Marie Colvin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marie Catherine Colvin (Oyster Bay, 12 gennaio 1956Homs, 22 febbraio 2012) è stata una giornalista statunitense.

Ha lavorato per il quotidiano britannico The Sunday Times dal 1985 fino alla morte, avvenuta mentre seguiva l'assedio di Homs, in Siria.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Colvin cominciò la sua carriera a New York, come reporter per United Press International (UPI),dopo essersi laureata a Yale, per poi diventare capo del bureau di Parigi dell'UPI nel 1984, e trasferirsi al Sunday Times nel 1985.

Dal 1986 fu la corrispondente del giornale in Medio Oriente, e dal 1995 la corrispondente per gli Affari Esteri. Nel 1986 fu la prima giornalista a intervistare Mu'ammar Gheddafi dopo l'inizio dei bombardamenti degli Stati Uniti in Libia.

Marie Colvin è morta il 22 febbraio 2012 all'età di 56 anni insieme al fotografo francese Rémi Ochlik, uccisi mentre lasciavano una sede media non ufficiale durante il bombardamento di Homs.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 'Foreign journalists killed' in Homs shelling in Al Jazeera, 22 febbraio 2012. URL consultato il 22 febbraio 2012.
  2. ^ Veteran war reporter Marie Colvin killed in Syria, Channel 4, 22 febbraio 2012. URL consultato il 22 febbraio 2012.

Controllo di autorità VIAF: 26825169 LCCN: no2006099407