Marie-Joseph Donatien de Vimeur de Rochambeau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Donatien Marie-Joseph de Vimeur de Rochambeau

Donatien Marie-Joseph de Vimeur de Rochambeau (Thoré-la-Rochette, 1755Lipsia, 18 ottobre 1813) è stato un generale francese.

Figlio del generale Jean-Baptiste Donatien de Vineur conte di Rochambeau, all' età di dodici anni fu nominato colonnello e seguì il padre in America per combattere insieme ai coloni americani la Guerra di Indipendenza. Dopo la fine della campagna fu decorato con l' Ordine di Cincinnato.

Nominato tenente generale nel 1792 e governatore delle Antille francesi, si sforzò di diffondere anche nelle colonie lo spirito della rivoluzione ma il fatto di aver introdotto la ghigliottina e averla provata su alcuni uomini di colore non depose a suo favore. Come se non bastasse nel 1794 perse il possesso della Martinica a favore degli inglesi e nel 1796, allo scoppio della rivolta di Toussaint Louverture, fu destituito da governatore generale di Saint Domingue (poi Haiti) e costretto a fuggire in patria.

Ritornato in Francia accompagnò Napoleone durante la campagna d'Italia e poi seguì il generale Victor Emanuel Leclerc nella spedizione di riconquista di Haiti del 1802. Sconfitti i ribelli e arrestato Toussaint Louverture, il generale Leclerc fu colpito dalla febbre gialla e morì poco dopo lasciando Rochambeau come comandante in capo. Fu un disastro. L'isola si sollevò di nuovo sotto Jean-Jacques Dessalines che nel 1804 sbaragliò i francesi a Vertières. Per salvarsi la pelle Rochambeau si consegno' nelle mani di un commodoro inglese.

Napoleone lo lasciò prigioniero in Inghilterra fino al 1811 quando fu scambiato con altri ufficiali inglesi per un armistizio. Si ritirò nel castello di famiglia fino al 1813 quando fu richiamato in servizio come comandante di divisione agli ordini del generale Lauriston.

Deciso a riscattare il suo disastrato stato di servizio e la reputazione del padre, dette prova di valore durante la battaglia di Bautzen e cadde a Lipsia combattendo coraggiosamente.