Marina Severa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marina Severa ritratta da Guillaume Rouillé nei Promptuarii iconum insigniorum

Marina Severa (... – morta prima del 375) fu la prima moglie dell'imperatore romano Valentiniano I e madre del successivo imperatore Graziano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il suo nome non è noto, ma è stato ricostruito dalle fonti: Socrate Scolastico la chiama "Severa",[1] Giovanni Malala, il Chronicon paschale e Giovanni di Nikiu riportano il nome "Marina".[2]

Marina Severa sposò Valentiniano I prima che quest'ultimo salisse al trono. Il loro figlio, Graziano, nacque nel 359 a Sirmio, in Pannonia. Valentiniano fu eletto imperatore nel 364. Egli divorziò dalla moglie attorno al 370, per sposare Giustina, vedova dell'usurpatore Magnenzio.[3]

Secondo il racconto di Socrate Scolastico,[1] Severa conobbe Giustina e ne divenne amica. Avendola vista nuda prendendo un bagno insieme, rimase colpita dalla bellezza dell'amica e la decantò al marito, il quale decise di sposarla. Secondo alcune ricostruzioni moderne, lo scopo di Valentiniano era quello di rinforzare le proprie pretese dinastiche (Giustina era probabilmente imparentata con Costantino I).[2] Secondo i racconti di Giovanni Malala, del Chronicon paschale e di Giovanni di Nikiu, Valentinianò ripudiò la moglie per punirla di una ingiustizia di cui si era macchiata, rifiutandosi di pagare un campo che aveva acquistato alla cifra giusta;[4] secondo gli storici moderni si tratta di una storia fabbricata per giustificare il divorzio di Valentiniano.[2]

Quando Valentiniano morì nel 375, fu seppellito nella chiesa dei Santi Apostoli a Costantinopoli, accanto alla sua prima moglie.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Socrate Scolastico, Storia ecclesiastica, iv.31.
  2. ^ a b c Timothy Barnes, Ammianus Marcellinus and the Representation of Historical Reality, 1998, pp. 123-125
  3. ^ Roberts.
  4. ^ Giovanni di Nikiu, Cronaca, lxxxii.9-14.
  5. ^ VALENTINIAN I. (Flavius Valentinianus)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]