Marina militare della Repubblica islamica dell'Iran

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Marina Militare della Repubblica Islamica dell'Iran
نیروی دریایی جمهوری اسلامی ایران
Islamic Republic of Iran Navy
Stemma della Marina Militare della Repubblica Islamica dell'Iran
Stemma della Marina Militare della Repubblica Islamica dell'Iran
Descrizione generale
Attiva 1927
Nazione Iran Iran
Tipo Marina Militare
Dimensione 28 000 effettivi
Guarnigione/QG Tehran
Colori blu marino
Parte di
Comandanti
Comandante in capo Ammiraglio Habibollah Sayyari

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Marina Militare della Repubblica Islamica dell'Iran è la forza navale militare iraniana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Essa affonda le sue radici nella Marina Imperiale Iraniana, creata nel 1927 per tutelare l'allora regno di Persia. La marina fu distrutta dagli Alleati durante la seconda guerra mondiale e riattivata dopo la fine del conflitto. L'armamento acquisito durante gli anni sessanta del ventesimo secolo era prevalentemente britannico, come alcune fregate costruite dalla Vosper. Dopo l'avvento della Repubblica Islamica nel 1979 vi fu un blocco delle forniture militari statunitensi ed inglesi. La marina iraniana è stata poco impegnata durante la guerra Iran-Iraq ma ha avuto alcuni duri confronti con la US Navy nei quali ha perso una fregata affondata con missili Harpoon.

Presente[modifica | modifica wikitesto]

A tutto il 2012 la marina iraniana dispone di tre fregate della classe Alvand da 1100 tonnellate costruite dalla Vosper e dalla Vickers negli anni settanta, e tre corvette (due da 1100 t della classe Bayandor ed una, la Hamzeh da 560 t), nella sua base principale di Bandar Abbas appoggiate da tre sommergibili russi della classe Kilo, nonché da minisottomarini locali delle classi Ghadir e Nahang[1][2][3][4] I sottomarini della classe Kilo sono considerati tra i più silenziosi diesel-elettrici al mondo[5]. Nel gennaio 2012 è stato varato il primo battello della nuova classe Fateh (conquistatore in farsi), da circa 600 t in immersione e costruito in Iran, ed è in sviluppo la futura classe Bethat da 1000 t[6]. Sono in corso tentativi di sviluppare una nuova generazione di fregate costruite in loco, e nel 2010 è stata varata la Jamaran, primo esemplare della classe, una fregata leggera da 1500 t, e per le restanti navi è previsto l'impiego sia nel Golfo Persico che nel Mar Caspio; la nave è dotata di elicottero Agusta-Bell AB 212, lanciasiluri leggeri antisom da 324 mm ed 8 missili antinave Noor / C-802.

La marina iraniana è dotata di fanteria di marina, ma analoga capacità hanno i Pasdaran, organizzazione paramilitare parallela dotata di forze di terra, di mare e di aria, comprese forze speciali.

Sono in corso tentativi di sviluppare una capacità operativa di altura, e anche in questo senso va vista la visita effettuata nel Mediterraneo dalla 18a flotta iraniana, composta da un cacciatorpediniere ed una nave logistica, durante il febbraio del 2012[7]. Secondo il contrammiraglio Habibollah Sayyari, questa presenza serve a mostrare la potenza del paese ed il sacro sistema della Repubblica Islamica dell'Iran. Inoltre lo scopo è quello di addestrare i cadetti della Imam Khomeini Naval Academy, posta sul Mar Caspio a Noshahr, nella provincia di Mazandaran. La nave classificata come cacciatorpediniere è in realtà, come identificabile dal pennant number 76 visibile nella foto, proprio la fregata Jamaran[7]

Oltre ai sottomarini la vera forza ed il nerbo delle forze navali iraniane sono le unità leggere e sottili, dalle motosiluranti ai motoscafi armati, dalle motocannoniere alle motolance veloci, che, in numerose classi diverse, contribuiscono al controllo degli imbocchi del golfo persico e le coste iraniane. La marina iraniana (accanto ai Pasdaran, dotati pare anche di barchini esplosivi sul modello della X MAS della seconda guerra mondiale) ha adottato una dottrina da nuova Jeune école, ritenendo che una miriade di piccole e piccolissime unità, ben armate (missili anti nave anche leggerissimi come i C-701, missili contro carro modificati, siluri), in qualche caso anche furtive (a radar e all'infrarosso, con capacità di avanzare a moto ridotto in modo silenzioso), possano rappresentare un'ottima alternativa, nei compiti anti nave, rispetto alle grandi unità. Soprattutto in un mare a basso fondo e di modesta estensione come il Golfo Persico, in cui i problemi d'autonomia e di tenuta di mare sono meno importanti che negli oceani. Anche accettando di costruire unità prive di capacità reali contro-aeree e con limitate od assenti capacità anti-som, ma contemporanemante di operare da qualsiasi sorgitore. Accanto a questa flotta di unità "zanzara" esistono postazioni d'artiglieria anti nave-anti sbarco dotate di missili, cannoni, e missili anti aerei, e numerose unità posa mine-draga mine, con mine di varia provenienza, progettate sia dalle aziende locali, sia da quelle russo-sovietiche, nord-coreane, cinesi, e persino riproduzioni di mine americane ed inglesi degli anni '60-'70. La guerra di mine è molto importante nel Golfo Persico e nelle acque circumvicine, proprio perché i fondali sono bassi e ben adatti ad essere minati, anche con mine magnetiche, acustiche e silurante. In questo modo si riesce a costruire una serie di difese di sbarramento e di profondità negli stretti di Hormuz, in grado di imbrigliarli anche a marine con capacità superiori a quella iraniana.

Aviazione navale[modifica | modifica wikitesto]

L'aviazione navale iraniana è una delle poche nell'area del Golfo Persico. I mezzi di produzione statunitense sono stati acquisiti negli anni sessanta e settanta quando l'Iran era governato dallo Scià, mentre il materiale europeo è più recente, in prevalenza francese e italiano.

Mezzo aereo Origine Tipo Varianti In servizio[8] Note
Aero Commander Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto utility 690 4
Shrike Commander Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto utility 500S 4
Agusta-Bell AB 205 Italia Italia elicottero leggero utility AB 205 2 costruito da Agusta
Agusta-Bell AB 206A Italia Italia elicottero utility AB 206A 20 costruito da Agusta
Agusta-Bell AB 212 Italia Italia elicottero leggero ASW AB 212ASW 10 costruito da Agusta
Dassault Falcon 20 Francia Francia trasporto VIP Falcon 20 2
Fokker F27 Friendship Paesi Bassi Paesi Bassi trasporto tattico F27-400M
F27-600
2
2
Sikorsky SH-3D Sea King Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility/ASW SH-3D 15
Sikorsky RH-53D Sea Stallion Stati Uniti Stati Uniti elicottero pesante/dragamine RH-53D 6 2 remained in use[9]
Iran Aircraft Manufacturing Industrial Company Saeqeh Iran aereo da caccia 2 [10] entrato in servizio nel 2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Conflict Iran: Iranian Made Mini-Sub
  2. ^ Conflict Iran: Iran Made Submarine Nahang-1
  3. ^ Article
  4. ^ http://www.defensenews.com/story.php?F=1582230&C=mideast
  5. ^ Kilo Class - Project 636
  6. ^ Iranian Fateh Class Diesel-Electric Submarine ~ Global Military Review
  7. ^ a b http://www.tehrantimes.com/politics/95558-iranian-naval-ships-cross-suez-canal-into-mediterranean-sea Iranian naval ships cross Suez Canal into Mediterranean Sea - Tehran Times del 18 febbraio 2012
  8. ^ "World Military Aircraft Inventory", Aerospace Source Book 2007, Aviation Week & Space Technology, January 15, 2007.
  9. ^ "World Military Aircraft Inventory". 2010 Aerospace Source Book. Aviation Week and Space Technology, January 2010.
  10. ^ Immagine del Saeqeh

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]