Marija Kirillovna Romanova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Granduchessa Marija Kirillovna
Grand Duchess Maria Kirillovna of Russia.JPG
Principessa di Leiningen
Nascita Coburgo, Baviera, Germania, 2 febbraio 1907
Morte Madrid, Spagna, 25 ottobre 1951
Padre Granduca Kirill Vladimirovič di Russia
Madre Principessa Vittoria Melita di Sassonia-Coburgo e Gotha
Consorte Carlo, VI principe di Leiningen
Figli Emich Kirill di Leiningen
Principe Carlo di Leiningen
Kira, Principessa Andrej di Yugoslavia
Principessa Margherita di Leiningen
Principessa Mechtilde di Leiningen
Principe Friedrich Wilhelm di Leiningen
Principe Peter di Leiningen

Granduchessa Marija Kirillovna di Russia (Coburgo, 2 febbraio 190725 ottobre 1951) era la primagenita del Granduca Kirill Vladimirovič di Russia e della Granduchessa Vittoria Fëdorovna.

Nacque a Coburgo perché suo padre era stato confinato in esilio fuori dalla Russia dal momento che lo zar Nicola II di Russia non aveva accettato il suo matrimonio con la cugina (ed ex cognata della moglie). In famiglia era chiamata Marie, in francese, o Masha, in russo. Poté tornare in Russia ancora piccola, ma con la Rivoluzione d'Ottobre, lei e la sua famiglia furono costretti ad andare via nuovamente.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

La Granduchessa Maria Kirillovna da bambina.

Marija fu allevata a Coburgo e a Saint-Briac in Francia. Nacque Principessa Maria Kirillovna di Russia, ma suo padre le concesse il titolo di Granduchessa di Russia con il trattamento di altezza imperiale quando si dichiarò Protettore del Trono Russo nel 1924. Da piccola, la bionda Marija dagli occhi blu[1] assomigliava alla nonna materna, la Granduchessa Marija Aleksandrovna di Russia, nell'aspetto, con un viso largo e rotondo[2] ed un tendenza ad ingrassare e sembrare più grande della sua vera età quando era ancora adolescente.[3] Fu descritta come " timida e disinvolta"[2], ma che ebbe anche la sua parte di inconvenienti. Nel 1924, quando era diciassettenne, la "volubile"[4] Marija fece visita a sua zia, la Regina Maria di Romania, ed ebbe un flirt con il genero di una dama della corte rumena.[4] La cugina quindicenne, Principessa Ileana, diffuse le voci sulla faccenda quando Marija ritornò a casa, causando relazioni tese tra la Regina di Romania e la madre di Marija, Vittoria.[4] Il conflitto fu poi appianato.

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

L'anno dopo, il 24 febbraio 1925, Marija fu fidanzata ad un principe relativamente minore, il Principe Federico Carlo, l'Ereditario Principe di Leiningen (13 febbraio 1898 – 2 agosto 1946).[5] Vittoria Melita era al capezzale della figlia quando ebbe il primo figlio, Emich Kirill, nel 1926.[6] Assisté anche a tutti gli altri parti di Marija. Marija ebbe in tutto sette figli, uno dei quali morì nell'infanzia durante la II Guerra Mondiale. Suo marito fu obbligato ad entrare nell'esercito tedesco e venne preso prigioniero dai sovietici alla fine della guerra. Morì di inedia in un campo di concentramento russo nel 1946. Marija, da sola e con pochi soldi, lottò per vivere e sfamare i sei figli sopravvissuti. Morì cinque anni dopo per un attacco di cuore all'età di quarantaquattro anni.[7]

Marija ebbe sette figli:

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Marija Kirillovna Romanova Padre:
Kirill Vladimirovič, Granduca di Russia
Nonno paterno:
Granduca Vladimir Aleksandrovič di Russia
Bisnonno paterno:
Alessandro II di Russia
Trisnonno paterno:
Nicola I di Russia
Trisnonna paterna:
Principessa Carlotta di Prussia
Bisnonna paterna:
Principessa Maria d'Assia e del Reno
Trisnonno paterno:
Luigi II, Granduca d'Assia e del Reno
Trisnonna paterna:
Principessa Guglielmina di Baden
Nonna paterna:
Duchessa Maria di Meclemburgo-Schwerin
Bisnonno paterno:
Federico Francesco II, Granduca di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonno paterno:
Paolo Federico, Granduca di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna paterna:
Principessa Alessandrina di Prussia
Bisnonna paterna:
Principessa Augusta Reuss di Köstritz
Trisnonno paterno:
Principe Enrico LXIII Reuss di Köstritz
Trisnonna paterna:
Contessa Eleonora di Stolberg-Wernigerode
Madre:
Vittoria Melita di Sassonia-Coburgo-Gotha
Nonno materno:
Alfredo di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno materno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno materno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna materna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Bisnonna materna:
Vittoria del Regno Unito
Trisnonno materno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Nonna materna:
Marija Aleksandrovna Romanova
Bisnonno materno:
Alessandro II di Russia
Trisnonno materno:
Nicola I di Russia
Trisnonna materna:
Carlotta di Prussia
Bisnonna materna:
Maria d'Assia-Darmstadt
Trisnonno materno:
Luigi II d'Assia
Trisnonna materna:
Guglielmina di Baden

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Michael John Sullivan, A Fatal Passion: The Story of the Uncrowned Last Empress of Russia, Random House, p. 374
  2. ^ a b Sullivan, p. 374
  3. ^ John Van der Kiste, Princess Victoria Melita, Sutton Publishing, 1991, p. 136
  4. ^ a b c Van der Kiste, p. 157
  5. ^ Sullivan, p. 373
  6. ^ Sullivan, p. 377
  7. ^ Sullivan, p. 408
  8. ^ Paul Theroff, Leiningen in An Online Gotha, 2007. URL consultato il 7 gennaio 2007 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2006).

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]