Marin Le Roy de Gomberville

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Marin Le Roy de Gomberville (Parigi, 1600Parigi, 14 giugno 1674) è stato un poeta e romanziere francese, eletto fra i primi 40 membri dell'Académie française.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di un ristoratore alla Chambre des comptes, fu un letterato molto precoce. All'età di quattordici anni scrisse un Éloge de la vieillesse in 110 quartine, la cui qualità è oggi giudicata molto scarsa. Poco dopo il raggiungimento della maggior età aveva già scritto la prefazione alle poesie di François Maynard, un trattato filosofico, due opere di storia e tre romanzi d'avventura (La Charitie, Polexandre in cinque volumi e Cythérée in quattro volumi e rimasto incompiuto). Un quarto romanzo, Jeune Alcidiane apparve nel 1651, dopo la sua conversione al Giansenismo. Pochi anni prima (1627) era apparso in Francia il romanzo pastorale L'Astrée di Honoré d'Urfé. I romanzi di Gomberville, uomo dal sapere enciclopedico, sono ben diversi dalle pastorellerie: sono romanzi pseudostorici, con temi "eroici" (avventure, principi, corsari, duelli, sciabolate, ecc.), ambientati in terre esotiche, che peraltro l'autore non aveva mai visitato (Americhe, Egitto, Senegal, ecc.)[1], trame intricate e confuse, ma che comunque piacquero molto ai contemporanei e vennero tradotti anche in lingua italiana[2][3].

Ammesso tra i primi membri dell'Académie française (13 marzo 1634), lavorò alla stesura del Dictionnaire de l'Académie française. Prese parte più volte alle discussioni dell'Académie; suscitò fra l'altro un vivace dibattito, che ebbe un'eco anche al di fuori dell'Académie, con la sua proposta di vietare nella francese la congiunzione «car» (poiché). Di lui Jean Chapelain disse che «parlava un linguaggio molto puro, e i suoi romanzi ne sono la prova».

Divenuto giansenista, trascorse gli ultimi venticinque anni della sua vita in pio ritiro, tenendosi lontano dall'Académie.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ «Gomberville». In : Dizionario della letteratura francese, Roma: Gremese Editore, 2002, p. 191 ISBN 8884401720, ISBN 9788884401724 (Google books)
  2. ^ Il Polessandro del signor di Gombreuille. Diuiso in cinque libri. Trasportato dal francese da Paris Cerchieri, In Venetia : appresso li Guerigli, 1647
  3. ^ «Gomberville. Il Polesandro». In: Gaetano Melzi, Bibliografia dei romanzi e poemi cavallereschi italiani, seconda edizione corretta ed accresciuta, Milano: P. A. Tosi, pp. 301-2, 1838 (Google books)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • René Pocard Kerviler, Marin Le Roy, sieur de Gomberville: l'un des quarante fondateurs de l'Académie française, 1600-74, Paris : Claudin, 1876
  • André Le Breton, Le roman de dix-septième siècle, Paris: Hachette, 1912, p. 32 e segg. (on-line)
  • «Gomberville 〈ġõbervìl〉, Marin Le Roy de». In: Enciclopedia Biografica Universale, Roma : Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Vol. VIII, 2007, ad vocem (on-line)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Seggio 21 dell'Académie française Successore
Primo membro 1634 - 1674 Pierre-Daniel Huet

Controllo di autorità VIAF: 73960433 LCCN: n85086791