Marina bizantina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vessillo della Marina Bizantina

La marina bizantina fu un punto di forza per la difesa dell'impero bizantino, soprattutto per la capitale, Costantinopoli; punto di grande forza delle navi bizantine era anche l'uso del fuoco greco; la marina bizantina rimase attiva nei suoi compiti fino alla fine dell'impero, ossia fino al 29 maggio 1453. La marina bizantina era attiva, come anche l'esercito bizantino, dal 5 maggio (San Giorgio) al 26 ottobre (San Demetrio).[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Periodo iniziale[modifica | modifica sorgente]

Guerre civili e invasioni barbariche: il IV e il V secolo[modifica | modifica sorgente]

Dal tardo V secolo, il mediterraneo occidentale era caduto in mano a regni romano-barbarici. Le conquiste di Giustiniano I ripristinarono il controllo romano su quasi l'intero mare, che sarebbe durato fino alle conquiste islamiche di metà/fine VII secolo.

La marina militare bizantina, come l'Impero romano d'Oriente/bizantino stesso, era una continuazione dell'Impero romano e delle sue istituzioni. Dopo la Battaglia di Azio nel 31 a.C., in assenza di ogni minaccia esterna nel Mediterraneo, la flotta militare romana si limitò a incarichi per lo più di polizia e di scorta. Le grandi battaglie marittime, come quelle combattute nelle guerre puniche, non si verificarono più almeno fino al V secolo, e le flotte romane erano all'epoca composte da vascelli relativamente piccoli, meglio adatti ai loro nuovi compiti. All'inizio del IV secolo, le flotte romane permanenti si erano ridotte, per cui quando le flotte degli imperatori rivali Costantino I e Licinio si scontrarono nel 324 d.C.,[2] esse erano composte in gran parte di navi appena costruite o requisite dalle città portuali del Mediterraneo orientale.[3] Le guerre civili del IV e di inizio V secolo, tuttavia, stimolarono una ripresa dell'attività navale, con flotte per lo più impiegate a trasportare armate.[4] Considerevoli forze navali continuarono ad essere impiegate nel Mediterraneo occidentale lungo il primo quarto del V secolo, specialmente dal Nord Africa, ma la supremazia di Roma sul Mediterraneo fu sfidata quando l'Africa fu invasa e saccheggiata dai Vandali nel giro di quindici anni.[5]

Il nuovo regno vandalo di Cartagine, sotto la conduzione dello scaltro re Genserico, immediatamente sferrò incursioni lungo le coste dell'Italia e della Grecia, giungendo persino a saccheggiare Roma nel 455.[6] Le incursioni vandale continuarono incontrastate nel ventennio successivo, malgrado i frequenti tentativi romani di respingerle.[6] L'Impero d'Occidente era impotente, essendo la sua flotta militare ridotta a quasi niente,[7] ma gli imperatori d'Oriente potevano ancora contare sulle risorse e dell'esperienza navale del Mediterraneo orientale. Una prima spedizione orientale, nel 441, non proseguì però oltre la Sicilia, e nel 460 i Vandali attaccarono e distrussero una flotta di invasione romano-occidentale a Cartagena in Spagna.[6] Finalmente, nel 468, un'immensa spedizione orientale fu sferrata contro i Vandali sotto il comando di Basilisco, che si narra annoverasse 1.113 navi e 100.000 uomini, ma fallì in modo disastroso. Circa 600 navi andarono distrutte da brulotti, e il costo finanziario di 130.000 libbre d'oro e 700 libbre d'argento giunse al punto da minacciare la bancarotta dell'Impero.[8] La sconfitta subita costrinse i Romani a venire a patti con Genserico e firmare un trattato di pace. Una volta deceduto Genserico nel 477, tuttavia, la minaccia vandalica perse di pericolosità.[9]

VI secolo – Giustiniano ripristina il controllo romano sul Mediterraneo[modifica | modifica sorgente]

Il VI secolo segnò la rinascita della potenza marittima romana. Nel 508, in seguito a un conflitto con il Regno ostrogoto di Teodorico, si narra che l'Imperatore Anastasio I (491–518) abbia inviato una flotta di 100 navi di guerra per saccheggiare le coste dell'Italia.[10] Nel 513, il generale Vitaliano si rivoltò contro l'Imperatore Anastasio I. I ribelli assemblarono una flotta di 200 navi che, malgrado alcuni successi iniziali, venne distrutta dall'ammiraglio Marino, che impiegò una sostanza incendiaria basata sul zolfo per sconfiggerli.[11]

Nel 533, approfittando dell'assenza della flotta vandala, inviata a sopprimere una rivolta in Sardegna, un esercito di 15.000 soldati sotto il comando di Belisario fu trasportato in Africa da una flotta di invasione di 92 dromoni e 500 navi di trasporto,[12] portando allo scoppio della Guerra vandalica, la prima delle guerre di riconquista dell'Imperatore Giustiniano I (527–565). Queste furono operazioni per lo più anfibie, rese possibili dal controllo del Mediterraneo, e la flotta giocò un ruolo vitale nel trasportare rifornimenti e rinforzi alle truppe e alle guarnigioni bizantine disperse su territori vasti.[11] Ciò non sfuggì ai nemici dei Bizantini. Già negli anni 520, Teodorico aveva pianificato la costruzione di una gigantesca flotta da impiegare contro i Bizantini e i Vandali, ma una volta deceduto nel 526, i suoi piani non furono portati a termine dai suoi immediati successori.[13] Nel 535, cominciò la Guerra gotica con un'offensiva bizantina su due fronti, con una flotta che trasportò l'esercito di Belisario in Sicilia e successivamente in Italia, e un'altra armata che, invece, invase la Dalmazia. Il controllo bizantino dei mari era di grande importanza strategica, permettendo al più piccolo esercito bizantino di occupare vittoriosamente la penisola nel 540.[14]

Nel 541 il nuovo re ostrogoto Totila creò una flotta di 400 navi di guerra che negò l'accesso ai mari che circondavano l'Italia all'Impero. Due flotte bizantine vennero distrutte presso Napoli nel 542,[15] e nel 546, Belisario personalmente comandò 200 navi contro la flotta gotica che bloccava le bocche del Tevere, in un tentativo vano di liberare Roma dall'assedio gotico.[16] Nel 550, Totila invase la Sicilia, e l'anno successivo, la sua flotta di 300 navi occupò la Sardegna e la Corsica, giungendo a saccheggiare Corfù e la costa dell'Epiro.[17] Tuttavia, una sconfitta in una battaglia marittima nei pressi di Sena Gallica segnò l'inizio della ripresa imperiale, che portò alla sconfitta definitiva degli Ostrogoti.[11] Con la conquista finale dell'Italia e della Spagna meridionale sotto Giustiniano, il mar Mediterraneo ritornò ad essere di nuovo un "lago romano".[11]

Malgrado la perdita successiva di gran parte dell'Italia a vantaggio dei Longobardi, i Bizantini mantennero comunque il controllo dei mari - in quanto i Longobardi raramente si avventurarono in mare — e furono pertanto in grado di conservare per diversi secoli alcune parti costiere dell'Italia.[18] L'unica grande azione navale dei successivi 80 anni accadde durante l'Assedio di Costantinopoli ad opera di Persiani Sasanidi, Avari e Slavi nel 626. Durante quell'assedio, la flotta slava formata da monoxyla fu intercettata e distrutta dalla flotta bizantina, negando il passaggio lungo il Bosforo all'esercito sasanide e costringendo gli Avari alla ritirata.[19]

Scontri contro gli Arabi[modifica | modifica sorgente]

L'emergere della minaccia navale araba[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerre arabo-bizantine.
Mappa delle principali battaglie e operazioni arabe nel Mediterraneo nel corso delle guerre arabo-bizantine, VII–XI secolo.

Negli anni 640, la conquista islamica di Siria e dell'Egitto, strappate a Bisanzio, determinò l'emergere di una nuova minaccia per Bisanzio. Non solo gli Arabi avevano conquistato zone strategicamente importanti sia per il gettito fiscale che per il potenziale di reclutamento che esse fornivano, ma avevano deciso, per prevenire ulteriori attacchi bizantini dal mare, di costruire una flotta potente in grado di poter respingere le incursioni della flotta bizantina, che si era rivelata particolarmente pericolosa per gli Arabi, come aveva dimostrato l'effimera riconquista bizantina di Alessandria nel 644/645. In questo tentativo la nuova élite musulmana, che proveniva dall'entroterra della parte settentrionale della penisola arabica, fece affidamento in larga misura sulle risorse e sulla manodopera dell'appena conquistata Siria ed Egitto (soprattutto i Copti dell'Egitto), che fino ad alcuni anni prima avevano fornito navi ed equipaggi ai Bizantini.[20][21][22] Vi è, tuttavia, evidenza che nelle nuovi basi navali nella Palestina vennero impiegati anche costruttori di navi provenienti dalla Persia e dall'Iraq.[23] La mancanza di illustrazioni antecedenti al XIV secolo indica che nulla è noto sulle caratteristiche delle prime navi di guerra musulmane, sebbene si assumi generalmente che i loro tentativi di costruire una potente flotta abbiano tratto ispirazione dall'esistente tradizione marittima mediterranea. Data una largamente condivisa nomenclatura nautica, e le interazioni durate per secoli interi tra le due culture, le navi bizantine e quelle arabe condividevano molti punti in comune,[24][25][26] anche per quanto riguarda la tattica e l'organizzazione generale delle flotte; le traduzioni dei manuali militari bizantini erano disponibili agli ammiragli arabi.[24]

Cronaca di Teofane Confessore, Annus Mundi 6165.[27]

"In quel tempo Callinico, un artificiere da Eliopoli, fuggì presso i Romani. Aveva inventato un fuoco marino che, dando fuoco alle navi arabe, le incendiava con tutto l'equipaggio. Fu così che i Romani ritornarono con una vittoria e scoprirono il fuoco marino."

Dopo aver occupato Cipro nel 649 ed aver saccheggiato Rodi, Creta e la Sicilia, la giovane marina araba inflisse una sconfitta decisiva ai Bizantini condotti dall'Imperatore Costante II (641–668) in persona nella Battaglia di Phoenix nel 655.[28] Questa catastrofica sconfitta bizantina aprì il Mediterraneo agli Arabi, e diede inizio a una lunga serie, durata secoli, di conflitti navali tra le due potenze per il controllo delle acque del Mediterraneo.[28][29] A partire dal califfato di Muawiyah (661–680), le incursioni si intensificarono, in quanto erano in preparazione i preparativi per un grande assalto a Costantinopoli stessa. Nel corso del lungo primo assedio arabo di Costantinopoli (674-678), la flotta bizantina risultò decisiva nel garantire la sopravvivenza dell'Impero: le flotte arabe furono sconfitte grazie all'impiego di una nuova e distruttiva arma segreta di nuova invenzione, il "fuoco greco". L'avanzata musulmana in Asia Minore e nell'Egeo fu arrestata, e una tregua di trent'anni fu firmata tra i due imperi.[30]

Negli anni 680, Giustiniano II (685–695 e 705–711) prestò attenzione alle necessità della marina, rinforzandola con il reinsediamento di oltre 18.500 Mardaiti lungo le coste meridionali dell'Impero, dove vennero impiegati come fanti di marina e rematori.[31] Malgrado ciò, la minaccia navale araba si intensificò di nuovo dopo la graduale conquista islamica del Nord Africa avvenuta negli anni 680 e 690.[32] L'ultima fortezza bizantina in Africa, Cartagine, cadde nel 698, nonostante un tentativo da parte della flotta bizantina di riconquistarla.[33] Il governatore arabo Musa bin Nusair costruì una nuova città e una base navale a Tunisi, e 1.000 costruttori di navi Copti vennero incaricati di costruire una nuova flotta, che avrebbe sfidato i Bizantini per il controllo del Mediterraneo occidentale.[34] Dagli inizi dell'VIII secolo in poi, le incursioni musulmane colpirono incessantemente i residui possedimenti bizantini nel Mediterraneo occidentale, in particolar modo la Sicilia.[23][35] Inoltre, la nuova flotta avrebbe permesso ai Musulmani di completare la conquista del Maghreb e di invadere e conquistare con successo la maggior parte della Spagna visigota.[36]

Controffensiva bizantina[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Iconoclastia.
L'Imperatore Leone III Isaurico con il figlio e successore, Costantino V. Essi ottennero diversi successi contro gli Arabi, ma determinarono lotte interne all'interno dell'Impero a causa della loro politica iconoclastica.

I Bizantini non furono in grado di reagire con efficacia all'avanzata musulmana in Africa, perché tra il 695 e 715 l'Impero cadde nell'anarchia interna.[37] Reagirono con incursioni in oriente, come quella del 709 contro l'Egitto nel corso della quale fu catturato l'ammiraglio locale,[35] ma erano anche consapevoli di un futuro assalto furioso alla capitale: poiché il Califfo al-Walid I (705–715) stava preparando i suoi eserciti in vista di un rinnovato assalto alle mura di Costantinopoli, l'Imperatore Anastasio II (713–715) preparò la capitale, e montò un vano attacco preventivo contro i preparativi navali musulmani.[37] Anastasio fu in breve tempo detronizzato da Teodosio III (715–717), a sua volta rovesciato da Leone III Isaurico (717–741), proprio nel momento in cui l'esercito musulmano stava avanzando attraverso l'Anatolia. Fu Leone III ad affrontare con successo il secondo e ultimo assedio arabo di Costantinopoli. L'impiego del fuoco greco, che inflisse forti danni alla flotta araba, fu di nuovo decisivo per la sopravvivenza dell'Impero, mentre una inverno molto gelido e attacchi Bulgari decimarono ulteriormente gli invasori, facendo così fallire l'assedio.[38]

Alla conclusione dell'assedio, ciò che rimaneva della flotta araba subì ulteriori danni in seguito a una tempesta, mentre le truppe bizantine sferrarono una controffensiva, con una flotta che saccheggiò Laodicea e un esercito che scacciò gli Arabi dall'Asia Minore.[39][40] Nei successivi tre decenni, i conflitti navali tra le due potenze erano caratterizzati da incursioni costanti da entrambi i contendenti, con i Bizantini che sferrarono ripetuti attacchi contro le basi navali musulmane in Siria (Latakia), e Egitto (Damietta e Tinnis).[35] Nel 727, una rivolta delle flotte tematiche, dovuta in larga misura al risentimento per l'iconoclasmo dell'Imperatore, fu repressa dalla flotta imperiale grazie al fuoco greco.[41] Nonostante le perdite conseguenti a ciò, circa 390 navi di guerra vennero spedite per attaccare Damietta nel 739, e nel 747, con l'aiuto di navi provenienti dall'Italia, i Bizantini sconfissero le flotte combinate siriache e alessandrine al largo di Cipro, ponendo fine all'egemonia navale del Califfato umayyade.[35]

I Bizantini fecero seguito a ciò con la distruzione delle flottiglie del Nord Africa, e accoppiarono i loro successi in mare con rigide limitazioni commerciali imposte ai commercianti musulmani. Data la nuova capacità da parte dell'Impero di controllare le acque marittime, ciò provocò danni considerevoli al commercio marittimo musulmano.[42] Con il collasso del Califfato Umayyade avvenuto poco tempo dopo e la sempre più crescente frammentazione del mondo islamico, la flotta bizantina rimase l'unica forza navale organizzata nel Mediterraneo.[35] Fu così che, durante la seconda metà dell'VIII secolo, i Bizantini poterono godere di un secondo periodo di completa superiorità navale.[21] Durante questo periodo, sorvegliare le coste della Siria contro un attacco della flotta bizantina era considerato dai Musulmani un atto più pio di trascorrere un'intera notte di preghiera nella Kaaba.[43] Questi successi consentirono all'Imperatore Costantino V (741–775) di spostare la flotta dal Mediterraneo al Mar Nero nel corso delle sue campagne contro i Bulgari negli anni 760. Nel 763, una flotta di 800 navi trasportanti 9.600 cavalieri e diversi fanti salpò ad Anchialo, dove ottenne una significativa vittoria sul nemico, ma nel 766, una seconda flotta, che si narra comprendesse 2.600 navi e salpata per Anchialo, affondò lungo il tragitto.[44] Al contempo, tuttavia, gli imperatori isaurici minarono la forza navale di Bisanzio: con la minaccia araba andata per il momento, e con i temi navali largamente iconoduli che si opponevano alla loro politica iconoclastica, gli imperatori ridussero le dimensioni della marina e degradarono i temi navali.[45]

Ripresa della flotta araba[modifica | modifica sorgente]

La flotta pirata saracena salpa in direzione di Creta. Dal manoscritto di Madrid di Scilitze.

Il predominio bizantino sui mari durò fino all'inizio del IX secolo, quando una serie di disastri per opera delle risorgenti flotte musulmane posero fine a questo predominio, inaugurando un'epoca che avrebbe rappresentato lo zenit dell'ascendenza musulmana.[46] Già nel 790, i Bizantini soffrirono una sconfitta importante presso il Golfo di Antalya, e le incursioni navali degli Arabi contro Cipro e Creta era ricominciate durante il califfato di Harun al-Rashid (786–809).[47] Lungo il Mediterraneo, nuove potenze stavano sorgendo, tra cui l'Impero carolingio, mentre nell'803, la Pax Nicephori riconobbe l'indipendenza de facto della bizantina Venezia, che fu ulteriormente rafforzata dalla respinta di un attacco bizantino nell'809.[48] Al contempo, a Ifriqiya, venne fondata la nuova dinastia degli Aghlabidi, che immediatamente sferrò incursioni lungo il Mediterraneo centrale.[48]

I Bizantini, dall'altra parte, erano indeboliti da una serie di catastrofiche sconfitte contro i Bulgari, a cui seguì nell'820 la rivolta di Tommaso lo Slavo, che ottenne il supporto di una larga parte delle forze armate bizantine, incluse le flotte tematiche.[49] Malgrado la sua soppressione, la rivolta aveva indebolito di molto le difese dell'Impero. Di conseguenza, Creta cadde tra l'824 e l'827 per opera di una banda di esiliati andalusiani. Tre tentativi successivi di riconquista bizantina fallirono nel giro di pochi anni, e l'isola divenne una base navale per i pirati musulmani che sferrarono frequenti incursioni navali nell'Egeo, turbando radicalmente l'equilibrio di potere nella regione.[50] Malgrado alcuni successi bizantini sui corsari di Creta, e il sacco di Damietta ad opera di una flotta bizantina di 85 navi nell'853,[51] la potenza navale araba nel Levante stava risorgendo sotto il dominio degli Abbasidi.[52] Ulteriori tentativi bizantini di riconquistare Creta, nell'843 e nell'866, fallirono completamente.[53]

Ibn Khaldūn, Muqaddimah, III.32[54]

"In questo periodo [...] i Musulmani acquisirono il controllo sull'intero Mediterraneo. La loro potenza e i loro domini erano vasti. Le nazioni Cristiane erano impotenti contro le flotte musulmane, dovunque nel Mediterraneo. Per tutto il tempo, i Musulmani cavalcarono l'onda della conquista."

La situazione era diventata ancora più critica in Occidente. Un colpo critico all'Impero fu inflitto nell'827, quando gli Aghlabidi cominciarono la loro lenta conquista della Sicilia, aiutati dalla defezione del comandante bizantino Eufemio e della flotta tematica dell'isola.[52][55] Nell'838, i Musulmani sbarcarono in Italia, occupando Taranto e Brindisi, seguite presto da Bari. Le operazioni Veneziane contro i Saraceni furono vane, e nel corso degli anni 840, gli Arabi saccheggiavano liberamente l'Italia e l'Adriatico, giungendo al punto di attaccare Roma nell'846.[55] Gli attacchi longobardi e dell'Imperatore carolingio Lotario I fallirono nello sloggiare i Musulmani dall'Italia, mentre due tentativi bizantini a larga scala per recuperare la Sicilia furono pesantemente sconfitti nell'840 e nell'859.[56] Dall'850, le flotte musulmane, a cui si unirono grandi numeri di saccheggiatori indipendenti ghazi, erano emerse come la principale potenza del Mediterraneo, mettendo sulla difensiva i Bizantini e i Cristiani in generale.[52][57]

Nello stesso periodo, caratterizzato da un'indebolita Bisanzio costretta a difendersi da minacce esterne su tutti i fronti, emerse una nuova, inaspettata, minaccia: i Rus' fecero la loro prima apparizione nella storia bizantina con una incursione contro la Paflagonia negli anni 830, seguita da una spedizione maggiore nell'860.[58][59]

Riconquista bizantina: la dinastia macedone[modifica | modifica sorgente]

Nel corso del tardo IX e del X secolo, approfittando della frammentazione del Califfato in stati più piccoli, con conseguente indebolimento degli Arabi, i Bizantini sferrarono una serie di vittoriose campagne contro essi.[60] Questa "riconquista bizantina" fu condotta dagli abili sovrani della dinastia macedone (867–1056), e segnò l'apogeo dello stato medio-bizantino.[61]

Regno di Basilio I[modifica | modifica sorgente]

Solidus aureo dell'Imperatore Basilio I il Macedone. Il suo potenziamento della flotta condusse ad alcuni successi contro gli Arabi e fu a lungo ricordato dai marinai, i cui forti legami di fedeltà alla dinastia macedone furono sentiti fino al regno di suo nipote, Costantino VII.[62]

L'ascesa al trono dell'Imperatore Basilio I (867–886) segnò la rinascita della flotta, in quanto si imbarcò in una politica estera aggressiva e, continuando l'opera del suo predecessore, Michele III (842–867), potenziò la flotta, ottenendo, di conseguenza, diverse vittorie.[63] Nell'867, una flotta posta sotto il comando del droungarios tou plōïmou Niceta Ooryphas liberò la Dalmazia dagli attacchi arabi ristabilendo la dominazione bizantina nella zona.[64] Alcuni anni dopo, sconfisse pesantemente per due volte i pirati di Creta,[65] rendendo temporaneamente sicure le acque dell'Egeo.[52] Cipro, inoltre, fu, anche se solo temporaneamente, recuperata e Bari occupata.[66] Al contempo, tuttavia, i Musulmani rafforzarono la loro dominazione in Cilicia, e Tarso divenne una delle basi principali da dove sferrare incursioni per terra e per mare in territorio bizantino, soprattutto durante l'emirato di Yazaman al-Khadim (882–891).[67]

In Occidente, i Musulmani continuarono a ottenere nuovi successi in Sicilia, in quanto le guarnigioni locali bizantine si provarono inadeguate: l'Impero fu costretto a fare affidamento sull'aiuto dei loro sudditi nominali italiani, e ricorrere al trasferimento della flotta orientale in Italia senza però ottenere alcun successo.[68] In seguito alla caduta di Enna nell'855, i Bizantini furono confinati alla costa orientale della Sicilia, anch'essa minacciata dagli Arabi. Una spedizione di liberazione della Sicilia inviata nell'868 non ottenne risultati di rilievo, Siracusa fu attaccata di nuovo nell'869, mentre nell'870, Malta cadde in mano degli Aghlabidi.[69] Nel frattempo i corsari musulmani saccheggiavano le coste dell'Adriatico, e, anche se furono scacciati dalla Puglia, all'inizio degli anni 880 stabilirono delle basi sulle coste occidentali della penisola italiana, da cui non vennero completamente sloggiati fino al 915.[70] Nell'878, Siracusa, la fortezza principale bizantina in Sicilia, fu attaccata di nuovo e questa volta cadde, soprattutto perché la flotta imperiale era impegnata in quel momento a trasportare marmo per la costruzione della Nea Ekklesia, la nuova chiesa di Basilio.[71] Nell'880, il successore di Ooryphas, il droungarios Nasar, ottenne una vittoria significativa in una battaglia notturna sui Tunisini, che stavano saccheggiando le isole ioniche, per poi procedere ad attaccare la Sicilia, ottenendo molto bottino, prima di sconfiggere un'altra flotta musulmana al largo di Punta Stilo. Nel frattempo, un altro squadrone bizantino ottenne un successo significativo a Napoli.[72][73] Questi successi permisero una breve controffensiva bizantina in Occidente nel corso degli anni 870 e 880, condotta da Niceforo Foca il vecchio, la quale ebbe come risultato il rafforzamento della dominazione bizantina in Puglia e Calabria e la formazione del thema di Longobardia, che si sarebbe poi evoluto nel Catapanato d'Italia. Una pesante sconfitta subita nelle acque di Milazzo nell'888, tuttavia, segnalò la scomparsa virtuale di ogni grande attività navali bizantine nelle acque circondanti l'Italia per il secolo successivo.[52][74]

Incursioni arabe durante il regno di Leone VI[modifica | modifica sorgente]

Il sacco di Tessalonica ad opera degli Arabi condotti da Leone di Tripoli nel 904, come dipinto nel manoscritto di Madrid di Scilitze. Fu la più seria di un'ondata rinnovata di incursioni piratesche delle flotte islamiche nel Mar Egeo durante il regno di Leone VI.

Malgrado i successi conseguiti sotto Basilio, nel corso del regno del suo successore Leone VI il Saggio (886–912), l'Impero fu di nuovo costretto a fronteggiare minacce serie. Al nord, scoppiò una guerra contro lo Zar bulgaro Simeone, e una parte della flotta imperiale fu adoperata nell'895 per trasportare un'armata di Magiari lungo il Danubio per saccheggiare la Bulgaria.[75] La guerra bulgara costò alcune costose sconfitte, mentre al contempo la minaccia navale araba aumentò di nuovo di intensità, con numerose incursioni che devastarono le coste del Mar Egeo. Nell'891 o nell'893, la flotta araba saccheggiò l'isola di Samos e prese prigioniero il suo stratēgos, mentre, nell'898, l'ammiraglio eunuco Raghib prese prigionieri 3.000 marinai bizantini del thema dei Kibyrrhaiotai.[76] Queste sconfitte snudarono le difese bizantine, lasciando esposto il Mar Egeo alle incursioni delle flotte siriane.[67] Il primo colpo pesante giunse nel 901, quando il rinnegato Damiano di Tarso saccheggiò Demetrias, mentre nell'anno successivo, Taormina, l'ultima roccaforte dell'Impero in Sicilia, cadde in mano musulmana.[70][76] Il disastro più grande, tuttavia, giunse nel 904, quando un altro rinnegato, Leone di Tripoli, saccheggiò l'Egeo: la sua flotta penetrò persino fino ai Dardanelli, prima di procedere a saccheggiare la seconda città dell'Impero, Tessalonica, mentre la flotta dell'Impero rimaneva in inazione a causa della superiorità numerica della flotta araba.[77] Nel frattempo, le incursioni dei corsari di Creta crebbero di tale intensità, che, alla fine del regno di Leone, la maggior parte delle isole dell'Egeo meridionale erano o abbandonate o costrette ad accettare la supremazia musulmana e pagare un tributo ai pirati.[78] Non vi è sorpresa, quindi, che nei manuali militari navali bizantini scritti durante il regno di Leone VI (Naumachica) sia suggerito prevalentemente un atteggiamento difensivo e cauto.[52]

L'ammiraglio bizantino più abile del periodo fu Himerios, il logothetēs tou dromou. Assunto come ammiraglio nel 904, non fu in grado di impedire il sacco di Tessalonica, ma ottenne una prima vittoria nel 905 o nel 906, e, nel 910, sferrò un attacco vittorioso su Laodicea (Siria):[79][80] la città fu saccheggiata e il suo entroterra saccheggiato anch'esso senza perdere una sola nave.[81] Un anno dopo, tuttavia, un'immensa spedizione di 112 dromoni e 75 pamphyloi, per un totale di 43.000 uomini, salpata sotto il comando di Himerios e diretta contro l'Emirato di Creta, non solo non riuscì a riconquistare l'isola,[82][83] ma, durante il viaggio di ritorno, fu colta in un'imboscata e annientata da Leone di Tripoli al largo di Chios (Ottobre 912).[84][85]

La flotta bizantina cominciò a riprendersi di nuovo dopo il 920. In quello stesso anno proprio un ammiraglio salì al trono di Bisanzio, Romano I Lecapeno (920–944), per la seconda (dopo Tiberio Apsimaro) e per l'ultima volta nella storia dell'Impero. Finalmente, nel 923, la sconfitta decisiva inflitta a Leone di Tripoli al largo di Lemnos, unita all'uccisione di Damiano durante l'assedio di una fortezza bizantina nell'anno successivo, segnò l'inizio della ripresa bizantina.[86]

Riconquista di Creta e della Siria settentrionale[modifica | modifica sorgente]

L'assedio di Candia, la principale roccaforte musulmana a Creta, come dipinta nel manoscritto Madrid Skylitzes. Niceforo Foca condusse un'ambiziosa spedizione che riuscì a riconquistare Creta, oltre a porre fine alla minaccia piratesca musulmana nel Mar Egeo.

La ripresa della flotta imperiale mostrò i suoi primi frutti nel 942, quando l'Imperatore Romano I inviò uno squadrone nel Mar Tirreno: adoperando il fuoco greco, lo squadrone distrusse una flotta di corsari musulmani presso Frassineto.[87] Nel 949, tuttavia, un'altra spedizione di circa 100 navi, lanciata da Costantino VII (945–959) contro l'Emirato di Creta, risultò in una catastrofica sconfitta, dovuta all'incompetenza del suo comandante, Costantino Gongyles.[88][89] Una rinnovata offensiva in Italia nel 951–952 fu sconfitta dagli Aghlabidi, ma un'altra spedizione nel 956 e la distruzione di una flotta tunisina ad opera di una tempesta nel 958 stabilizzò temporaneamente la situazione nella penisola.[87] In seguito a una rivolta dei Greci dell'isola, nel 963–965 una spedizione bizantina riuscì a recuperare Taormina,[90] ma una sconfitta pesante bizantina subita per opera dei Fatimidi presso lo Stretto di Messina nel 965 frenò l'attività navale bizantina in Occidente.[91] Le acque dell'Italia furono affidate alla difesa delle forze bizantine locali e ai vari stati italiani fino a dopo il 1025, quando Bisanzio cominciò di nuovo ad intervenire attivamente in Italia meridionale e in Sicilia.[91][92]

In Oriente, nel 956 lo stratēgos Basilio Hexamilites inflisse una sconfitta devastante alla flotta di Tarso, aprendo la via per un'altra grandiosa spedizione per recuperare Creta.[87] Essa fu affidata al comando di Niceforo Foca, che, nel 960, salpò con una flotta di 100 dromoni, 200 chelandia, e 308 navi di trasporto, per un totale di 77.000 uomini, per sottomettere l'isola.[93] La conquista di Creta pose fine alla minaccia piratesca musulmana nelle acque dell'Egeo, il cuore marittimo dell'Impero, mentre le successive campagne militari di Niceforo Foca condussero alla riconquista della Cilicia (nel 963), di Cipro (nel 968),[94] e della Siria settentrionale (nel 969).[95] Queste conquiste rimossero la minaccia delle un tempo potenti flotte siriane musulmane, ristabilendo il predominio bizantino nel Mediterraneo orientale, tanto che Niceforo Foca si sarebbe vantato con Liutprando di Cremona affermando "Io da solo comando i mari".[63][91] Avvennero alcune incursioni e scontri navali tra Bisanzio e i Fatimidi nel corso degli anni 990, ma relazioni pacifiche tra i due stati vennero ristabilite poco tempo dopo, e il Mediterraneo orientale rimase relativamente calmo per alcuni decenni.[96]

Nello stesso periodo, la flotta bizantina fu attiva anche nel Mar Nero: una flotta dei Rus' che minacciava Costantinopoli nel 941 fu distrutta da 15 vecchie navi equipaggiate con il fuoco greco, mentre la flotta risultò di nuovo decisiva nel corso della Guerra Rus'–bizantina del 970–971, allorché Giovanni I Zimisce (969–976) inviò 300 navi a bloccare ogni via di fuga lungo il Danubio ai Rus' di Kiev.[97]

Periodo dei Comneni[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Comneni.

Declino durante l'XI secolo[modifica | modifica sorgente]

Ammonizioni all'Imperatore, dallo Strategikon di Kekaumenos, Cap. 87[98]

"Sforzatevi al massimo per avere la flotta al massimo della condizione[...]. Perché la flotta è la gloria della Rhōmania. [...] I droungarios e i prōtonotarios della flotta dovrebbero [...] investigare con rigore ogni minima cosa che venga fatta alla flotta. Perché quando la flotta è ridotta al nulla, verrai rovesciato e cadrai."

Per il corso della maggior parte dell'XI secolo, la flotta bizantina affrontò nuove sfide. La minaccia musulmana era terminata, in quanto le loro flotte erano in crisi ma soprattutto perché le relazioni tra l'Impero e i Fatimidi erano pacifiche. L'ultima incursione araba in territorio imperiale fu registrata nel 1035 nelle Cicladi, e fu sconfitta l'anno successivo.[99] Un altro attacco dei Rus' nel 1043 fu respinto agevolmente, e, a parte un effimero tentativo di riconquistare la Sicilia sotto il comando di Giorgio Maniace, non furono più intraprese importanti spedizioni navali. Inevitabilmente, questo lungo periodo di pace e prosperità condusse alla trascuratezza dell'esercito e della flotta. Già all'epoca del regno di Basilio II (976–1025), la difesa dell'Adriatico fu affidata ai Veneziani. Sotto Costantino IX (1042–1055), vennero ridotti gli effettivi sia della flotta che dell'esercito in quanto il servizio militare fu sempre più frequentemente commutato in favore di pagamenti in denaro, risultando in una sempre più crescente dipendenza da soldati mercenari.[100][101] Le grandi flotte tematiche declinarono e vennero sostituite da minuscoli squadroni sottoposti ai comandanti militari locali, più adatti a sopprimere la pirateria piuttosto che fronteggiare con successo una grande minaccia marittima.[102]

Nell'ultimo quarto dell'XI secolo, la flotta bizantina era l'ombra di sé stessa, tanto che era declinata per la trascuratezza e l'incompetenza dei suoi ufficiali, e per la mancanza di finanziamenti.[103] Cecaumeno, scrivendo nel 1078 ca., lamenta che "[le navi bizantine] non stanno facendo nient'altro che trasportare frumento, orzo, formaggi, vino, carni, olio di uliva, grandi quantità di denaro, e nient'altro" dalle isole e dalle coste dell'Egeo, mentre "sfuggono [al nemico] prima ancora di avvistarlo, divenendo così un imbarazzo per i Romani".[98] Al tempo in cui scriveva Cecaumeno, erano emerse nuove e potenti minacce. In Occidente, il Regno di Sicilia normanno, che aveva espulso i Bizantini dall'Italia meridionale e avevano conquistato la Sicilia,[104] stava ora volgendo le sue mire verso i territori bizantini sulla costa Adriatica ed oltre. In Oriente, la disastrosa disfatta bizantina nella Battaglia di Manzikert nel 1071 era costata la perdita dell'Asia Minore, il cuore economico e militare dell'Impero, conquistata dai Turchi Selgiuchidi, che dal 1081 avevano posto la propria capitale a Nicea, ad appena un centinaio di miglia a sud di Costantinopoli.[105] Poco tempo dopo, fecero la loro comparsa nell'Egeo pirati sia turchi che cristiani. Le flotte tematiche bizantine, che un tempo sorvegliavano i mari, erano ora incapaci di reagire con efficacia alle nuove minacce per la trascuratezza e per le guerre civili.[106]

Tentativi di recupero sotto Alessio I e Giovanni II[modifica | modifica sorgente]

A questo punto, lo stato miserevole della flotta bizantina ebbe pesanti ripercussioni. L'invasione normanna della Grecia non poteva essere arrestata, e il loro esercito occupò Corfù, sbarcò senza trovare opposizioni in Epiro e assediò Dyrrhachium,[107] cominciando un decennio di guerre che consumò le scarse risorse dell'ormai inguaiato stato bizantino.[108] Il nuovo imperatore, Alessio I Comneno (1081–1118), fu costretto a implorare l'aiuto dei Veneziani, che negli anni 1070s avevano già affermato il loro controllo dell'Adriatico e della Dalmazia contro i Normanni.[109] Nel 1082, in cambio della loro assistenza, i Veneziani ottennero dall'Imperatore di Bisanzio importanti concessioni commerciali.[110] Questo trattato, e le successive estensioni di questi privilegi, praticamente resero i Bizantini ostaggi dei Veneziani (e successivamente dei Genovesi e dei Pisani). Lo storico John Birkenmeier nota che: "La mancanza di una flotta da parte di Bisanzio [...] significava che Venezia poteva regolarmente estorcere privilegi economici, determinare se gli invasori, come i Normanni o i Crociati, entrassero nell'Impero, e fermare ogni tentativo bizantino di restringere l'attività commerciale o navale veneziana."[108] Negli scontri con i Normanni avvenuti durante gli anni 1080, l'unica effettiva forza navale bizantina era uno squadrone comandato da Michele Mauricas, un comandante navale veterano. Insieme ai Veneziani, inizialmente prevalse sulla flotta normanna, ma successivamente la flotta congiunta fu presa di sorpresa e sconfitta dai Normanni al largo di Corfù nel 1084.[111][112]

Alessio inevitabilmente comprese l'importanza di possedere una propria flotta, e malgrado privilegiasse le operazioni di terra, prese alcune misure per potenziare di nuovo la flotta. I suoi tentativi portarono a qualche frutto, in particolar modo nel respingere i tentativi degli emiri turchi come Tzachas di Smirne di inviare flotte a saccheggiare l'Egeo.[113] La flotta comandata da Giovanni Ducas fu adoperata anche per sopprimere rivolte a Creta e Cipro.[114] Con l'aiuto dei Crociati, Alessio fu in grado di recuperare le coste dell'Anatolia occidentale e di espandere la sua influenza ad Oriente anche oltre: nel 1104, uno squadrone bizantino di 10 navi conquistarono Laodicea ed altre città costiere fino a Tripoli.[115] Nel 1118, Alessio fu in grado di consegnare una piccola marina al suo successore, Giovanni II Comneno (1118–1143).[116] Come suo padre, Giovanni II concentrò le sue attenzioni sull'esercito e sulle regolari campagne terrestri, ma non trascurò la flotta, cercando di mantenerne la forza e il sistema di approvvigionamento.[117] Nel 1122, tuttavia, Giovanni rifiutò di rinnovare i privilegi commerciali che Alessio aveva garantito ai Veneziani. Di conseguenza, i Veneziani per rappresaglia saccheggiarono alcune isole bizantine, costringendo Giovanni, la cui flotta non era sufficientemente potente per confrontarsi con i Veneziani, a rinnovare i privilegi nel 1125.[116] Evidentemente la flotta bizantina non era ancora sufficientemente potente per consentire a Giovanni di confrontarsi con successo con Venezia, specialmente perché le risorse dell'Impero andavano investite anche su altre questioni urgenti. Non molto tempo dopo questo incidente, si narra che Giovanni II, agendo su consiglio del suo ministro delle finanze Giovanni di Poutze, avesse tagliato i fondi alla flotta e li avesse trasferiti all'esercito, equipaggiando navi solo su basi ad hoc.[116][118]

Spedizioni navali di Manuele I[modifica | modifica sorgente]

La marina poté godere di un aumento di importanza sotto l'ambizioso imperatore Manuele I Comneno (1143–1180), che la impiegò molto frequentemente come strumento potente per confrontarsi in politica estera con gli Stati latini e musulmani del Mediterraneo orientale.[119] Nel corso dei primi anni del suo regno, la marina bizantina era ancora debole: nel 1147, la flotta di Ruggero II di Sicilia, comandata da Giorgio di Antiochia fu in grado di saccheggiare Corfù, le isole ioniche e l'Egeo senza trovare opposizioni.[120] Nell'anno successivo, con il sostegno dei Veneziani, un'armata coadiuvata da una flotta immensa (500 navi da guerra e 1.000 di trasporto) fu inviata per recuperare Corfù e le isole ioniche occupate dai Normanni. I Normanni replicarono inviando una flotta di 40 navi che raggiunse addirittura Costantinopoli, compiendo scorrerie nei suoi sobborghi.[121][122] Durante il viaggio di ritorno, tuttavia, fu attaccata e distrutta da una flotta bizantina o veneziana.[122]

Nel 1155, uno squadrone bizantino di 10 navi in sostegno del ribelle normanno Roberto III di Loritello sbarcò ad Ancona, lanciando l'ultimo tentativo bizantino di riconquistare l'Italia meridionale. Malgrado alcuni successi iniziali e l'arrivo di rinforzi sotto il megas doux Alessio Comneno Briennio, la spedizione fu alla fine sconfitta nel 1156, e 4 navi bizantine vennero catturate.[123] Nel 1169, i tentativi di Manuele di potenziare la flotta avevano cominciato a dare i suoi frutti, in quanto una flotta immensa e puramente bizantina di circa 150 galee, 20 grandi navi di trasporto e 60 navi di trasporto dei cavalli sotto il comando del megas doux Andronico Contostefano fu inviata per invadere l'Egitto in cooperazione con il sovrano dello stato Crociato Regno di Gerusalemme.[124][125] L'invasione, tuttavia, fallì, e i Bizantini persero metà della propria flotta durante il viaggio di ritorno a causa di una tempesta.[126]

In seguito al sequestro e all'imprigionamento di tutti i Veneziani nell'Impero per ordine dell'Imperatore, avvenuto nel marzo 1171, la flotta bizantina era sufficientemente forte per respingere un prevedibile attacco dei Veneziani, che sbarcarono a Chios, dove si insediarono per le negoziazioni. Manuele inviò una flotta di 150 navi sotto Kontostephanos per confrontarsi con essi in quel luogo e impiegò tattiche di temporeggiamento, fino a che, indeboliti dalla malattia, i Veneziani cominciarono la ritirata, venendo inseguiti dalla flotta di Kontostephanos.[127][128] Fu questa una notevole inversione di fortune, comparata con l'umiliazione del 1125. Nel 1177, un'altra flotta di 70 galee e 80 navi ausiliarie sotto il comando di Kontostephanos, destinata per l'Egitto, ritornò in patria dopo essere comparsa al largo di Acre, in quanto il Conte Filippo I di Fiandra e molti nobili di spicco del Regno di Gerusalemme avevano rifiutato di prendere parte alla spedizione.[126][129][130] Tuttavia, alla fine del regno di Manuele, i danni dovuti allo sforzo di dover sostenere guerre continue su tutti i fronti a causa delle ambizioni smodate dell'Imperatore, erano divenuti evidenti: lo storico Niceta Coniata attribuisce la rinascita della pirateria negli ultimi anni di regno di Manuele al trasferimento dei fondi destinati al mantenimento della flotta alle altre necessità del tesoro imperiale.[131]

Declino[modifica | modifica sorgente]

Dinastia degli Angeli[modifica | modifica sorgente]

La Caduta di Costantinopoli in mano crociata durante la Quarta Crociata (1204) segnò il trionfo dell'Occidente latino, e particolarmente della potenza marittima veneziana, sull'indebolito Impero bizantino.

La marina militare bizantina declinò una volta spentosi Manuele I (1180) ed, alcuni anni dopo, nel 1185, la dinastia comnena. I costi di mantenimento delle galee e di equipaggi efficienti erano molto alti, e il trascuramento della flotta sotto i successori di Manuele portò a un nuovo e rapido declino. Già nel 1182 i Bizantini dovettero ricorrere al pagamento di mercenari veneziani per arruolarli in alcune delle loro galee,[132] ma, nonostante ciò, ancora negli anni 1180, sono registrate ancora nelle fonti contemporanee spedizioni di 70-100 navi, in quanto il nucleo della riforma navale comnena ancora persisteva.[133]

E fu così che l'Imperatore Andronico I (1183–1185) poteva ancora mettere insieme una flotta di 100 navi da guerra nel 1185 per respingere una flotta normanna nel Mar di Marmara.[134] Tuttavia, il conseguente trattato di pace comprendeva una clausola che obbligava il Regno di Sicilia a fornire una flotta all'Impero. Ciò, insieme a un accordo simile stretto da Isacco II Angelo (1185–1195 e 1203–1204) con Venezia l'anno successivo, con il quale la Repubblica si impegnava a fornire 40–100 galee per sei mesi in cambio di favorevoli concessioni commerciali, è una chiara indicazione che il governo bizantino era consapevole dell'inadeguatezza della propria flotta.[132] Nel 1186, essendo suo fratello Alessio III (1195–1203) tenuto prigioniero in Acre, Isacco II inviò 80 galee per liberarlo, ma la flotta fu distrutta al largo di Cipro dal pirata normanno Margarito da Brindisi. Nello stesso anno, un'altra flotta bizantina di 70 navi fu inviata da Isacco II per riconquistare Cipro, caduta nelle mani di Isacco Comneno, ma fu anch'egli sconfitto da Margarito.[135]

Il declino subì un'ulteriore accelerazione nel corso degli anni 1190. Secondo Coniata, il megas doux, Michele Stryphnos, svendette l'equipaggiamento delle navi di guerra per il proprio profitto personale,[132] così che nel 1196, erano rimaste a disposizione solo 30 galee.[136] I Bizantini erano quindi senza speranze in quanto Genovesi, Pisani e Veneziani operavano liberamente nell'Egeo verso la fine degli anni 1190, saccheggiando a volontà e imponendo le loro condizioni all'Impero.[137] Nel corso di questo periodo, i Bizantini dovettero fare affidamento sull'assunzione di mercenari occidentali affinché combattessero per essi.[124] Quando, nel corso della Quarta Crociata, i Crociati assediarono Costantinopoli nel 1203, si narra che la flotta bizantina si fosse ridotta a sole 20 navi, tanto era decaduta la flotta, al punto che nel corso dell'assedio, solo 17 navi vennero impiegate invano come brulotti contro la flotta veneziana.[136]

Nicea e il periodo dei Paleologi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Paleologi.
L'Imperatore Michele VIII Paleologo. Ripristinò l'Impero bizantino riconquistando Costantinopoli, e fu responsabile dell'ultima rinascita della flotta bizantina, che ritornò per breve tempo, una delle potenze navali principali.

Dopo la Quarta Crociata, l'Impero bizantino fu spartito tra i Crociati, mentre tre stati successori greci vennero fondati, il Despotato di Epiro, l'Impero di Trebisonda, e l'Impero di Nicea, ognuno rivendicante il titolo imperiale bizantino. Il primo di questi non possedeva una flotta, mentre la flotta di Trebisonda era minuscola e adoperata per lo più per sorvegliare le acque e trasportare le truppe, mentre i Niceni inizialmente attuarono una politica di consolidamento ed impiegarono la propria flotta per la difesa delle coste.[138][139] Sotto Giovanni III Vatatze (1222–1254), tuttavia, fu seguita una politica estera più energetica, e nel 1225, la flotta nicena fu in grado di occupare le isole di Lesbos, Chios, Samos, e Icaria.[140] La flotta di Nicea, tuttavia, non aveva possibilità di vincere la più potente flotta veneziana: nel corso di un tentativo di bloccare Costantinopoli nel 1235, la flotta nicena fu sconfitta da una di gran lunga inferiore forza veneziana, e in un altro tentativo simile nel 1241, i Niceni furono di nuovo messi in rotta.[140] I tentativi niceni, nel corso degli anni 1230, di appoggiare una rivolta locale a Creta contro Venezia furono inoltre solo in parte vittoriosi, e le ultime truppe nicene furono costrette a lasciare l'isola nel 1236.[141][142] Consapevole della debolezza della sua marina militare, nel marzo 1261 l'Imperatore Michele VIII Paleologo (1259–1282) concluse il Trattato di Nymphaeum con i Genovesi, assicurandosi il loro aiuto in mare contro Venezia, in cambio di privilegi commerciali.[143][144]

In seguito alla riconquista di Costantinopoli avvenuta alcuni mesi dopo, tuttavia, Michele VIII fu in grado di concentrare la propria attenzione sulla ricostruzione della propria flotta. All'inizio degli anni 1260, la marina bizantina era ancora debole, e dipendeva ancora molto dal sostegno dei Genovesi. Anche così, gli alleati genovesi non erano in grado di reggere al confronto con la marina veneziana in uno scontro diretto, come evidenzia la sconfitta di una combinata flotta bizantina–Genovese di 48 navi per opera di una gran lunga più piccola flotta veneziana nel 1263.[145] Approfittando della guerra in corso tra Venezia e Genova, tuttavia,[144] a partire dal 1270 Michele riuscì a creare una potente marina di 80 navi, ulteriormente rinforzata dall'arruolamento di alcuni mercenari latini che decisero di combattere sotto i colori imperiali. Nello stesso anno, una flotta di 24 galee assediò la città di Oreos a Negroponte (Eubea), e sconfisse una flotta latina di 20 galee.[146] Ciò segnò la prima operazione navale bizantina indipendente vittoriosa e l'inizio di una campagna navale organizzata nell'Egeo che sarebbe continuata nel corso degli anni 1270 e avrebbe portato alla riconquista, sebbene solo temporanea, di diverse isole appartenenti ai Latini.[147]

Questa rinascita non durò a lungo. Una volta spentosi Carlo d'Angiò nel 1285 e con lui la fine della minaccia di un'invasione dall'Italia, il successore di Michele, Andronico II Paleologo (1282–1328), nel 1291 decise di sopprimere la marina bizantina, ingaggiando invece 50-60 galee veneziane, pensando che, facendo affidamento sulla potenza navale dei suoi alleati genovesi, avrebbe potuto fare a meno del mantenimento di una flotta, con i suoi costi particolarmente elevati. I tagli attuati da Andronico sui costi militari, che si estesero anche all'esercito, gli attirarono le critiche degli storici e degli ufficiali fin dall'inizio,[148] e i risultati non tardarono ad arrivare: nel corso del lungo regno di Andronico, i Turchi presero gradualmente possesso permanente delle coste egee dell'Anatolia, con l'Impero impotente di fronte alla loro avanzata,[149] mentre nel 1296 e 1297, una flotta veneziana attaccò Costantinopoli e saccheggiò i suoi sobborghi senza trovare opposizioni.[150] Lo storico Niceforo Gregora commentò su questi eventi che "se essi [i Bizantini] avessero posseduto ancora una marina i Latini non si sarebbero mai comportati in tal modo presuntuoso contro di essi, né i Turchi avrebbero mai volto gli sguardi sulle sabbie della costa del Mare [Egeo]...".[150]

Dopo il 1305, l'Imperatore tentò tardivamente di ricostruire la propria marina facendo costruire 20 navi, ma questo tentativo non portò a nulla.[136] Suo nipote ed erede Andronico III Paleologo (1328–1341) tentò di ricostruire una marina potente, e la condusse di persona nelle spedizioni contro i possedimenti latini nell'Egeo, ma i suoi tentativi di arrestare il declino generale fallirono.[151] Dopo il suo regno, la cifra più alta di navi da guerra appartenenti alla marina bizantina menzionata nelle fonti raramente supera il dieci, ma, grazie all'arruolamento di navi mercantili, flotte di 100–200 navi potevano ancora essere messe insieme occasionalmente.[136]

La marina fu molto attiva nel corso della guerra civile del 1341–1347, nel corso della quale, il suo comandante, il megas doux Alessio Apocauco, giocò un ruolo importante.[152] In seguito alla guerra civile, l'Imperatore Giovanni VI Cantacuzeno (1347–1354) tentò di ripristinare la marina e la flotta mercantile, in modo da ridurre la dipendenza dell'Impero sulla colonia Genovese di Galata, e da assicurarsi il controllo dei Dardanelli per impedire il passaggio dei Turchi.[153] A tal fine, richiese l'aiuto dei Veneziani, ma nel marzo 1349, la sua nuova flotta di 9 navi grandi e circa 100 vascelli più piccoli fu sorpresa da una tempesta al largo della costa meridionale di Costantinopoli. Gli equipaggi inesperti si fecero prendere dal panico, e le navi furono o affondate o catturate dai Genovesi.[154] Nel 1351, Cantacuzeno partecipò con sole 14 navi nella guerra condotta da Venezia e Aragona contro Genova, ma fu presto sconfitto e costretto a firmare una pace sfavorevole.[155]

Cantacuzeno fu l'ultimo imperatore che ebbe i mezzi per provare a restaurare la marina militare bizantino, in quanto l'Impero, indebolito dalle guerre civili e dalle perdite territoriali, era sul punto di crollare. È caratteristico che nel suo pamphlet del 1418 al despotēs Teodoro Paleologo, lo studioso Gemistos Plethon si schierò contro il mantenimento della marina, sostenendo che le risorse dello stato fossero ormai insufficienti per mantenere adeguatamente sia un esercito che una flotta efficiente.[156] Nel corso della breve usurpazione di Giovanni VII nel 1390, Manuele II (1391–1425) fu in grado di mettere insieme solo 5 galee e 4 vascelli più piccoli (inclusi alcuni provenienti dai Cavalieri di Rodi) per riconquistare Costantinopoli e salvare suo padre Giovanni V.[157] Sei anni dopo, Manuele promise di armare 10 navi in appoggio alla Crociata di Nicopoli;[158] vent'anni dopo, condusse di persona 4 galee e 2 altri vascelli trasportanti cavalieri e fanti, e salvò l'isola di Thasos da un'invasione.[159] Allo stesso modo, nel 1421, 10 navi di guerra bizantine furono impiegate in sostegno del pretendente al trono ottomano Mustafa contro il Sultano Murad II.[158]

L'ultima vittoria navale bizantina registrata dalle fonti avvenne nel 1427 in una battaglia al largo delle isole Echinadi, quando l'Imperatore Giovanni VIII Paleologo (1425–1448) sconfisse la superiore flotta di Carlo I Tocco, Conte di Cefalonia e Despota di Epiro, costringendolo a cedere tutti i suoi possedimenti in Morea ai Bizantini.[160] L'ultima comparsa della marina bizantina avvenne nell'assedio finale ottomano del 1453, quando una flotta mista di navi bizantine, genovesi e veneziane (il cui numero varia a seconda delle fonti, variando da 10 a 39 vascelli) difesero Costantinopoli contro la flotta ottomana.[161][162] Nel corso dell'assedio, che segnò la caduta definitiva dell'Impero, il 20 aprile 1453, ebbe luogo l'ultimo scontro navale della storia bizantina, allorché tre galee genovesi scortanti una nave di trasporto bizantina combatté contro l'immensa flotta di blocco ottomana nel Corno d'Oro.[163]

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo protobizantino (IV – VII secolo)[modifica | modifica sorgente]

Molto poco è noto sull'organizzazione delle flotte romane nella Tarda Antichità, dalla graduale suddivisione delle immense flotte provinciali in squadroni più piccoli avvenuta nel corso del III secolo fino alla formazione di una nuova marina in conseguenza alle conquiste islamiche. Nonostante l'evidenza di considerevole attività navale in questo periodo, gli studiosi più datati ritenevano che la marina romana era praticamente scomparsa a partire dal IV secolo, ma studi più recenti hanno contestato questo quadro di progressivo declino sostenendo che in realtà avvenne una trasformazione in una forza principalmente fluviale e costiera, designata per cooperare strettamente con l'esercito.[164]

Sotto l'Imperatore Diocleziano (284–305), gli effettivi della marina furono aumentati, secondo almeno le fonti a nostra disposizione, da 46.000 a 64.000 soldati,[165] una cifra che segna il picco dal punto di vista meramente numerico della flotta tardo romana. La flotta sul Danubio (Classis Histrica) con le sue flottiglie legionarie è ancora ben attestata nella Notitia Dignitatum, e l'aumento della sua attività è attestato da Vegezio.[166] In Occidente, alcune flotte fluviali sono attestate dalle fonti, ma le vecchie flotte pretoriane permanenti erano praticamente svanite,[167] e persino le rimanenti flotte provinciali occidentali sembrano essere state fortemente indebolite e incapaci di contrastare ogni significativo attacco barbarico.[168] In Oriente, le flotte siriache e alessandrine esistevano ancora nel 400 ca., come attestano fonti legali,[169] mentre è noto che in quello stesso periodo una flotta, probabilmente creata dai resti delle flotte pretoriane, era stazionata nella stessa Costantinopoli.[3] Nel 400 tale flotta fu bastevole per massacrare un'immensa orda di Goti che avevano costruito zattere e tentato di attraversare lo stretto che separa l'Asia dall'Europa. I suoi effettivi, tuttavia, non sono noti, ed essa non è attestata dalla Notitia.[170]

Per quanto riguarda le operazioni nel Mediterraneo nel corso del V secolo, sembra che le flotte siano state costruite su basi ad hoc e successivamente soppresse.[11] La costituzione della prima flotta bizantina permanente può essere fatta risalire all'inizio del VI secolo e alla rivolta di Vitaliano nel 513–515, quando Anastasio I costituì una flotta per contrastare quella dei ribelli.[11] Tale flotta fu mantenuta in attività, e sotto Giustiniano I e i suoi successori si tramutò in una marina professionale e ben mantenuta.[21] A causa dell'assenza di ogni minaccia navale, tuttavia, la marina del tardo VI secolo era relativamente piccola, con alcune piccole flottiglie sul Danubio e due flotte principali con sede a Ravenna e a Costantinopoli.[171] Ulteriori flottiglie dovevano avere sede nei principali centri marittimi e commerciali dell'Impero: ad Alessandria, fornendo la scorta alla flotta che ogni anno portava il grano a Costantinopoli, e a Cartagine, controllante il Mediterraneo occidentale. Giustiniano stazionò inoltre truppe e navi persino nei più remoti avamposti dell'Impero, a Septem (Ceuta), Cherson in Crimea, e Aelana (Eilat) sul Golfo di Aqaba.[172] La duratura tradizione navale e le infrastrutture di queste regioni resero il mantenimento della flotta più agevole, e, nel caso di una spedizione navale, un'immensa flotta poteva essere assemblata in breve periodo e senza grosse spese impressionando le numerose navi mercantili.[173]

Periodo mediobizantino (VII secolo – 1070)[modifica | modifica sorgente]

Organizzazione della flotta[modifica | modifica sorgente]

L'Impero bizantino tra il VI e il tardo IX secolo, inclusi i temi al ca. 900. I possedimenti imperiali sparsi e isolati nel Mediterraneo erano difesi e rinforzati dalle flotte bizantine.

In risposta alle conquiste islamiche avvenute nel corso del VII secolo, l'intera struttura amministrativa e militare dell'Impero fu riformata, in particolare con la costituzione dei temi (themata). In base a questa riforma, l'Impero fu suddiviso in diversi themata, distretti regionali civili e militari. Sotto il comando di uno stratēgos, ogni thema disponeva di un esercito locale permanente. In seguito a una serie di rivolte da parte degli eserciti tematici, sotto Costantino V i primi temi, di vaste dimensioni, furono progressivamente suddivisi in temi più piccoli, mentre al contempo fu costituito, con sede Costantinopoli o le sue vicinanze, un esercito imperiale centrale, i tagmata, con la funzione di esercito di riserva, che avrebbe da allora costituito il nerbo degli eserciti da campagna.[174]

Un processo simile coinvolse la flotta, che fu riorganizzata in modo simile. Nella seconda metà del VII secolo fu costituita la flotta dei Karabisianoi (Καραβισιάνοι, "gli uomini delle Navi").[175] La data esatta della costituzione di questo tema marittimo è ignota, ma alcuni studiosi hanno congetturato che fu costituita intorno al 650/660, in risposta alla disfatta bizantina nella battaglia di Phoenix,[28][176][177] oppure in seguito al primo assedio arabo di Costantinopoli nel 672–678.[178] Le sue origini sono altrettanto ignote: probabilmente fu costituita dai resti della vecchia quaestura exercitus[179] oppure dall'esercito dell'Illyricum.[180] Era condotta da uno stratēgos (stratēgos tōn karabōn/karabisianōn, "generale delle navi/gente di mare"),[181] e comprendeva la costa meridionale dell'Asia Minore da Mileto fino alla frontiera con il Califfato presso Seleucia in Cilicia, le isole dell'Egeo e i possedimenti imperiali nella Grecia meridionale. I suoi quartieri generali probabilmente erano inizialmente a Samos, con un comando subordinato sotto un droungarios nei pressi di Cibyrrha in Pamfilia. Come suggerisce il suo nome, comprendeva la maggior parte della marina permanente dell'Impero, e aveva la funzione di contrastare la principale minaccia marittima dell'Impero, le flotte arabe dell'Egitto e della Siria.[91][179]

I Karabisianoi, tuttavia, si provarono inadeguati e furono sostituitii all'inizio dell'VIII secolo da un sistema più complesso composto da tre elementi, che rimase pressoché inalterato, salvo cambiamenti minori, fino all'XI secolo: una flotta imperiale centrale con sede Costantinopoli, un piccolo numero di grandi flotte regionali, che potevano essere o themata marittimi o comandi indipendenti definiti "drungariati", e un più grande numero di squadroni locali con funzioni puramente difensive e di controllo poliziesco e subordinati ai governatori provinciali locali.[182] A differenza della marina romana ai suoi inizi, in cui le flotte provinciali erano decisamente inferiori in effettivi e disponevano solo di vascelli più leggere rispetto alle flotte centrali, le flotte regionali bizantine costituivano probabilmente da sole formazioni formidabili.[183]

La marina della capitale giocò un ruolo decisivo nella repulsione degli assedi arabi di Costantinopoli,[179] ma non è chiaro se la flotta imperiale (βασιλικόν πλόιμον, basilikon ploïmon) del periodo successivo esistesse già come comando separato nel VII o nell'VIII secolo. Il suo comandante, il droungarios tou ploïmou, è attestato per la prima volta nel Taktikon Uspensky dell'842/843, e, poiché vi è scarsa evidenza di grandi flotte con sede Costantinopoli nel corso dell'VIII secolo, Hélène Ahrweiler data la sua creazione agli inizi del IX secolo.[184] Successivamente, la flotta imperiale avrebbe formato la principale riserva centrale oltre al nerbo della flotta in diverse spedizioni.[185]

Il primo e per un lungo periodo l'unico tema marittimo (θέμα ναυτικόν, thema nautikon) fu il Tema dei Cibirreoti (θέμα Κιβυρραιωτῶν, thema Kibyrrhaiotōn). Fu creato dalla flotta dei Karabisianoi, e gli fu assegnata l'amministrazione e la difesa delle coste meridionali dell'Asia Minore.[186][187] La data esatta della sua creazione non è chiara, con alcuni studiosi che propongono il ca. 719[188][189] e altri che propendono per il ca. 727.[41] Il suo stratēgos, menzionato per primo nel 734, aveva sede ad Attaleia.[190][191] I suoi luogotenenti principali erano il katepanō dei Mardaiti, un ek prosōpou (rappresentante) a Syllaeum e i droungarioi di Attaleia e Kos.[191][192] Essendo quella collocata più vicino al Levante musulmano, rimase la flotta principale dell'Impero per secoli,[91] fino a quando non venne ridotta in seguito al declino della minaccia navale araba. La flotta è attestata per l'ultima volta nel 1043, e successivamente il thema divenne una provincia puramente civile.[191]

Oltre ai Cibirreoti furono costituiti due comandi navi indipendenti nell'Egeo, ognuno condotto da droungarios: il Aigaio Pelagos ("Aegean Sea"), comprendente la metà settentrionale dell'Egeo e i Dardanelli e il Mar di Marmara,[193] e il comando variamente definito Dodekanesos ("Dodici Isole") e Kolpos ("Golfo"), che aveva sede a Samos e comprendeva l'Egeo meridionale comprese le Cicladi.[194] A differenza degli altri droungarioi che erano subordinati, queste due circoscrizioni erano completamente indipendenti, e i loro droungarioi esercitavano autorità sia civile che militare nelle zone di loro competenza.[195] A un certo punto furono promosse a temi marittimi, il Thema del Mar Egeo (θέμα τοῦ Αἰγαίου Πελάγους, thema tou Aigaiou Pelagous) ca. 843,[51][196] mentre le parti orientali del drungariato di Dodekanesos/Kolpos formò il Thema di Samos (θέμα Σάμου, thema Samou) nel tardo IX secolo. Comprendeva la costa ionica, e la sua capitale era Smirne.[194][197]

Alcuni themata "di terra" avevano a disposizione anch'essi dei notevoli squadroni, usualmente sotto il comando di tourmarchēs (tourmarchai tōn ploimatōn secondo il Taktikon Uspensky). Essi svolgevano un ruolo intermedio tra le immense flotte tematiche e la flotta centrale Imperiale: essi erano squadroni permanenti con ciurme professionali (taxatoi), mantenute da risorse dal tesoro imperiale e non la provincia dove erano stazionate, ma subordinate agli stratēgos locali tematici e incaricati principalmente di compiti di difesa locale e di polizia.[198] Essi erano:

  • Il Thema dell'Hellas (θέμα Ἑλλάδος, thema Hellados), fondato nel ca. 686–689 da Giustiniano II, comprendeva i possedimenti imperiali in Grecia meridionale con capitale Corinto. Giustiniano insediò qui 6.500 Mardaiti, che fornivano rematori e guarnigioni.[199] Anche se non era un tema esclusivamente navale, manteneva una propria flotta. Fu suddiviso nell'809 nel Thema del Peloponneso e nel nuovo Thema di Hellas, comprendente la Grecia Centrale e la Tessaglia, anch'essi disponenti di flotte più piccole.[187][200]
  • Il Thema di Sicilia (θέμα Σικελίας, thema Sikelias) comprendeva la Sicilia e la Calabria. Un tempo il bastione della forza navale bizantina in Occidente, a partire dal tardo IX secolo era grandemente declinato, e scomparve dopo la perdita definitiva di Taormina nel 902.[91] Tourmarchai distinti sono attesta sia per la Sicilia vera e propria che per la Calabria.[201]
  • Il Thema di Cephallenia (θέμα Κεφαλληνίας, thema Kephallēnias), controllante le Isole ioniche, fu fondato nella seconda metà dell'VIII secolo, per proteggere i contatti imperiali con l'Italia e difendere le isole ioniche dai saccheggi arabi. I nuovi possedimenti imperiali in Puglia vennero aggiunti a questo tema nell'870 ca., ma andarono a formare un thema separato (quello di Longobardia) nel 910 circa.[202]
  • Il Thema di Paphlagonia (θέμα Παφλαγονίας, thema Paphlagonias) e il Thema di Chaldia (θέμα Χαλδίας, thema Chaldias) vennero formati dalla suddivisione del thema Armeniakon nel ca. 819 per volere dell'Imperatore Leone V e disponevano di una flotta, probabilmente per difendersi dagli attacchi dei Rus'.[203]

Regioni isolate di particolare importanza per il controllo dei mari erano affidate a ufficiali noti come archon, che in alcuni casi potrebbero aver comandato distaccamenti della Flotta Imperiale. Tali archontes avevano sede a Chios, Malta, il Golfo Eubico, e probabilmente a Vagenetia e in "Bulgaria" (la cui area di controllo è identificata da Ahrweiler con le foci del Danubio).[204] Questi svanirono alla fine del IX secolo, o soccombendo ad attacchi arabi o venendo riformati o incorporati nei temi.[205]

Dimensioni ed effettivi[modifica | modifica sorgente]

Proprio come la sua controparte terrestre, le esatte dimensioni della marina bizantina e delle sue unità è materia di considerevole dibattito tra gli studiosi, a causa della scarnezza e della natura ambigua delle fonti primarie. Un'eccezione è rappresentata dalle cifre per l'esercito del tardo IX-inizi X secolo, per le quali possediamo una fonte più dettagliata, datata alla spedizione cretese del 911. Queste liste svelano che durante il regno di Leone VI il Saggio, la marina comprendeva 34.200 rematori e all'incirca 8.000 soldati di marina.[206] La flotta imperiale centrale comprendeva invece all'incirca 19.600 rematori e 4.000 soldati di marina sotto il comando del droungarios del basilikon plōimon. Questi quattromila soldati di marina erano soldati professionisti, reclutati per la prima volta come unità da Basilio I intorno all'870 circa. Furono una grande risorsa per la flotta imperiale, che fino a quel momento dipendeva dai soldati tematici e tagmatici per reclutare soldati di marina, mentre i nuovi corpi fornivano una forza più affidabile, meglio addestrata e immediatamente disponibile a disposizione dell'Imperatore.[65] L'alto rango di questi soldati di marina è illustrato dal fatto che erano considerati appartenenti ai tagmata imperiali, ed erano organizzati in modo similare.[207] La flotta tematica egea annoverava 2.610 rematori e 400 soldati di marina, la flotta dei Cibirreoti contava 5.710 rematori e 1.000 soldati di marina, la flotta di Samos comprendeva 3.980 rematori e 600 soldati di marina, e, infine, il Thema di Hellas forniva 2.300 rematori e diversi soldati di marina (una parte dei suoi 2.000 soldati tematici serviva anche come soldato di marina).[206]

La tabella di seguito contiene stime, ad opera di Warren T. Treadgold, sul numero di rematori nel corso dell'intera storia della marina bizantina:

Anno 300 457 518 540 775 842 959 1025 1321
Rematori 32,000[208] 32,000[208] 30,000[209] 30,000[209] 18,500[210] 14,600[211] 34,200[211] 34,200[211] 3,080[212]

Contrariamente alla percezione popolare, gli schiavi nelle galee non erano utilizzati come rematori, né dai Bizantini o dagli Arabi, né dai loro predecessori romani e greci.[213] Nel corso dell'intera storia dell'Impero, le ciurme dell'Impero comprendevano per lo più uomini liberi delle classi inferiori, che erano soldati professionisti, legalmente obbligati al servizio militare (strateia) e retribuiti in denaro o in terre da coltivare. Nella prima metà del X secolo, quest'ultima fu calcolata ammontare al valore di 2-3 libbre d'oro per i marinai e soldati di marina.[214] Nel corso della sua storia, la marina bizantina fece anche uso di prigionieri di guerra e stranieri. Oltre ai Mardaiti, che formavano una parte significativa degli equipaggi delle flotte, un gruppo enigmatico noto come i Toulmatzoi (probabilmente Dalmati) viene citato nei resoconti delle spedizioni cretesi, come anche molti Rus', a cui fu garantito il diritto di servire nelle forze armate bizantine in una serie di trattati risalenti al X secolo.[215]

Nel suo De Ceremoniis, Costantino Porfirogenito fornisce gli elenchi della flotta relativi alle spedizioni contro Creta del 911 e del 949. Questi riferimenti hanno generato un considerevole dibattito per la loro interpretazione: le cifre riguardanti l'intera flotta imperiale nel 949 possono essere interpretate come 100, 150 o 250 navi, a seconda dell'interpretazione dell'originale greco. Anche il significato preciso del termine ousia (ούσία) si presta ad interpretazioni diverse: tradizionalmente, si ritiene sia stato un reparto aggiuntivo standard di 108 uomini, e che più di uno potesse essere contenuto in una singola nave. Nel contesto del De Ceremoniis, tuttavia, può anche essere interpretato semplicemente come "unità" o "nave".[216] La cifra di 150 navi sembra più compatibile con le cifre fornite da altre fonti, ed è accettata dalla maggior parte degli studiosi, anche se discordano sulla composizione della flotta. Makrypoulias interpreta la cifra come composta da 8 pamphyloi, 100 ousiakoi e 42 dromōnes, quest'ultima cifra comprendente i due vascelli imperiali e le dieci navi dello squadrone Stenon.[217] Per quanto riguarda le dimensioni totali della marina bizantina in questo periodo, Warren Treadgold estrapola un totale, comprendente i temi navali, di ca. 240 navi da guerra, un numero aumentato a 307 all'epoca della spedizione cretese del 960–961. Secondo Treadgold, quest'ultima cifra probabilmente rappresenta la forza totale approssimata dell'intera flotta bizantina (comprese le flottiglie più piccole) nel corso del IX e del X secolo.[218] È tuttavia degno di nota osservare che un calo significativo del numero di navi e di effettivi nelle flotte tematiche è attestato tra il 911 e il 949. Questo calo, che ridusse le dimensione delle flotte tematiche da un terzo a un quarto dell'intera marina, era in parte dovuto all'utilizzo sempre più frequente dei più leggeri ousiakos a scapito dei più pesanti dromōn, e in parte a causa di difficoltà finanziarie e di reclutamento. È inoltre indice di un trend generale che avrebbe portato alla completa scomparsa delle flotte provinciali a partire dal tardo XI secolo.[219]

Struttura dei ranghi[modifica | modifica sorgente]

Lead seal with cross surrounded by legend on the obverse and a simple legend in the reverse
Sigillo di Niceta, magistros, droungarios e katepanō del basilikon ploïmon (fine IX secolo)

Sebbene i temi navali fossero organizzati allo stesso modo delle loro controparti terrestri, vi è qualche confusione nelle fonti bizantine per quanto riguarda l'esatta struttura dei ranghi.[220] Il termine solito per l'ammiraglio era quello di stratēgos, lo stesso termine utilizzato per i generali che governavano i themata terrestri. Sotto lo stratēgos vi erano due o tre tourmarchai ("Viceammiragli"), a loro volta supervisionanti un certo numero di droungarioi ("sottoammiragli").[221] Fino alla metà del IX secolo, anche i governatori dei temi dell'Egeo e di Samos erano registrati come droungarioi, dato che i loro comandi nacquero dalla scissione dell'originaria flotta dei Karabisianoi, ma vennero successivamente promossi al rango di stratēgos.[221] Il comandante della flotta imperiale tuttavia rimase noto come droungarios tou basilikou ploïmou (successivamente con il prefisso megas, "grande").[222] Il suo titolo è ancora attestato in epoca comnena, anche se come comandante dello squadrone di scorta imperiale, e sopravvisse fino in epoca paleologa, venendo menzionato nella fonte del IX secolo, il Libro delle cariche dello Pseudo-Codino.[223] La carica di deputato nota come topotērētēs è attestata esistere anche nella flotta imperiale, ma il suo ruolo risulta poco chiaro dalle fonti. Potrebbe essere stato una carica simile a quella di Ammiraglio di porto.[224] Anche se diversi di questi ufficiali di elevato rango erano uomini di mare professionisti, essendo emersi partendo dai gradi più bassi, la maggior parte dei comandanti della flotta erano alti ufficiali di corte, che potrebbero aver contato sui loro subordinati professionisti più esperti per utili consigli in caso di difficoltà.[225]

Poiché gli ammiragli erano anche i governatori dei loro temi, erano assistiti da un prōtonotarios ("capo segretario/notaio/scriba") che conduceva l'amministrazione civile del tema. Ulteriori ufficiali facenti parte dello staff erano i chartoularios a cui era affidata l'amministrazione della flotta, il prōtomandatōr ("capo messaggero"), che era al comando dello staff, e diversi komētes ("conti", sing. komēs), tra cui un komēs tēs hetaireias, che era al comando delle guardie del corpo (hetaireia) dell'ammiraglio.[207] Squadroni di tre o cinque navi erano sotto il comando di un komēs o droungarokomēs, e il capitano di ogni nave era chiamato kentarchos ("centurione"), sebbene le fonti letterarie abbiano utilizzato termini più arcaici come nauarchos o persino triērarchos.[226]

L'equipaggio di ogni nave, a seconda delle sue dimensioni, era composto da un numero di ousiai che variava da uno a tre. Sotto il comando del capitano, vi era il bandophoros ("portatore della bandiera"), che agiva come ufficiale esecutivo, due timonieri chiamati prōtokaraboi, a volte anche definiti arcaicamente kybernētes, e un ufficiale di prua, il prōreus.[227] In termini reali, ogni nave avrebbe compreso alcuni uomini di ogni tipo, che lavoravano a turni di lavoro.[228] La maggior parte di questi emersero partendo dalle cariche più umili, e vi sono riferimenti nel De Administrando Imperio a rematori (prōtelatai) che emersero al punto di diventare prōtokaraboi nelle chiatte imperiali, per poi assumere cariche ancora più prestigiose, come dimostra il caso di Romano Lecapeno, che da rematore divenne imperatore.[229] Vi erano anche diversi specialisti a bordo, come anche due rematori a prua e i siphōnatores, che utilizzavano i sifoni adoperati per gettare il fuoco greco sulle navi nemiche.[227] Un boukinatōr ("trombettista") è anche attestato nelle fonti,[230] il quale riferiva gli ordini ai rematori (kōpēlatai o elatai).[231] Dato che la fanteria di marina era organizzata come le unità dell'esercito regolare,[231] i loro ranghi seguivano quelli dell'esercito.

Periodo tardobizantino (1080–1453)[modifica | modifica sorgente]

Riforme dei Comneni[modifica | modifica sorgente]

In seguito al declino progressivo della marina avvenuto nel corso dell'XI secolo, l'Imperatore Alessio I tentò di risollevare le sorti della ormai declinante flotta con diverse misure. Essendo le flotte tematiche ormai dissolte, i loro resti furono amalgamati in una flotta imperiale unificata, sotto il comando supremo del megas doux, una carica di nuova creazione. Il primo individuo noto che ricevette questa importante carica fu il cognato di Alessio, Giovanni Ducas, ca. 1092. Il megas droungarios della flotta, un tempo il comandante navale supremo, gli divenne subordinato, agendo ora come suo principale vice.[117][232] Il megas doux era inoltre anche il governatore supremo della Grecia meridionale, comprendente i vecchi themata di Hellas e del Peloponneso, che vennero suddivisi in distretti (oria) che svolgevano il compito di rifornire la flotta.[233] Sotto il regno di Giovanni II, anche le isole dell'Egeo furono gravate dalla responsabilità di provvedere al mantenimento, reclutamento e approvvigionamento delle navi da guerra, e fonti contemporanee riferiscono con orgoglio il fatto che le grandi flotte del regno di Manuele erano costituite per lo più da equipaggi di "nativi Romani", sebbene continuassero ad essere arruolati nella marina, sia pure in misura minore, mercenari e squadroni alleati.[234] Tuttavia, il fatto che la flotta avesse ora sede esclusivamente a Costantinopoli, anche perché le flotte provinciali non erano state ricostituite, ebbe i suoi svantaggi, come ad esempio il fatto che ora le regioni periferiche, in particolare la Grecia, erano ormai esposte agli attacchi nemici.[235]

Marina di Nicea[modifica | modifica sorgente]

Con il declino della flotta bizantina nella seconda metà del XII secolo, l'Impero dovette contare su misura sempre maggiore sulle flotte di Venezia e Genova. In seguito al sacco del 1204, tuttavia, le fonti suggeriscono la presenza di una flotta relativamente forte già durante il regno del primo imperatore niceno, Teodoro I Laskaris, sebbene non disponiamo di specifici dettagli su ciò. Sotto Giovanni III e Teodoro II (1254–1258), la marina ebbe due principali zone di operazioni strategiche: l'Egeo, dove fu impegnata in operazioni contro le isole greche (principalmente Rodi) come anche nel trasporto e nel rifornimento degli eserciti impegnati a combattere nei Balcani, e il Mar di Marmara, dove i Niceni miravano a impedire ai Latini di condurre operazioni navali e minacciare Costantinopoli. Smirne costituì il cantiere principale e la principale base della flotta impegnata nell'Egeo, con una base secondaria a Stadeia, mentre la base principale per quanto riguarda le operazioni nel Mar di Marmara era Holkos, nei pressi di Lampsakos lungo la penisola di Gallipoli.[236]

Flotta paleologa[modifica | modifica sorgente]

Malgrado i loro tentativi, gli imperatori niceni fallirono nel contrastare con successo l'egemonia veneziana sui mari, e furono conseguentemente costretti a rivolgersi ai Genovesi per ottenere assistenza.[237] Dopo aver riconquistato Costantinopoli nel 1261, tuttavia, Michele VIII tentò di ridurre la dipendenza dai Genovesi ricostituendo una marina "nazionale" tramite la formazione di diverse nuove unità per raggiungere questo obbiettivo: i Gasmouloi (Γασμοῦλοι), costituite da uomini di discendenza mista greco-latina residenti nei dintorni della capitale; e coloni da Laconia, denominati Lakōnes (Λάκωνες, "Laconi") o Tzakōnes (Τζάκωνες), utilizzati come soldati di marina, costituendo il nerbo della potenza navale bizantina nel ventennio 1260-1280.[238] Michele inoltre formò unità separate di rematori, denominate Prosalentai o Prosēlontes.[239] Tutti questi corpi vennero remunerati in piccoli lotti di terre da coltivare in cambio dei loro servigi, e vennero insediati insieme in piccole colonie.[240] I Prosalentai vennero insediati nei pressi del mare lungo l'Egeo settentrionale,[241] mentre i Gasmouloi e i Tzakōnes vennero insediati principalmente nei pressi di Costantinopoli e in Tracia. Questi corpi erano ancora esistenti, seppur in forma sempre più ridotta, negli ultimi secoli dell'Impero (l'ultima menzione dei Prosalentai si ha nel 1361, mentre i Gasmouloi sono attestati fino al 1422).[136] Nel corso del periodo paleologo, la base principale della flotta era il porto di Kontoskalion sulla costa del Marmara di Costantinopoli, dragata e rifortificata da Michele VIII.[242] Tra i centri provinciali navali, probabilmente il più importante era Monemvasia nel Peloponneso.[243]

Al contempo, Michele e i suoi successori perpetuarono la consolidata pratica di arruolare nella flotta mercenari stranieri, i quali venivano retribuiti ricevendo feudi. La maggior parte di questi mercenari, come Giovanni de lo Cavo (signore di Anafi e di Rodi), Andrea Moresco (successore di de lo Cavo a Rodi) e Benedetto Zaccaria (signore di Focea), erano Genovese, l'alleato principale dei Bizantini in questo periodo. Sotto Michele VIII, per la prima volta uno straniero, il corsaro italiano Licario, ricevette la prestigiosa carica di megas doux e ricompensato con l'assegnazione del feudo di Eubea.[244] Nel 1303, un'altra carica di alto prestigio, quella di amēralēs (ἀμηράλης o ἀμηραλῆς) fu introdotta insieme ai mercenari della Compagnia catalana. La carica sembra essersi consolidata nella gerarchia imperiale, venendo dopo i megas doux e i megas droungarios, anche se solo due detentori della carica sono noti dalle fonti, ed entrambi sono attestati nel biennio 1303–1305.[245]

Navi[modifica | modifica sorgente]

Dromoni e derivati[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dromone.

Il tipo di nave da guerra principale della marina bizantina fino al XII secolo fu il dromone (δρόμων). Apparentemente un'evoluzione delle leggere galee liburne delle flotte imperiali romane, il termine compare per la prima volta nel tardo V secolo, e cominciò ad essere comunemente utilizzato per indicare un specifico tipo di galea da guerra a partire dal VI secolo.[246] Il termine dromōn stesso deriva dalla radice greca δρομ-(άω), "correre", riferendosi alla loro velocità maggiore rispetto alle altre navi, come attestato esplicitamente da autori del VI secolo come Procopio di Cesarea.[247] Nel corso dei secoli successivi, con l'intensificarsi degli scontri navali contro gli Arabi, furono sviluppati tipi di dromoni più pesanti con due o probabilmente persino con tre file di remi.[248] Alla fine, il termine finì con l'assumere il significato generico di "navi da guerra", al punto che cominciarono ad essere chiamati dromoni anche un altro tipo di nave grande da guerra bizantina, il chelandion (χελάνδιον, dal greco kelēs, "corsiero"), attestato per la prima volta nell'VIII secolo.[249]

Evoluzione e caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La storia della creazione e dell'evoluzione delle navi da guerra medievali è una questione di dibattito e di congetture: fino a recentemente, non erano stati trovati resti di navi da guerra antiche o altomedievali, e le informazioni dovevano essere reperite tramite l'analisi delle fonti letterarie, dei dipinti e dei resti di alcuni vascelli mercantili. Solo nel 2005–2006 scavi archeologici relativi al progetto Marmaray nei pressi del Porto di Teodosio (odierna Yenikapi) rinvennero i resti di oltre 36 navi bizantine risalenti al VI-X secolo, tra cui quattro navi da guerra leggere di tipo galea.[250]

La teoria maggiormente accettata nel mondo accademico è che i principali sviluppi che differenziarono i primi dromoni dalle liburne, è che da quel punto in poi avrebbero caratterizzato le galee mediterranee, furono l'adozione di un completo ponte (katastrōma), l'abbandono dei rostri a prua a favore di un sperone sopra l'acqua, e l'introduzione graduale di vele latine.[251] Le ragioni esatte dell'abbandono del rostro (rostrum in latino, ἔμβολος in greco) non sono chiare. Raffigurazioni di becchi rivolti verso l'alto nel manoscritto del IV secolo Virgilio Vaticano potrebbe essere una prova di una possibile sostituzione del rostro con uno sperone già nelle galee tardo-romane.[252] Probabilmente le ragioni del cambiamento sono da individuarsi nella graduale evoluzione dell'antico del metodo di costruzione dello scafo con mortasa e tenone, contro i quali i rostri erano stati progettati, nel nuovo tipo di costruzione delle navi, con uno scafo più resistente e più flessibile, meno suscettibile agli attacchi con i rostri.[253] Certamente a partire dagli inizi del VII secolo, la funzione originaria dei rostri era caduta nell'oblio, a giudicare dagli scritti di Isidoro di Siviglia, secondo cui essi erano utilizzati per proteggere le navi dalle possibili collisioni con rocce sott'acqua.[254] In quanto alle vele latine, diversi autori hanno suggerito in passato che furono introdotte nel Mediterraneo dagli Arabi, ma probabilmente la creazione di queste vele ebbe origine in India. Tuttavia, il rinvenimento di nuove raffigurazioni e di nuovi riferimenti letterari nei decenni recenti ha spinto gli studiosi a antedatare la comparsa della vela latina nel Levante al tardo periodo ellenistico o al primo periodo romano.[255][256] Non solo la versione triangolare, ma anche quella quadrilatera era nota, utilizzata per secoli (per lo più su piccole imbarcazioni) in parallelo con le vele quadre.[255][257] Sembra che già nella spedizione contro i Vandali di Belisario del 533 la flotta bizantina facesse uso almeno in parte di vele latine, per cui, probabilmente, già a quell'epoca la vela latina era diventata quella standard per i dromoni,[258] mentre quella tradizionale quadrata cadde gradualmente in disuso nel corso del medioevo.[257]

I dromoni descritti da Procopio erano navi a una singola fila di circa 50 remi, con 25 remi per lato.[259] A differenza dei vascelli ellenistici, che facevano uso di un buttafuori, questi si estendevano direttamente dallo scafo.[260] Nei tardi dromoni bireme del IX e del X secolo, le due file di remi (elasiai) erano divise dal ponte, con la prima fila di remi disposta sotto il ponte, mentre la seconda fila di remi era collocata sopra il ponte; da questi rematori si richiedeva il combattere insieme ai soldati di marina nel corso di operazioni di abbordaggio.[261] Makrypoulias suggerisce una stima di 25 rematori sotto il ponte e 35 sul ponte su ognuno dei lati per un dromone di 120 rematori.[262] La lunghezza totale di queste navi era probabilmente all'incirca di 32 metri.[263] Anche se la maggior parte dei vascelli dell'epoca aveva un singolo albero (histos o katartion), i dromoni bireme più larghi probabilmente necessitavano di almeno due alberi in modo da poter manovrare efficacemente la nave,[264] assumendo che una singola vela latina per una nave di tali dimensioni avrebbe raggiunto dimensioni ingestibili.[265] La nave era guidata per mezzo di due timoni a poppa (prymnē), che ospitava anche una tenda (skēnē) che copriva la cuccetta del capitano (krab(b)at(t)os).[266] La prua (prōra) disponeva di un'elevata pseudopation, sotto la quale si trovava il sifone per mezzo del quale veniva gettato il fuoco greco sulle navi nemiche,[267] anche se sifoni secondari potevano essere disposti anche a centro barca su ognuno dei lati.[268] Un kastellōma, sul quale i soldati della marina potevano appendere i propri scudi, si trovava sui lati della nave, fornendo protezione all'equipaggio sul ponte.[269] Navi più grandi potevano anche disporre di castelli di legno (xylokastra) su ognuno dei lati in mezzo agli alberi, simili a quelli attestati per le liburne romane, fornendo agli arcieri piattaforme elevate da cui poter scagliare frecce.[270] Lo sperone di prua (peronion) fu progettato per essere condotto contro i remi della nave nemica, per romperle e renderle inservibili contro il lancio di proietti e azioni di abbordaggio.[271]

Le quattro navi galeai rinvenute nel corso degli scavi di Yenikapi, datate al X-XI secolo, sono uniformi nel design e nella costruzione, suggerendo un processo di manifatturazione centralizzato. Hanno una lunghezza di ca. 30 m, e sono fatti di pino nero e platano orientale.[272]

Tipi di nave[modifica | modifica sorgente]

Raffigurazione di una battaglia marina, da una copia del XIII secolo della Cynegetica di Oppiano.

A partire dal X secolo, vi erano tre classi principali di navi da guerra biremi (due file di remi) di tipo dromone, come riportato negli inventari per le spedizioni cretesi del 911 e del 949: il [chelandion] ousiakon ([χελάνδιον] οὑσιακόν), così definito in quanto presidiata da un ousia da 108; il [chelandion] pamphylon ([χελάνδιον] πάμφυλον), che poteva accogliere equipaggi da 120–160 persone, il cui nome potrebbe suggerire un'origine dalla regione della Pamfilia come nave di trasporto; e il dromōn vero e proprio, comprendente due ousiai.[273] Nel De Ceremoniis, viene riferito che il dromōn potesse accogliere fino a 230 rematori e 70 soldati di marina; lo storico navale John H. Pryor li considera equipaggi suprannumerari trasportati a bordo, mentre lo studioso greco Christos Makrypoulias suggerisce che gli uomini in più corrispondono a un secondo rematore su ognuno dei remi.[274] Una nave più piccola e a una singola fila di remi, il monērēs (μονήρης, "a una singola fila") o galea (γαλέα), con ca. 60 uomini come equipaggio, veniva utilizzata per missioni di esplorazione ma anche nelle ali dello schieramento di battaglia.[275] La galea in particolare sembra essere stata fortemente associata ai Mardaiti, e Christos Makrypoulias suggerisce persino che questo tipo di nave fosse usata esclusivamente da essi.[276] Dromoni a tre file di remi ("triremi") sono descritti in un'opera del IX secolo dedicata al parakoimōmenos Basilio Lecapeno. Tuttavia, questo trattato, sopravvissuto solo in frammenti, si basa pesantemente su fonti molto anteriori che descrivevano la costruzione di un trireme classico, per cui va utilizzata con cautela perché potrebbe descrivere più le navi da guerra com'erano in età classica che non nel periodo mediobizantino.[277][278] L'esistenza di vascelli triremi è, tuttavia, attestata nella marina fatimide nel XI e nel XII secolo, e riferimenti nell'opera di Leone VI a navi arabe di grande stazza nel X secolo potrebbero essere riferiti a galee triremi.[279]

Per il trasporto merci, i Bizantini utilizzavano in genere le navi mercantili ordinarie come navi da trasporto (phortēgoi) o navi di rifornimento (skeuophora). Queste sembrano essere state per lo più navi a vela, piuttosto che a remi.[280] I Bizantini e gli Arabi impiegavano inoltre navi per il trasporto dei cavalli (hippagōga), che potevano essere sia navi a vela che galee, con l'ultima certamente adattata al trasporto dei cavalli.[281] Dato che la chelandia sembra essere stata originariamente progettata come nave a remi preposta al trasporto dei cavalli, ciò potrebbe implicare differenze nella costruzione tra ilchelandion e il dromōn vero e proprio, termini che sono spesso utilizzati indiscriminatamente nelle fonti letterarie. Mentre il dromōn era unicamente una galea da guerra, il chelandion dovrebbe aver avuto uno speciale compartimento destinato all'alloggio dei cavalli, incrementando la sua larghezza e la sua profondità.[282] Inoltre, le fonti bizantine fanno riferimenti a sandalos o sandalion (σάνδαλος, σανδάλιον), una barca trasportata dalle navi più grandi. Il tipo descritto nel De Ceremoniis aveva un solo albero, quattro remi e un timone.[283]

Navi di tipo occidentale degli ultimi secoli[modifica | modifica sorgente]

Il periodo in cui il dromone fu rimpiazzato da galee di origini italiane è incerto. Il termine continuò ad essere in uso fino alla fine del XII secolo, anche se va tenuto in considerazione il fatto che gli scrittori bizantine facevano un uso indiscriminato di questo termine.[284] Gli scrittori occidentali dell'epoca usavano il termine per indicare grandi navi, in genere di trasporto, e vi è evidenza a sostegno dell'idea che questo uso si era diffuso anche presso i Bizantini stessi.[285] La descrizione della flotta bizantina ad opera di Guglielmo di Tiro, risalente al 1169, in cui i "dromoni" sono definiti come navi di trasporto di grossa stazza e non come navi da guerra biremi, potrebbe quindi indicare effettivamente l'adozione di nuovi tipi di galee biremi ad opera dei Bizantini.[286] Dal XIII secolo in poi, il termine "dromone" cadde in graduale disuso e fu sostituito dai katergon (κάτεργον), un termine di fine XI secolo che in origine indicava gli equipaggi reclutati tra la popolazione obbligata al servizio militare.[287] Nell'ultimo periodo dell'Impero bizantino, le navi bizantine si basavano su modelli occidentali: il termine katergon è usato indiscriminatamente sia per navi bizantine che per quelle latine, e i chelandion, navi di trasporto di cavalli, furono sostituiti dalle occidentali taride (dall'arabo ṭarrīda, adattato in tareta, ταρέτα, in Greco).[288] Un processo similare può riscontrarsi nelle fonti sopravvissute provenienti dalla Sicilia angioina, dove il termine chelandre fu sostituito da taride, anche se per diverso tempo ancora entrambi i termini continuarono ad essere adoperati. Non sono menzionate differenze nella costruzione tra questi due tipi: entrambi i termini denotavano vascelli trasportanti cavalli (usserii) con una capienza di 20-40 cavalli.[289]

Le galee biremi di stile italiano rimasero il cardine delle flotte del Mediterraneo fino alla fine del XIII secolo, anche se ancora una volta, le descrizioni contemporanee forniscono ben pochi dettagli relativi alla loro costruzione.[290] Da quel punto in poi, le galee diventarono praticamente tutte triremi, adottando il cosiddetto sistema alla sensile.[291] Anche i Veneziani svilupparono la cosiddetta "grande galea", un tipo di galea di grande stazza in grado di trasportare più carico per il commercio.[292]

Poco è noto su particolari navi bizantine in questo periodo. I resoconti del viaggio per mare del 1437 compiuto dalla delegazione bizantina al Concilio di Firenze, ad opera dell'ecclesiastico bizantino Silvestro Syropoulos e dal capitano Greco-Veneziano Michele da Rodi, menzionano che la maggior parte delle navi erano Veneziane o Papali, ma menzionano anche che l'Imperatore Giovanni VIII viaggiò su una "nave imperiale". Non è ben chiaro se quella nave fosse bizantina o fosse stata ingaggiata, e la sua tipologia non è menzionata. Viene però descritta come più veloce delle galee mercantili veneziane di grande stazza che la accompagnavano, indicando probabilmente che era una galea da guerra leggera.[293] Michele da Rodi, inoltre, scrisse un trattato sulla costruzione delle navi, che spiegava come costruire i principali vascelli, sia galee che navi a vela, impiegate da Venezia e dagli altri stati marittimi della regione nella prima metà del XV secolo.

Tattiche e armi[modifica | modifica sorgente]

I Bizantini si presero cura di codificare, preservare e tramandare alle generazioni future strategie di guerra per terra e per mare derivanti dalle esperienze passate, tramite i manuali militari. Malgrado la loro terminologia in genere antiquaria, questi testi formano la base della nostra conoscenza sulla marina bizantina. I principali testi superstiti sono i capitoli sul combattimento marittimo (peri naumachias) del Tactica di Leone il Saggio e di Niceforo Ouranos (entrambe le opere prendono spunto dall'opera del VI secolo Naumachiai di Syrianos Magistros e su altre opere ancora anteriori),[277] a cui si aggiungono alcuni brani rilevanti del De administrando imperio di Costantino Porfirogenito e altre opere di scrittori arabi e bizantini.[24]

Strategia navale, logistica e tattica[modifica | modifica sorgente]

Prima di esaminare le operazioni navali antiche e medievali, è necessario comprendere le limitazioni tecnologiche delle flotte costituite da galee. Le galee erano poco manovrabili in acque agitate e potevano essere sommerse dalle onde, con effetti catastrofici soprattutto in mare aperto; la storia è piena di esempi di flotte di galee affondate da tempeste (ad esempio le perdite romane subite nel corso della Prima guerra punica).[294] La stagione della navigazione era quindi in genere ristretta da metà primavera fino a settembre.[295] La velocità di crociera massima di una galea, persino per le navi a vela, era limitata, così come lo era la capienza massima di provviste che le navi potevano trasportare.[296] L'acqua in particolare era di importanza fondamentale. Con un livello di consumo stimati a 8 litri al giorno per ogni rematore, la sua reperibilità era un fattore operazionale decisivo nelle coste spesso scarse di acqua e cotte dal sole nel Mediterraneo orientale.[297] Dromoni più piccoli si stima potessero trasportare acqua bastevole per quattro giorni di navigazione.[298] Effettivamente, questo significava che le flotte composte da galee erano costrette a seguire percorsi lungo le coste,[294] e dovevano fare frequenti soste per procurarsi nuove provviste e far riposare i loro equipaggi.[299] Ciò è ben attestato nei resoconti dei viaggi marittimi bizantini, dalla campagna contro i Vandali di Belisario alle spedizioni cretesi. È per queste ragioni che Niceforo Ouranos enfatizza la necessità di avere a disposizione "uomini con conoscenza accurata e esperienza del mare [...], dei venti [...]. Dovrebbero conoscere anche le rocce nascoste nel mare, e i luoghi che non hanno profondità, e la terra dove si salpa e le isole ad essa vicine, i porti e la distanza tra un porto e l'altro. Dovrebbero inoltre conoscere sia i paesi che le riserve di acqua."[298]

La guerra navale mediterranea medievale era quindi essenzialmente costiera e anfibia, portata avanti per impossessarsi di territorio costiero o di isole, e non per esercitare il "controllo dei mari" nell'accezione attuale.[300] Quindi, in seguito all'abbandono del rostro, l'unica vera arma distruggi-navi a disposizione prima dell'avvento delle armi da fuoco ed esplosive,[301] il combattimento marittimo divenne, secondo John Pryor, "più imprevedibile. Nessuna potenza poteva più sperare di avere un vantaggio tale nell'armamento o nelle abilità dell'equipaggio da aspettarsi un successo."[302] Non desta quindi sorpresa il fatto che i manuali bizantini ed arabi suggeriscano tattiche prudenti, dando la priorità alla preservazione della propria flotta, e l'acquisizione di informazioni accurate sul nemico, spesso ottenute tramite spie fintesi mercanti. L'enfasi fu posta sull'ottenimento di una sorpresa tattica e, conseguentemente, il tentativo di evitare il più possibile l'evenienza di essere colti alla sprovvista dal nemico. Idealmente, una battaglia andava cominciata solo quando si aveva una certezza assoluta di una superiorità schiacciante sulle forze nemiche, sia per superiorità numerica che per superiorità nella disposizione tattica.[303] Molta importanza veniva anche data all'adattare le tattiche e il tipo di forze a seconda delle caratteristiche del nemico: Leone VI, per esempio, faceva notare le differenze tra le navi pesanti e lente (koumbaria) degli Arabi, con le navi piccole e veloci (akatia, principalmente monoxyla), degli Slavi e Rus'.[304]

In campagna, in seguito all'assemblea dei vari squadroni nelle basi fortificate (aplēkta) lungo le coste, la flotta consisteva del corpo principale, composto dalle navi da guerra a remi, e il carico di trasporto (touldon) trasportato da navi a vela e da navi di trasporto a remi, che poteva essere inviato via in caso di battaglia.[305] La flotta di battaglia era suddivisa in squadroni, e venivano trasmessi ordini da una nave all'altra tramite bandiere di segnale (kamelaukia) e lanterne.[306]

La flotta bizantina respinge l'attacco dei Rus' a Costantinopoli nel 941. Le azioni di abbordaggio e di combattimento corpo a corpo determinarono l'esito della maggior parte delle battaglie navali del Medioevo. In questo caso i dromoni bizantini sono mostrati distruggere i remi dei Rus' con i loro speroni.[307]

Poco prima o durante una vera battaglia, mantenere una formazione ben ordinata era di importanza critica: se una flotta fosse caduta nel disordine, le sue navi sarebbero state incapaci di sostenersi a vicenda e la battaglia si sarebbe probabilmente conclusa con una sconfitta.[308] Flotte incapaci di mantenere una formazione ordinata o di disporsi in un'adeguata controformazione (antiparataxis) per contrastare efficacemente quella del nemico, spesso evitava, o fuggiva dalla battaglia.[309] Le manovre tattiche miravano quindi a mettere in disordine la formazione nemica,[310] specialmente tramite l'uso di ingegnosi stratagemmi, come il dividere le forze e compiere manovre ai fianchi, fingere la ritirata o nascondere una forza di riserva per attirare in un'imboscata il nemico.[311] Nel suo manuale di strategia, Leone VI sconsigliava apertamente un confronto diretto con il nemico, consigliando invece l'uso di stratagemmi.[312] Secondo Leone VI, la flotta doveva disporsi di norma in formazione crescente, con la nave ammiraglia al centro e le navi più pesanti alle corna della formazione, in modo da colpire i fianchi del nemico.[313] Erano poi disponibili diverse varianti e tattiche differenti, da attuare a seconda delle circostanze.[24]

Una volta che le flotte erano sufficientemente vicine, cominciavano lanci di proietti, variando da proiettili combustibili a frecce e giavellotti. Lo scopo non era quello di affondare le navi, ma piuttosto di decimare l'equipaggio nemico prima dell'abbordaggio, che avrebbe deciso l'esito della battaglia.[314] Una volta ritenuto di aver ridotto a sufficienza la forza del nemico, le flotte si avvicinavano al punto di quasi toccarsi, e avveniva la fase dell'abbordaggio della nave nemica e del combattimento mano a mano tra gli equipaggi nemici.[315]

Armamento[modifica | modifica sorgente]

granate e piedi di corvo di fuoco greco da Creta, datate ai X e XII secoli.

A differenza delle navi da guerra dell'Antichità, le navi bizantine e arabe non disponevano di un rostro, e i mezzi principali con cui attuare il combattimento nave contro nave erano gli abbordaggi e il lancio di proietti, oltre all'uso di materiali infiammabili come il fuoco greco.[183] Malgrado la temibile reputazione quest'ultimo, era efficace solo in certe circostanze, e non era l'arma anti-nave che il rostro era stato nelle mani di equipaggi esperti.[316]

Come i loro predecessori romani, le navi bizantine e musulmane erano equipaggiate con piccole catapulte (mangana) e balliste (toxoballistrai) per il lancio di pietre, frecce, giavellotti, pentole di fuoco greco o altri liquidi incendiari, piede di corvo (triboloi) e persino contenitori pieni di calce per soffocare il nemico o, come l'Imperatore Leone VI suggerisce in modo implausibile, scorpioni e serpenti.[317] I soldati di marina e diversi rematori erano armati alla pesante in vista della battaglia (Leone li indicava con il termine di "catafratti") e armati con armi come lance e spade, mentre gli altri marinai indossavano giubbotti imbottiti di feltro (neurika) come protezione e combattevano con archi e balestre.[318] L'importanza e l'uso intenso del lancio di proietti durante il combattimento per mare può essere misurata dai manifesti della flotta redatti per le spedizioni cretesi del X secolo, che menzionano 10.000 piedi di corvo, 50 archi e 10.000 frecce, 20 ballistrai con 200 proiettili chiamati myai ("mosche") e 100 giavellotti per dromone.[319]

Dal XII secolo in poi, la balestra (τζᾶγγρα, tzangra in greco) divenne di importanza sempre più decisiva nella guerra nel Mediterraneo, rimanendo l'arma più letale disponibile fino a quel momento fino all'introduzione della polvere da sparo nelle navi da guerra.[320] I Bizantini fecero un uso infrequente di quest'arma, principalmente negli assedi, anche se il suo uso è documentato in alcune battaglie navali.[321] I cannoni vennero introdotti nell'ultima metà del XIV secolo, ma vennero raramente usati dai Bizantini, che avevano a disposizione solo poche armi di artiglieria per la difesa delle Mura teodosiane di Costantinopoli. A differenza di Veneziani e Genovesi, non vi è indicazione che i Bizantini montarono un cannone sulle navi.[322]

Fuoco greco[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fuoco greco.
Raffigurazione dell'uso del fuoco greco nel manoscritto di Madrid di Scilitze.

Il "fuoco greco" è il nome dato dagli Europei Occidentali alla sostanza infiammabile usata dai Bizantini, così chiamata perché gli Europei chiamavano i Bizantini "Greci". I Bizantini stessi usavano diversi nomi descrittivi per chiamarlo, ma il più comune di essi era "fuoco liquido" (ὑγρόν πῦρ). Sebbene l'uso di sostanze incendiarie da parte dei Bizantini è attestato fin dal principio del VI secolo, si ritiene che la sostanza nota come "fuoco greco" sia stata creata nel 673 e la sua invenzione è attribuita a un ingegnere proveniente dalla Siria, di nome Callinico.[323] Il fuoco greco veniva gettato sulle navi nemiche tramite un grande tubo di bronzo (siphōn).[183] In alternativa, poteva essere lanciato dentro giare lanciate da catapulte; l'uso di gru (gerania) è attestato anch'eso come metodo per gettare materiale infiammabile sulle navi nemiche.[324] In genere la sostanza era conservata in barili riscaldati e pressurizzati e gettata tramite il tubo da una sorta di pompa mentre i manovratori della macchina erano protetti dalla sostanza da scudi di ferro. Esisteva anche una versione portatile (cheirosiphōn) di quest'arma, che si narra fosse stata inventata da Leone VI, rendendola l'antesignana di un moderno lanciafiamme.[325] Le componenti della sostanza e il modo in cui veniva prodotta era segreto di stato, e le sue componenti sono solo grossolanamente supposte o descritte da fonti secondarie come Anna Comnena, così che la sua composizione esatta rimane ancora ad oggi ignota. Negli effetti provocati, il fuoco greco doveva essere stato un'arma grossomodo simile al napalm.[183] Fonti contemporanee riportano che non poteva essere spento con l'acqua, ma galleggiava e continuava a bruciare sopra l'acqua; la sabbia poteva spegnerlo privandolo di ossigeno, ed alcuni autori menzionano anche l'aceto forte e vecchia urina come rimedi per spegnerlo, probabilmente per qualche sorta di reazione chimica. Conseguentemente, questi materiali vennero utilizzati per fornire protezione contro esso.[326]

Alessiade di Anna Comnena, XI.10[327]

"Poiché [l'Imperatore] era consapevole della forza in mare dei Pisani e temeva di confrontarsi in battaglia con essi, sulla prua di ogni nave dispose una testa di un leone o di un altro animale terrestre, ... così che il loro mero aspetto fosse terrificante. E il fuoco che doveva essere diretto contro il nemico lo fece passare tramite tubi attraverso le bocche delle bestie, in modo che sembrasse che fossero i leoni e le altre simili bestie a vomitare il fuoco."

Malgrado i resoconti esagerati degli scrittori bizantini, non era per niente una "arma meraviglia", e non evitò alcune serie disfatte.[328] A causa della sua gittata limitata, e della necessità di un mare calmo e di condizioni di vento favorevoli, il suo uso era limitato.[329] Nonostante tutto, in circostanze favorevoli e contro un nemico colto alla sprovvista, la sua grande capacità distruttiva e l'impatto psicologico da esso provocato poteva rivelarsi decisivo, come rivelano i resoconti degli scontri contro i Rus'. Il fuoco greco continuò ad essere menzionato anche nel corso del XII secolo, anche se i Bizantini fallirono ad usarlo nel corso della Quarta Crociata, probabilmente perché avevano perso l'accesso alle aree (il Caucaso e la costa orientale del Mar Nero) dove gli ingredienti dell'arma andavano reperiti.[330] Gli Arabi cominciarono a fare uso di un "fuoco liquido" dopo l'835, ma è ignoto se si trattasse dello stesso fuoco greco dei Bizantini, di cui potrebbero aver scoperto gli ingredienti tramite lo spionaggio o a causa della defezione dello stratēgos Eufemio nell'827, o se crearono indipendentemente una variante della sostanza infiammabile bizantina.[183] Un trattato del XII secolo redatto da Mardi bin Ali al-Tarsusi e dedicato a Saladino attesta l'esistenza di una versione di fuoco greco, chiamato "naft" (da nafta), che era a base di petrolio, con aggiunte di zolfo e resine varie.[331]

Ruolo della marina nella storia bizantina[modifica | modifica sorgente]

Non è semplice valutare l'importanza rivestita dalla marina bizantina nel corso della storia dell'Impero. Da una parte, l'Impero, nel corso della sua esistenza, dovette difendere una lunga linea di costa, spesso con poco hinterland. Inoltre, la navigazione era da sempre il mezzo di trasporto più rapido e più economico, e i centri urbani e commerciali maggiori dell'Impero, come del resto la maggior parte delle sue aree fertili, si trovavano lungo le coste.[332] Tutte queste considerazioni, accoppiate con la minaccia araba emersa nel VII secolo e durata fino al X secolo, necessitavano il mantenimento di una flotta potente. La potenza militare della marina bizantina fu particolarmente decisiva nella vittoriosa difesa di Costantinopoli dai due assedi arabi, salvando così l'Impero dalla caduta. Nel corso di questo periodo, inoltre, le operazioni navali costituirono una parte essenziale negli scontri tra Bizantini e Arabi, in un gioco di incursioni e controincursioni che durò fino alla fine del X secolo.[333]

Dall'altra parte, la natura e le limitazioni della tecnologia marittima dell'epoca significava che né i Bizantini né nessuno dei loro nemici potessero sviluppare una vera talassocrazia.[334] Le flotte composte da galee erano limitate alle operazioni lungo la costa, e non erano in grado di rivestire un ruolo veramente indipendente. Inoltre, come l'alternarsi di successi e sconfitte bizantine contro gli Arabi dimostra, nessuno dei due schieramenti riuscì a prevalere definitivamente sull'altro. Anche se i Bizantini riuscirono a conseguire una serie di notevoli successi, come la vittoria di Nasar nell'880, questi successi vennero controbilanciati da sconfitte disastrose.[335] Resoconti di ammutinamenti da parte dei rematori nelle flotte bizantine rivelano anche le condizioni degli equipaggi erano spesso lungi dall'essere quelle ideali prescritte nei manuali.[336] Se a ciò si aggiunge la predominanza tradizionale dei grandi proprietari terrieri anatolici nelle alte cariche civili e militari dello stato, tutto ciò significava che, come accadeva per l'Impero romano, la marina, persino al suo apogeo, era ancora ritenuta un'aggiunta all'esercito terrestre. Questo fatto è chiaramente illustrato dalle posizioni relativamente basse raggiunte dai suoi ammiragli nella gerarchia imperiale.[337][338]

È chiaro nonostante tutto che il declino graduale del potere navale indigeno bizantino nel corso del X e dell'XI secolo, quando fu eclissato dalle città marinare italiane, in principal modo Venezia e successivamente Genova, fu di grande importanza a lungo termine per il fato dell'Impero. Il sacco della Quarta Crociata, che scosse le fondamenta dello stato bizantino, era dovuto in larga parte all'assoluta impossibilità dell'Impero di difendersi per mare.[339] Questo processo fu iniziato da Bisanzio stessa nel IX secolo, quando gli Italiani vennero sempre più utilizzati dall'Impero nella flotta per compensare la sua debolezza navale in Occidente. Le repubbliche italiane, inoltre, approfittarono del loro ruolo di intermediari nel commercio tra l'Impero e l'Europa Occidentale, marginalizzando la marina mercantile bizantina, che a sua volta ebbe effetti avversi sulla disponibilità di forze navali bizantine.[340] Inevitabilmente, comunque, man mano che le repubbliche italiane si svincolarono dall'orbita bizantina, cominciarono a perseguire i propri interessi, e a partire dalla fine dell'XI secolo, passarono dalla protezione al ricatto e al saccheggio dell'Impero, annunciando la sottomissione finale finanziaria e politica di Bisanzio ai loro interessi.[341] L'assenza di una marina competitiva fu avvertita con rammarico e con frustrazione dai Bizantini dell'epoca, come dimostrano le invettive contenute nell'opera di Kekaumenos. Sotto Imperatori forti e energetici come Manuele Comneno, e successivamente Michele VIII Paleologo, la marina bizantina poteva ritornare per qualche tempo competitiva, ma persino dopo aver subito pesanti rovesci contro i Veneziani, i Bizantini meramente li sostituirono con i Genovesi e i Pisani. E fu così che il commercio rimase in mani latine, e i suoi profitti continuarono ad essere dirottati al di fuori dell'Impero.[235] Dopo il 1204, e con la breve eccezione del regno di Michele VIII, le fortune della ora piccola marina bizantina era legata alle fragili alleanze con le repubbliche marinare italiane.[342] Dall'analisi dell'intera storia dell'Impero bizantino, si può osservare come il rafforzarsi e il declinare della forza della marina rispecchi la fluttuazione delle fortune dell'Impero.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fernand Braudel, Civiltà e imperi del Mediterraneo nell'età di Filippo II voume primo, Piccola biblioteca Einaudi, 2002, Torino. p. 257.
  2. ^ Norwich 1990, pp. 48–49
  3. ^ a b Casson 1991, p. 213
  4. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 7
  5. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 8
  6. ^ a b c Pryor & Jeffreys 2006, p. 9
  7. ^ MacGeorge 2002, pp. 306–307
  8. ^ Norwich 1990, p. 166
  9. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 10
  10. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 13
  11. ^ a b c d e f Gardiner 2004, p. 90
  12. ^ Norwich 1990, p. 207
  13. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 14
  14. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 14–15
  15. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 15
  16. ^ Norwich 1990, p. 77
  17. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 17–18
  18. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 19, 24
  19. ^ Norwich 1990, pp. 259–297
  20. ^ Campbell 1995, pp. 9–10
  21. ^ a b c Gardiner 2004, p. 91
  22. ^ Casson 1995, p. 154
  23. ^ a b Nicolle 1996, p. 47
  24. ^ a b c d Gardiner 2004, p. 98
  25. ^ Pryor 1988, p. 62
  26. ^ Nicolle 1996, p. 87
  27. ^ Turtledove 1982, p. 53
  28. ^ a b c Pryor & Jeffreys 2006, p. 25
  29. ^ Lewis & Runyan 1985, p. 24
  30. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 26–27
  31. ^ Treadgold 1998, p. 72
  32. ^ Lewis & Runyan 1985, p. 27
  33. ^ Norwich 1990, p. 334
  34. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 28
  35. ^ a b c d e Pryor & Jeffreys 2006, p. 33
  36. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 29–30
  37. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, p. 31
  38. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 31–32
  39. ^ Norwich 1990, pp. 352–353
  40. ^ Treadgold 1997, p. 349
  41. ^ a b Treadgold 1997, p. 352
  42. ^ Lewis & Runyan 1985, p. 29
  43. ^ Suliman Bashear, Apocalyptic and Other Materials on Early Muslim-Byzantine Wars: A Review of Arabic Sources in Journal of the Royal Asiatic Society, vol. 1, nº 2, Cambridge University Press, 1991, pp. 173–207, DOI:10.1017/S1356186300000572, JSTOR 25182323.
  44. ^ Mango 2002, p. 141
  45. ^ Runciman 1975, p. 150
  46. ^ Christides 1981, p. 76
    Pryor & Jeffreys 2006, p. 41
  47. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 41–42
  48. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, p. 45
  49. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 45–46
  50. ^ Christides 1981, pp. 76–106
    Pryor & Jeffreys 2006, pp. 46–47
  51. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, p. 47
  52. ^ a b c d e f Gardiner 2004, p. 92
  53. ^ Christides 1981, p. 92
  54. ^ Ibn Khaldūn & Rosenthal 1969, p. 120
  55. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, p. 48
  56. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 48–49
  57. ^ Pryor 1988, pp. 102–105
  58. ^ Lewis & Runyan 1985, p. 30
  59. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 60
  60. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 50
  61. ^ Jenkins 1987, p. 183
    Treadgold 1997, p. 534
  62. ^ Jenkins 1987, p. 192
  63. ^ a b Runciman 1975, p. 151
  64. ^ MacCormick 2002, p. 413
  65. ^ a b Treadgold 1997, p. 457
  66. ^ Treadgold 1997, p. 458
  67. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, p. 62
  68. ^ Scafuri 2002, pp. 49–50
  69. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 64–65
  70. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, pp. 65, 68
  71. ^ Treadgold 1998, p. 33
  72. ^ MacCormick 2002, p. 955
  73. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 65–66
  74. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 66
  75. ^ Treadgold 1997, pp. 463–464
  76. ^ a b Tougher 1997, pp. 185–186
  77. ^ Tougher 1997, pp. 186–188
  78. ^ Christides 1981, pp. 82, 86–87
  79. ^ Tougher 1997, p. 191
  80. ^ Christides 1981, pp. 93–94
  81. ^ Norwich 1999, p. 120
  82. ^ Treadgold 1997, pp. 469–470
  83. ^ L'esistenza della spedizione del 911 è stata da taluni messa in dubbio, cfr. Ahrweiler 1966, p. 113
  84. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 63
  85. ^ Christides 1981, p. 94
  86. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 64
  87. ^ a b c Pryor & Jeffreys 2006, p. 72
  88. ^ MacCormick 2002 414
  89. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 71
  90. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 74
  91. ^ a b c d e f Gardiner 2004, p. 93
  92. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 75
  93. ^ Treadgold 1997, p. 495
  94. ^ Norwich 1999, p. 195
  95. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 73
  96. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 75–76
  97. ^ Treadgold 1997, p. 509
  98. ^ a b Kekaumenos & Tsoungarakis 1996 , Strategikon, Cap. 87
  99. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 87–88
  100. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 76–77, 89
  101. ^ Haldon 1999, pp. 90–91
  102. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 88
  103. ^ Haldon 1999, p. 91
  104. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 91–93
  105. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 94
  106. ^ Bréhier 2000, p. 335
  107. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 99
  108. ^ a b Birkenmeier 2002, p. 39
  109. ^ Nicol 1992, pp. 55–58
  110. ^ Nicol 1992, pp. 59–61
  111. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 100
  112. ^ Nicol 1992, p. 58
  113. ^ Pryor 1988, p. 113
    Haldon 1999, p. 96
  114. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 109
  115. ^ Nicolle 2005, p. 69
  116. ^ a b c Pryor & Jeffreys 2006, p. 111
  117. ^ a b Haldon 1999, p. 96
  118. ^ Treadgold 1997, p. 631
  119. ^ Treadgold 1997, p. 641
  120. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 106–107, 111–112
  121. ^ Norwich 1996, pp. 98, 103
  122. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, p. 113
  123. ^ Treadgold 1997, p. 643
  124. ^ a b Phillips 2004, p. 158
  125. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 112, 115
  126. ^ a b Harris 2006, p. 109
  127. ^ Heath 1995, p. 4
  128. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 116
  129. ^ Magdalino 2002, p. 97
  130. ^ Lilie 1994, p. 215
  131. ^ Birkenmeier 2002, p. 22
  132. ^ a b c Pryor & Jeffreys 2006, p. 121
  133. ^ Harris 2006, pp. 128–130
  134. ^ Norwich 1996, p. 151
  135. ^ Harris 2006, p. 128
  136. ^ a b c d e Heath 1995, p. 17
  137. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 122
  138. ^ Macrides 2007, pp. 168–169
  139. ^ Bryer 1966, pp. 4–5
  140. ^ a b Nicol 1992, pp. 166, 171
  141. ^ Bartusis 1997, p. 24
  142. ^ Nicol 1992, pp. 171–172
  143. ^ Bartusis 1997, p. 39
  144. ^ a b Lane 1973, p. 76
  145. ^ Geanakoplos 1959, pp. 127, 153–154
  146. ^ Bartusis 1997, p. 59
  147. ^ Nicol 1993, pp. 59–60
  148. ^ Angelov 2007, pp. 175–176, 317
  149. ^ Nicol 1992, p. 246
    Nicol 1993, p. 158
  150. ^ a b Nicol 1993, pp. 111–112
  151. ^ Nicol 1993, p. 171
    Bréhier 2000, p. 341
  152. ^ Nicol 1993, p. 199
    Bréhier 2000, p. 341
  153. ^ Nicol 1993, pp. 220–221
  154. ^ Norwich 1996, p. 312
    Bartusis 1997, pp. 98–99
  155. ^ Norwich 1996, pp. 316–317
    Bartusis 1997, p. 99
  156. ^ Bartusis 1997, p. 219
  157. ^ Bartusis 1997, p. 110
  158. ^ a b Heath 1984, p. 23
  159. ^ Norwich 1996, pp. 376–377
  160. ^ Setton 1978, pp. 18–19
  161. ^ Nicolle 2005, p. 45
  162. ^ Bartusis 1997, p. 132
  163. ^ Nicolle 2005, pp. 53–56
  164. ^ Cosentino 2008, pp. 578–583
  165. ^ Treadgold 1997, p. 19
  166. ^ Vegezio, De Re Militari, IV.46
  167. ^ Vegezio, De Re Militari, IV.31
  168. ^ Lewis & Runyan 1985, pp. 4–8
  169. ^ Codex Justinianus, XI.2.4 & XI.13.1
  170. ^ MacGeorge 2002, p. 307
  171. ^ Haldon 1999, p. 68
  172. ^ Lewis & Runyan 1985, pp. 20–22
    Bréhier 2000, pp. 324–325
    Cosentino 2008, p. 580
  173. ^ Lewis & Runyan 1985, p. 22
  174. ^ Treadgold 1998, p. 28
    Haldon 1999, p. 78
  175. ^ Ahrweiler 1966, p. 22
  176. ^ Treadgold 1997, pp. 315, 382
  177. ^ Cosentino 2008, p. 602
  178. ^ Ahrweiler 1966, pp. 22–23
  179. ^ a b c Haldon 1999, p. 74
  180. ^ Treadgold 1998, p. 73
  181. ^ Ahrweiler 1966, pp. 24–25
  182. ^ Ahrweiler 1966, pp. 31–35
  183. ^ a b c d e Gardiner 2004, p. 99
  184. ^ Ahrweiler 1966, pp. 73–74
  185. ^ Ahrweiler 1966, pp. 33–34
  186. ^ Ahrweiler 1966, pp. 50–51
  187. ^ a b Haldon 1999, p. 77
  188. ^ Ahrweiler 1966, pp. 26–31
  189. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 32
  190. ^ Ahrweiler 1966, p. 82
  191. ^ a b c Kazhdan 1991, p. 1127
  192. ^ Ahrweiler 1966, pp. 82–83
  193. ^ Ahrweiler 1966, pp. 76–79
  194. ^ a b Ahrweiler 1966, pp. 79–81
  195. ^ Ahrweiler 1966, pp. 64–65
  196. ^ Treadgold 1998, p. 76
  197. ^ Kazhdan 1991, p. 1836
  198. ^ Ahrweiler 1966, pp. 83–85
  199. ^ Treadgold (1997), p. 383
  200. ^ Treadgold 1997, p. 427
  201. ^ Ahrweiler 1966, pp. 83ff.
  202. ^ Kazhdan 1991, pp. 1122, 1250
  203. ^ Treadgold 1997, p. 433
  204. ^ Ahrweiler 1966, pp. 85–89
  205. ^ Ahrweiler 1966, pp. 95–96
  206. ^ a b Treadgold 1998, p. 67
  207. ^ a b Treadgold 1998, pp. 104–105
  208. ^ a b Treadgold 1997, p. 145
  209. ^ a b Treadgold 1997, p. 277
  210. ^ Treadgold 1997, p. 412
  211. ^ a b c Treadgold 1997, p. 576
  212. ^ Treadgold 1997, p. 843
  213. ^ Casson 1991, p. 188
  214. ^ Pryor 1988, p. 76
    Haldon 1999, p. 267
  215. ^ Makrypoulias 1995, pp. 154, 159
    Bréhier 2000, pp. 330–331
  216. ^ MacCormick 2002, pp. 413–414
    Makrypoulias 1995, pp. 154–155
  217. ^ Makrypoulias 1995, pp. 154–156
    Treadgold 1998, p. 85
  218. ^ Treadgold 1998, p. 85
  219. ^ Makrypoulias 1995, pp. 157–158
  220. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 266
  221. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, p. 267
  222. ^ Haldon 1999, p. 119
  223. ^ Heath 1984, p. 20
  224. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 271, note 364
  225. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 393
  226. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 268
  227. ^ a b Gardiner 2004, p. 97
  228. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 275
  229. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 270–271
  230. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 273
  231. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, p. 274
  232. ^ Kazhdan 1991, p. 1330
  233. ^ Haldon 1999, p. 144
    Magdalino 2002, pp. 234–235
  234. ^ Haldon 1999, p. 96
    Magdalino 2002, p. 233
  235. ^ a b Lewis & Runyan 1985, p. 37
  236. ^ Macrides 2007, pp. 100–101
  237. ^ Nicol 1993, p. 16
    Bartusis 1997, p. 39
  238. ^ Bartusis 1997, pp. 44–45
    Nicol 1993, p. 42
    Geanakoplos 1959, pp. 126–127
  239. ^ Bartusis 1997, p. 46
  240. ^ Bartusis 1997, p. 158
  241. ^ Bartusis 1997, pp. 46–47
  242. ^ Nicol 1993, p. 42
  243. ^ Kazhdan 1991, p. 1394
  244. ^ Bartusis 1997, p. 60
    Geanakoplos 1959, pp. 209–211
  245. ^ Bréhier 2000, p. 339
    Failler 2003, pp. 232–239
  246. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 123–125
  247. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 125–126
  248. ^ Gardiner 2004, p. 102
  249. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 166–169
  250. ^ Delgado 2011, pp. 188–191
  251. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 127
  252. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 138–140
  253. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 145–147, 152
  254. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 134–135
  255. ^ a b Casson 1995, pp. 243–245, Fig. 180–182
  256. ^ Basch 2001, pp. 57–64
    Campbell 1995, pp. 8–11
    Pomey 2006, pp. 326–329
  257. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, pp. 153–159
  258. ^ Basch 2001, p. 64
  259. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 130–135
  260. ^ Gardiner 2004, pp. 103–104
  261. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 232, 255, 276
  262. ^ Makrypoulias 1995, pp. 164–165
  263. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 205, 291
  264. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 238
  265. ^ Dolley 1948, p. 52
  266. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 215
  267. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 203
  268. ^ Haldon 1999, p. 189
  269. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 282
  270. ^ Gardiner 2004, p. 104
  271. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 143–144
  272. ^ Delgado 2011, pp. 190–191
  273. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 189–192, 372
    Casson 1995, pp. 149–150
  274. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 261–262
    Makrypoulias 1995, p. 165
  275. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 190
  276. ^ Makrypoulias 1995, pp. 159–161
  277. ^ a b Pryor 2003, p. 84
  278. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 284–286
  279. ^ Gardiner 2004, p. 108
  280. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 305
  281. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 307–308, 322–324
  282. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 166–169, 322–325, 449
  283. ^ Makrypoulias 1995, p. 168
  284. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 407–411
  285. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 413–415
  286. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 415–416
  287. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 418–419
  288. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 420
  289. ^ Gardiner 2004, p. 115
  290. ^ Gardiner 2004, pp. 110–111
  291. ^ Gardiner 2004, pp. 116, 123
  292. ^ Gardiner 2004, pp. 123–124
  293. ^ Andriopoulou, Vera, Kondyli, Fotini, Ships on the Voyage from Constantinople to Venice in The Syropoulos Project, The Institute of Archaeology and Antiquity of the University of Birmingham. URL consultato il 9 marzo 2009.
  294. ^ a b Pryor 1988, p. 70
  295. ^ Gardiner 2004, p. 209
  296. ^ Pryor 1988, pp. 71–77
  297. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 354, 356–357
  298. ^ a b Pryor & Jeffreys 2006, p. 360
  299. ^ Gardiner 2004, pp. 219–220
  300. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 388–389
  301. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 383
  302. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 387
  303. ^ Christides 1981, pp. 79–80
    Pryor & Jeffreys 2006, pp. 387–392
  304. ^ Leone VI il Saggio, Tactica, XIX.74–77, trad. in Pryor & Jeffreys 2006, pp. 513–515
  305. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 394–395
  306. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 396–399
  307. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 144
  308. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 399
  309. ^ Pryor 2003, p. 100
    Pryor & Jeffreys 2006, pp. 399–400
  310. ^ Pryor 2003, p. 100
  311. ^ Leone VI il Saggio, Tactica, XIX.52–56, trad. in Pryor & Jeffreys 2006, pp. 505–507
  312. ^ Leone VI il Saggio, Tactica, XIX.36, trad. in Pryor & Jeffreys 2006, p. 499
  313. ^ Leone VI il Saggio, Tactica, XIX.52, trad. in Pryor & Jeffreys 2006, p. 505
  314. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 402
  315. ^ Pryor 2003, pp. 102–104
  316. ^ Pryor 2003, p. 96
  317. ^ Leone VI il Saggio, Tactica, XIX.61–65, trad. in Pryor & Jeffreys 2006, p. 509
  318. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 381
  319. ^ Pryor 2003, p. 102
  320. ^ Dotson 2003, p. 134
  321. ^ Bartusis 1997, pp. 298–299, 331
  322. ^ Heath 1995, pp. 19–21
  323. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 607–609
  324. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 378–379
  325. ^ Gardiner 2004, p. 105
  326. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 617
  327. ^ Dawes 1928, p. 292
  328. ^ Pryor 2003, p. 97
    Vassilios Christides, The Conquest of Crete by the Arabs (ca. 824): A Turning Point in the Struggle between Byzantium and Islam, Academy of Athens, 1984, p. 64.
  329. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 384
  330. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 630–631
  331. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 610–611
  332. ^ Mango 2002, p. 197
  333. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 386
  334. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 388–390
  335. ^ Pryor & Jeffreys 2006, p. 385
  336. ^ Pryor & Jeffreys 2006, pp. 385–386
  337. ^ Pryor 2003, pp. 103–104
  338. ^ Runciman 1975, p. 149
  339. ^ Lewis & Runyan 1985, pp. 38–39
  340. ^ Scafuri 2002, pp. 58–59, 61–63
  341. ^ Lane 1973, p. 34
  342. ^ Bartusis 1997, p. 10

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Georg Ostrogorsky, Storia dell'Impero bizantino, Torino, Einaudi, 1968.
  • John Julius Norwich, Bisanzio, Milano, Mondadori, 2000.
  • Salvatore La Mantia, Il Dromone VII-X secolo, ipotesi ricostruttiva, Ed. Lulu, 2008, ISBN 978-1-4092-5454-6, www.lulu.com.
  • (FR) Hélène Ahrweiler, Byzance et la mer. La Marine de Guerre, la politique et les institutions maritimes de Byzance aux VIIe–XVe siècles, Parigi, Presses Universitaires de France, 1966.
  • (EN) Dimiter Angelov, Imperial ideology and political thought in Byzantium (1204–1330), Cambridge University Press, 2007, ISBN 978-0-521-85703-1.
  • (FR) Lucien Basch, La voile latine, son origine, son évolution et ses parentés arabes in H. Tzalas (a cura di), Tropis VI, 6th International Symposium on Ship Construction in Antiquity, Lamia 1996 proceedings, Atene, Hellenic Institute for the Preservation of Nautical Tradition, 2001, pp. 55–85.
  • (EN) Mark C. Bartusis, The Late Byzantine Army: Arms and Society 1204–1453, University of Pennsylvania Press, 1997, ISBN 0-8122-1620-2.
  • (FR) Helène Bibicou, Problèmes de la marine byzantine in Annales. Économies, Sociétés, Civilisations, vol. 13, fascicolo 2, pp. 327–338.
  • (EN) John W. Birkenmeier, The Development of the Komnenian Army: 1081–1180, BRILL, 2002, ISBN 90-04-11710-5.
  • (FR) Louis Bréhier, Les institutions de l'empire byzantin, Parigi, Albin Michel, 2000, ISBN 978-2-226-04722-9.
  • (EN) Anthony Applemore Mornington Bryer, Shipping in the empire of Trebizond in The Marriner's Mirror – Journal for the Society of Nautical Research, vol. 52, 1966, pp. 3–12.
  • (EN) John B. Bury, The Imperial Administrative System of the Ninth Century – With a Revised Text of the Kletorologion of Philotheos, Oxford University Publishing, 1911.
  • I.C. Campbell, The Lateen Sail in World History in Journal of World History, vol. 6, fascicolo 1, 1995, pp. 1–23.
  • Lionel Casson, The Ancient Mariners: Seafarers and Sea Fighters of the Mediterranean in Ancient Times, Princeton University Press, 1991, ISBN 978-0-691-01477-7.
  • Lionel Casson, Ships and Seamanship in the Ancient World, Johns Hopkins University Press, 1995, ISBN 0-8018-5130-0.
  • (FR) Jean-Claude Cheynet, Le Monde Byzantin II – L'Empire byzantin (641–1204), Parigi, Presses Universitaires de France, 2006, ISBN 978-2-13-052007-8.
  • Vassilios Christides, The Raids of the Moslems of Crete in the Aegean Sea: Piracy and Conquest in Byzantion, vol. 51, 1981, pp. 76–111.
  • Vassilios Christides, Byzantine Dromon and Arab Shini: The Development of the Average Byzantine and Arab Warships and the Problem of the Number and Function of the Oarsmen in Tropis III, 3rd International Symposium on Ship Construction in Antiquity, Athens 1989 proceedings, Hellenic Institute for the Preservation of Nautical Tradition, 1995, pp. 111–122.
  • Vassilios Christides, Military Intelligence in Arabo-Byzantine Naval Warfare in K. Tsiknakis (a cura di), Byzantium at War (9th–12th c.), National Hellenic Research Foundation – Centre for Byzantine Research, 1997, pp. 269–281, ISBN [[Special:BookSources/96070940016 Template:Please check ISBN|96070940016 [[:Template:Please check ISBN]]]] .
  • Salvatore Cosentino, Constans II and the Byzantine navy in Byzantinische Zeitschrift, vol. 100, fascicolo 2, 2008, pp. 577–603, DOI:10.1515/BYZS.2008.577, ISSN 0007-7704.
  • Dawes Elizabeth A., The Alexiad, Londra, Routledge & Kegan Paul, 1928.
  • James P Delgado, Ships on Land in Catsambis Alexis, Ford Ben e Hamilton Donny L. (a cura di), The Oxford Handbook of Maritime Archaeology, Oxford University Press, 2011, pp. 182–191, ISBN 978-0-19-537517-6.
  • R. H. Dolley, The Warships of the Later Roman Empire in The Journal of Roman Studies, vol. 38, Society for the Promotion of Roman Studies, 1948, pp. 47–53, DOI:10.2307/298170, JSTOR 298170.
  • R. H. Dolley, Naval tactics in the heyday of Byzantine thalassocracy in Atti dell' VIII Congresso internazionale di Studi bizantini, I, Roma, 1953, pp. 324–339.
  • John Dotson, Venice, Genoa and Control of the Seas in the Thirteenth and Fourteenth Centuries in Hattendorf John B. e Unger Richard W. (a cura di), War at Sea in the Middle Ages and the Renaissance, Boydell Press, 2003, pp. 109–136, ISBN 0-85115-903-6.
  • (FR) Albert Failler, L'inscription de l'amiral dans la liste des dignités palatines in Revue des études byzantines, vol. 61, 2003, pp. 229–239, DOI:10.3406/rebyz.2003.2279. URL consultato il 29 maggio 2011.
  • Zaraza Friedman e Levent Zoroglu, Kelenderis Ship—Square or Lateen Sail? in The International Journal of Nautical Archaeology, vol. 35, fascicolo 1, 2006, pp. 108–116, DOI:10.1111/j.1095-9270.2006.00091.x.
  • Robert Gardiner, The Age of the Galley: Mediterranean Oared Vessels since pre-Classical Times, Conway Maritime Press, 2004, ISBN 978-0-85177-955-3.
  • Deno John Geanakoplos, Emperor Michael Palaeologus and the West, 1258–1282: A Study in Byzantine-Latin Relations, Harvard University Press, 1959.
  • (FR) Rodolphe Guilland, Études de titulature et de prosopographie Byzantines: les chefs de la Marine Byzantine: Drongaire de la flotte, Grand Drongaire de la flotte, Duc de la flotte, Mégaduc in Byzantinische Zeitschrift, vol. 44, 1951, pp. 212–240.
  • John F. Haldon, Warfare, State and Society in the Byzantine world, 565–1204, Routledge, 1999, ISBN 1-85728-494-1.
  • Jonathan Harris, Byzantium and The Crusades, Hambledon & London, 2006, ISBN 978-1-85285-501-7.
  • Ian Heath, Armies of the Middle Ages, Volume 2: The Ottoman Empire, Eastern Europe and the Near East, 1300–1500, Wargames Research Group, 1984.
  • Ian Heath, McBride, Angus, Byzantine Armies: AD 1118–1461, Osprey Publishing, 1995, ISBN 978-1-85532-347-6.
  • Ibn Khaldūn, The Muqaddimah: An Introduction to History, a cura di Rosenthal Franz (Ed. & Trad.), Princeton University Press, 1969, ISBN 978-0-691-01754-9.
  • Romilly Jenkins, Byzantium: The Imperial Centuries, AD 610–1071, University of Toronto Press, 1987, ISBN 0-8020-6667-4.
  • Kekaumenos, Στρατηγικὸν, a cura di Tsoungarakis Dimitris (Ed. & Trad.), Atene, Kanakis Editions, 1996, pp. 268–273, ISBN 960-7420-25-X.
  • Alexander Kazhdan, Oxford Dictionary of Byzantium, Oxford University Press, 1991, ISBN 978-0-19-504652-6.
  • (DE) Taxiarchis G. Kollias, Die byzantinische Kriegsmarine. Ihre Bedeutung im Verteidigungssystem von Byzanz in Evangelos K. Chrysos (a cura di), Griechenland und das Meer. Beiträge eines Symposions in Frankfurt im Dezember 1996, Mannheim, 1999, pp. 133–140.
  • Frederic Chapin Lane, Venice, a Maritime Republic: A Maritime Republic, JHU Press, 1973, ISBN 978-0-8018-1460-0.
  • Lewis Archibald Ross e Runyan Timothy J., European Naval and Maritime History, 300–1500, Indiana University Press, 1985, ISBN 0-253-20573-5.
  • Michael MacCormick, Origins of the European Economy: Communications and Commerce, A.D. 300–900, Cambridge University Press, 2002, ISBN 978-0-521-66102-7.
  • Penny MacGeorge, Appendix: Naval Power in the Fifth Century in Late Roman Warlords, Oxford University Press, 2002, ISBN 978-0-19-925244-2.
  • Ruth Macrides, George Akropolites: The History – Introduction, translation and commentary, Oxford University Press, 2007, ISBN 978-0-19-921067-1.
  • Paul Magdalino, The Empire of Manuel I Komnenos, 1143–1180, Cambridge University Press, 2002, ISBN 0-521-52653-1.
  • Christos G. Makrypoulias, The Navy in the Works of Constantine Porphyrogenitus in Graeco-Arabica, fascicolo 6, Atene, 1995, pp. 152–171.
  • George Makris, Ships in Laiou Angeliki E. (a cura di), The Economic History of Byzantium from the Seventh through the Fifteenth Century, Dumbarton Oaks, 2002, pp. 91–100, ISBN 0-88402-288-9.
  • Cyril Mango, The Oxford History of Byzantium, Oxford University Press, 2002, ISBN 0-19-814098-3.
  • (EL) Dimitris Michalopoulos, Milanos, Antonis, Ελληνικά Πλοία του Μεσαίωνα ("Greek Vessels of the Middle Ages"), Evropi, 1994, ISBN 960-253-028-6.
  • Donald MacGillivray Nicol, Byzantium and Venice: A Study in Diplomatic and Cultural Relations, Cambridge University Press, 1992, ISBN 0-521-42894-1 .
  • Donald MacGillivray Nicol, The Last Centuries of Byzantium, 1261–1453, Cambridge University Press, 1993, ISBN 978-0-521-43991-6.
  • David Nicolle, Medieval Warfare Source Book: Christian Europe and its Neighbours, Brockhampton Press, 1996, ISBN 1-86019-861-9.
  • David Nicolle, Constantinople 1453: The End of Byzantium, Praeger Publishers, 2005, ISBN 978-0-275-98856-2.
  • John Julius Norwich, Byzantium: The Early Centuries, Penguin Books, 1990, ISBN 978-0-14-011447-8.
  • John Julius Norwich, Byzantium: The Decline and Fall, Penguin Books, 1996, ISBN 978-0-14-011449-2.
  • John Julius Norwich, Byzantium: The Apogee, Penguin Books, 1999, ISBN 978-0-14-011448-5.
  • Patrice Pomey, The Kelenderis Ship: A Lateen Sail in The International Journal of Nautical Archaeology, vol. 35, fascicolo 2, 2006, pp. 326–329, DOI:10.1111/j.1095-9270.2006.00111.x.
  • Jonathan Phillips, The Fourth Crusade and the sack of Constantinople, Viking, 2004, ISBN 978-0-14-303590-9.
  • John H. Pryor, Geography, Technology, and War: Studies in the Maritime History of the Mediterranean, 649–1571, Cambridge University Press, 1988, ISBN 0-521-42892-0.
  • John H. Pryor, Byzantium and the Sea: Byzantine Fleets and the History of the Empire in the Age of the Macedonian Emperors, c. 900–1025 CE in Hattendorf John B. e Unger Richard W. (a cura di), War at Sea in the Middle Ages and the Renaissance, Boydell Press, 2003, pp. 83–104, ISBN 0-85115-903-6.
  • (EN) John H. Pryor, Elizabeth M. Jeffreys, The Age of the ΔΡΟΜΩΝ: The Byzantine Navy ca. 500–1204, Leida, Olanda e Boston, Massachusetts, Brill Academic Publishers, 2006, ISBN 978-90-04-15197-0.
  • Steven Runciman, Byzantine Civilisation, Taylor & Francis, 1975, ISBN 978-0-416-70380-1.
  • Michael P. Scafuri, Byzantine Naval Power and Trade: The Collapse of the Western Frontier, Texas A & M University, 2002.
  • Kenneth M. Setton, The Papacy and the Levant (1204–1571), Volume II: The Fifteenth Century, DIANE Publishing, 1978, ISBN 0-87169-127-2.
  • Shaun Tougher, The Reign of Leo VI (886–912): Politics and People, BRILL, 1997, ISBN 90-04-09777-5.
  • Warren T. Treadgold, A History of the Byzantine State and Society, Stanford University Press, 1997, ISBN 0-8047-2630-2.
  • Warren T. Treadgold, Byzantium and Its Army, 284–1081, Stanford University Press, 1998, ISBN 0-8047-3163-2.
  • Turtledove Harry, The chronicle of Theophanes: an English translation of anni mundi 6095–6305 (A.D. 602–813), University of Pennsylvania Press, 1982, ISBN 978-0-8122-1128-3.
  • Ralph-Johannes Lilie, Byzantium and the Crusader States: 1096–1204, Oxford University Press, USA, 1994, ISBN 0-19-820407-8.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]