Marinella (Castelvetrano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marinella
frazione
Vista di Marinella di Selinunte
Vista di Marinella di Selinunte
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Trapani-Stemma.png Trapani
Comune Castelvetrano-Stemma.png Castelvetrano
Territorio
Coordinate 37°34′57″N 12°50′22″E / 37.5825°N 12.839444°E37.5825; 12.839444 (Marinella)Coordinate: 37°34′57″N 12°50′22″E / 37.5825°N 12.839444°E37.5825; 12.839444 (Marinella)
Altitudine 2 m s.l.m.
Abitanti 1,018[1] (2001)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Marinella

Marinella, nota anche come Marinella di Selinunte, è una frazione di 1.018 abitanti[1] di Castelvetrano, comune italiano della provincia di Trapani in Sicilia.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Vista di Marinella

Marinella assieme a Triscina è una delle due frazioni litoranee del comune di Castelvetrano, dal cui centro dista circa 13 chilometri. Marinella si trova in prossimità dell'area archeologica di Selinunte con cui limita ad ovest, al di là del fiume Selino.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'abitato, sorto alla fine dell'Ottocento come porto di pescatori, si estende su un lungo litorale sabbioso. Oggi è un centro turistico-balneare. La pesca vi è ancora praticata con piccoli pescherecci a servizio delle attività turistiche. Tutti i giorni, intorno alle ore 8 nella Piazza Empedocle, si svolge il locale mercato del pesce.

Marinella, così come in misura maggiore Triscina, viene spesso citata come esempio di abusivismo edilizio di massa[2]. Secondo alcuni studi urbanistici, a partire dagli anni settanta, sarebbero circa 1.500 le abitazioni edificate a Marinella senza alcuna autorizzazione[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dati Istat 2001. URL consultato il 13-12-2011.
  2. ^ Gian Antonio Stella, Cinquemila edifici illegali sul lido degli abusi in Corriere della Sera, 23 settembre 2003. URL consultato il 17 dicembre 2011.
  3. ^ Legambiente, Dossier Salvalarte Mattone Selvaggio (PDF), 2001, pp. pp. 46-52. URL consultato il 17 dicembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia