreta un convincente Benito Mussolini), Il caso Katharina Blum di Volker Schlöndorff e Margarethe von Trotta, Cuore di cane di Alberto Lattuada, Io ho paura di Damiano Damiani, Il tamburo di latta di Volker Schlöndorff, Fedora di Billy Wilder.

Dagli anni Ottanta ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni ottanta Adorf ha una grande occasione lavorativa, essendo chiamato a far parte del cast del film Fitzcarraldo diretto da Werner Herzog; tuttavia, seppur giunto al 40% di girato, Herzog è costretto a interrompere le riprese in seguito all'indisponibilità del protagonista del film Jason Robards, ammalatosi, e a ricominciare da capo eliminando il girato una volta sostituito Robards con Klaus Kinski. In precedenza Adorf aveva già rifiutato dei film importanti come Uno, due, tre! di Billy Wilder, Il Padrino di Francis Ford Coppola e Il mucchio selvaggio di Sam Peckinpah, per cui rifiutò il ruolo del generale Mapache ritenendolo troppo violento.

Non mancano comunque altre occasioni importanti per l'attore svizzero, che viene diretto da Rainer Werner Fassbinder (Lola), Peter Del Monte (Invito al viaggio), Danièle Huillet e Jean-Marie Straub (Rapporti di classe), Carlo Mazzacurati (Notte italiana), Gianni Amelio (I ragazzi di via Panisperna), Liliana Cavani (Francesco), Claude Chabrol (Giorni felici a Clichy). Dagli anni ottanta ad oggi tuttavia l'attività di Adorf si è concentrata progressivamente sulla televisione, comparendo in sceneggiati italiani di grande successo come La piovra 4, Marco Polo, Fantaghirò, Il piccolo Lord e in numerosissime produzioni tedesche, spesso inedite in Italia. In questi anni ha anche ripreso l'attività teatrale.

Nel corso degli anni Adorf si è anche cimentato come cantante, conduttore televisivo e autore di libri di successo. È stato inoltre doppiatore di cartoni animati e ha doppiato il drago nella versione tedesca del film Dragonheart. Nel novembre 2006 la trasmissione Unsere Besten lo ha proclamato secondo attore tedesco di tutti i tempi alle spalle di Heinz Rühmann. Nel 2007 ha fatto parte della giuria del Festival di Berlino sotto la presidenza del regista Paul Schrader.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

La sua prima moglie era un'attrice, Lis Verhoeven. Da questa relazione è nata la figlia Stella Adorf, anch'ella attrice. Adorf si è risposato nel 1985 con l'ex-modella Monique Faye, con cui conviveva dalla fine degli anni sessanta. Vive a Mayen, città che nel 2001 gli ha conferito la cittadinanza onoraria. Qui Adorf ha passato gran parte della sua infanzia e qui tiene ogni anno il Burgfestspiele Festival. Dal 30 agosto 2004 è membro onorario dell'Alemannia Aquisgrana. Il 19 novembre 2010 ha ricevuto una laurea honoris causa presso l'Università di Magonza. Adorf è la seconda figura di spicco a ricevere questo onore, insieme a Valéry Giscard d'Estaing.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito dell'Ordine al Merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito dell'Ordine al Merito di Germania
Croce al Merito di I Classe dell'Ordine di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine di Germania
Cavaliere dell'Ordine al merito bavarese - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito bavarese
— 17 luglio 2003
Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato della Renania-Palatinato - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato della Renania-Palatinato

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 84954675 LCCN: n91109329 SBN: IT\ICCU\RAVV\221273