Mariastella Gelmini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mariastella Gelmini
Mariastella Gelmini 2.jpg

Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Durata mandato 8 maggio 2008 –
16 novembre 2011
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Giuseppe Fioroni (Istruzione)
Fabio Mussi (Università e Ricerca)
Successore Francesco Profumo

Dati generali
Partito politico Forza Italia
Precedentemente:
Forza Italia (2006-2009)
PdL (2009-2013)
Alma mater Università degli Studi di Brescia
on. Mariastella Gelmini
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Leno
Data nascita 1º luglio 1973 (1973-07-01) (40 anni)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato
Partito Forza Italia
Precedentemente:
Forza Italia (2006-2009)
PdL (2009-2013)
Legislatura XV, XVI, XVII
Gruppo Forza Italia
Precedentemente:
Forza Italia (2006-2009)
PdL (2009-2013)
Circoscrizione Lombardia 2
Incarichi parlamentari

Componente - II Commissione (Giustizia);
Componente - Giunta per le Autorizzazioni a procedere;
Componente - Comitato Parlamentare per i Procedimenti di Accusa

Pagina istituzionale

Mariastella Gelmini (Leno, 1º luglio 1973) è una politica italiana, membro della Camera dei deputati dal 2006, ed ex Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca del governo Berlusconi IV dall'8 maggio 2008 al 16 novembre 2011.

Studi e vita familiare[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver frequentato il biennio al liceo Manin di Cremona e per un breve periodo il liceo Bagatta di Desenzano del Garda, Maria Stella Gelmini si è diplomata presso il liceo privato confessionale "Arici".[1]

Ha frequentato l'Università degli Studi di Brescia, dove si è laureata fuori corso in Giurisprudenza con voto 100 su 110[2] con la tesi referendum di iniziativa regionale e specializzata in diritto amministrativo.[3] A ventinove anni ha superato l'esame di Stato per la professione di avvocato presso la Corte d'Appello di Reggio Calabria nel 2002, dopo aver svolto il primo anno di praticantato a Brescia e il secondo nella stessa città di Reggio Calabria. Tale spostamento, come spiega la stessa Gelmini, fu motivato dal fatto che a Reggio Calabria c'era una percentuale di esami superati di circa il 90% contro una percentuale di circa il 30% delle città del nord Italia.[4]

È figlia dell'ex-sindaco democristiano del comune di Milzano,[5] già proprietario di una piccola azienda agricola. Ha una sorella impiegata come maestra elementare, rappresentante della CGIL.[6]

Nel 2010, diventa mamma di Emma avuta dal compagno Giorgio Patelli, immobiliarista bergamasco, già socio della Tecno-Geo e membro del comitato regionale per le valutazioni di impatto ambientale sull'apertura di nuove cave.[7] I due si sono sposati a Sirmione il 23 gennaio 2010;[8] Mariastella Gelmini risulta essere il primo ministro italiano che si sposa durante il mandato.[9]

Carriera politica amministrativa[modifica | modifica sorgente]

Presidente del consiglio comunale di Desenzano del Garda[modifica | modifica sorgente]

Entrata in Forza Italia sin dalla cosiddetta "discesa in campo" di Silvio Berlusconi,[10] nel 1998 si è posizionata prima tra gli eletti alle amministrative,[11] ricoprendo la carica di presidente del consiglio del comune di Desenzano del Garda fino al 2000, anno in cui fu sfiduciata[12]. Le supposte motivazioni di tale voto di sfiducia, da alcuni riportate come «manifesta incapacità ed improduttività politica ed organizzativa»[13] non sono confermabili, dal momento che la relativa delibera del consiglio comunale non sarebbe consultabile[14], fatto che ha suscitato polemiche per l'impossibilità di accedere ad un atto pubblico e un'interrogazione parlamentare in merito[15].

Assessore al Territorio della Provincia di Brescia[modifica | modifica sorgente]

Dal 2002 è stata assessore al territorio della provincia di Brescia dove ha realizzato il "Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale" e ha ottenuto il riconoscimento di nuovi parchi quali il Parco della Rocca e del Sasso di Manerba e l'ampliamento del Parco delle colline di Brescia e del Parco del lago Moro, mentre dal 2004 è stata assessore all'agricoltura.[16]

Consigliere regionale in Lombardia[modifica | modifica sorgente]

Prima degli eletti alla Regione Lombardia nella circoscrizione di Brescia per Forza Italia, entra nel Consiglio Regionale della Lombardia nell'aprile del 2005.[17] Il mese successivo, a seguito del successo elettorale,[18] diventa coordinatrice regionale di Forza Italia in Lombardia; manterrà l'incarico fino al 2008.[19]

Deputato di Forza Italia (2006-2008) e Ministro dell'Istruzione (2008-2011)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 Mariastella Gelmini viene eletta alla Camera dei deputati, dove è stata membro della giunta per le autorizzazioni a procedere, del comitato parlamentare per i procedimenti di accusa e della II commissione giustizia.[20]

È l'autrice del progetto di legge "per la promozione e l'attuazione del merito nella società, nell'economia e nella pubblica amministrazione", presentato il 5 febbraio 2008.[21] Ha inoltre fatto parte del comitato costituente del Popolo della Libertà dove ha coordinato il gruppo di lavoro sullo statuto del nuovo movimento politico.[22]

Nel 2008 è stata riconfermata alla Camera dei Deputati nella circoscrizione Lombardia II per il Popolo della Libertà ed è stata ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nel Governo Berlusconi IV dall'8 maggio 2008 al 16 novembre 2011. Suo consigliere politico nell'ambito dell'incarico di governo è stato il deputato Giorgio Stracquadanio, qualificato sulla stampa come lo spin doctor del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.[23]

Dal 19 marzo 2013 è Vicecapogruppo vicario del gruppo PdL alla Camera dei Deputati.

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce a Forza Italia[24].. Il 24 marzo 2014 diventa membro del Comitato di Presidenza di Forza Italia.

Ministro della Pubblica Istruzione nel IV Governo Berlusconi[modifica | modifica sorgente]

Provvedimenti ufficiali[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Riforma Gelmini.

Decreto Gelmini sulla scuola primaria e secondaria[modifica | modifica sorgente]

Il ministro Gelmini e il Presidente Giorgio Napolitano

Il suo primo provvedimento è il decreto-legge 137/2008 datato 1º settembre 2008 e intitolato "Disposizioni urgenti in materia di istruzione e università", poi convertito in legge dal Senato il 29 ottobre 2008 sotto il nome di Legge 169/2008.[25]

Tra le novità introdotte dal decreto, ha ricevuto grande attenzione da parte dell'opinione pubblica la reintroduzione, a partire dal 2009, del maestro unico nella scuola primaria in sostituzione del precedente sistema con 3 insegnanti per ogni 2 classi e un orario compreso tra le 27 e le 30 ore settimanali per il modulo e dalle 30 alle 32 ore per il tempo pieno. Tale provvedimento, a detta del ministro, si sarebbe reso necessario per adeguare il rapporto tra studenti e insegnanti alla media europea.[26] In particolare, si prevede che il reclutamento del personale docente debba in ogni caso essere pianificato in proporzione a tale riduzione, cioè sulla base di un tempo scuola limitato a ventiquattro ore settimanali. Questo provvedimento, in base a quanto previsto dal governo nella legge finanziaria 133/2008, dovrebbe concorrere a una riduzione di 7,8 miliardi di euro della spesa pubblica scolastica tra il 2009 e il 2012, evitando l'immissione in ruolo di oltre 85.000 docenti precari.[27]

A fronte delle preoccupazioni espresse per la riduzione dell'orario, la Gelmini ha sostenuto in un'intervista che il tempo pieno non solo non verrà meno, ma verrà aumentato ed esteso a più classi senza alcuna spesa ulteriore.[28] Di fatto nel piano programmatico redatto dal ministro, viene delegata agli istituti ampia autonomia per quello che riguarda la durata e l'articolazione dell'attività educativa, ferme restando le disposizioni del decreto: in altri termini, le scuole potranno ampliare l'offerta formativa a loro spese, cioè senza contributi da parte dello stato.[26] In seguito la Gelmini ha garantito alle famiglie la possibilità di scegliere il percorso formativo in cui inserire gli studenti, spaziando dalle 24 ore del modulo con maestro unico alle 30 del tempo pieno;[29] in occasione delle iscrizioni all'anno 2009-2010, il 90% delle famiglie ha comunque scelto di usufruire delle soluzioni con orari superiori alle 24 ore originariamente proposte dal ministro, suscitando perplessità riguardo al reperimento dei fondi necessari ad esaudire tali richieste.[30]

Il ministro Gelmini ha inoltre stabilito nel decreto il ripristino del valore in pagella del voto in condotta, promuovendolo quindi a parametro di valutazione complessiva dello studente; il provvedimento servirebbe secondo il ministro a contrastare il fenomeno del bullismo diffuso nelle scuole.[31] Questo intervento ha incontrato sia pareri positivi, tra cui quello del Moige, ma anche perplessità, come quelle espresse dall'associazione religiosa Exodus onlus.[32] Vengono inoltre ripristinati in pagella i voti in decimi, a sostituire i giudizi.

In materia di strumenti scolastici il decreto, così come modificato alla Camera e in esame al Senato, prevede che i libri di testo per la scuola primaria vengano adottati solo nel caso in cui «l'editore si sia impegnato a mantenere invariato il contenuto nel quinquennio [successivo alla data di adozione ndr.], salvo le appendici di aggiornamento eventualmente necessarie da rendere separatamente disponibili», e che vengano sostituiti con cadenza quinquennale al fine di ridurre il fenomeno del "caro-libri".[33] Un provvedimento simile è stato adottato anche per le scuole secondarie di primo e secondo grado, nelle quali però i libri verranno sostituiti ogni sei anni invece che cinque.[34]

Si stabilisce infine che dall'attuazione del presente decreto «non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica».[33]

Decreti Gelmini sulle Università[modifica | modifica sorgente]

La conversione in legge del decreto sulla scuola primaria e secondaria è stata seguita, il 10 novembre 2008, dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto legge 180/2008 intitolato Disposizioni urgenti per il diritto allo studio, la valorizzazione del merito e la qualità del sistema universitario e della ricerca.[35] Gli obiettivi principali del decreto riguardano l'innalzamento del turnover dal 20% (imposto a tutte le amministrazioni dalla precedente Legge 133/2008 approvata ad agosto dallo stesso governo) al 50% per quegli atenei che non sono ritenuti "onerosi", ossia con una spesa per il personale superiore al 90% dello stanziamento statale, questi ultimi invece non potranno bandire concorsi per l'assunzione di nuovi docenti, ricercatori o personale amministrativo. Vengono inoltre modificate le procedure di valutazione degli aspiranti professori universitari di prima e seconda fascia e dei ricercatori attraverso l'introduzione di criteri di sorteggio per i membri delle commissioni esaminatrici, con lo scopo - dichiarato - di impedire la predeterminazione dell'esito dei concorsi e di incoraggiare quindi una maggiore partecipazione. In realtà le nuove norme sulla determinazione delle commissioni esaminatrici risultano incomplete e, in alcune parti, estremamente vaghe, circostanza che, di fatto, ha determinato un blocco totale dei concorsi dall'entrata in vigore della legge.[36] Inoltre, a differenza dei precedenti criteri di determinazione delle commissioni di concorso, la nuova legge prevede che queste ultime siano costituite solo ed esclusivamente da docenti di prima fascia, cosa che - a dispetto delle dichiarazioni del ministro - accresce enormemente il potere dei docenti di prima fascia e impoverisce il ruolo, all'interno degli atenei, dei professori di seconda fascia e dei ricercatori.

Il provvedimento è stato approvato alla Camera il giorno 8 gennaio 2009,[37] nonostante le proteste di studenti, ricercatori e precari dell'università che, per settimane, avevano dato vita ad una massiccia mobilitazione con manifestazioni di protesta in quasi tutte le città italiane.

Il 23 dicembre 2010 è stata approvata in via definitiva dal Senato della Repubblica il disegno di legge 1905 che modifica completamente il sistema di gestione delle università, e le modalità di reclutamento ed avanzamento di carriera dei docenti e dei ricercatori. Anche questo disegno di legge ha suscitato proteste.[38]

Antefatto: Legge Finanziaria Triennale n.133/2008[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Legge 133/2008.

Il provvedimento sull'adozione del maestro unico ha recepito[26] quanto precedentemente disposto nell'articolo 64 del D.L. datato 25 giugno 2008 e poi convertito in legge il 6 agosto 2008 (legge n.133, "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria"), nel quale era stato previsto di realizzare «per il bilancio dello Stato economie lorde di spesa, non inferiori a 456 milioni di euro per l'anno 2009, a 1.650 milioni di euro per l'anno 2010, a 2.538 milioni di euro per l'anno 2011 e a 3.188 milioni di euro a decorrere dall'anno 2012» con la precisazione che «una quota parte delle economie di spesa [... venisse] destinata, nella misura del 30 per cento, ad incrementare le risorse contrattuali stanziate per le iniziative dirette alla valorizzazione ed allo sviluppo professionale della carriera del personale della Scuola a decorrere dall'anno 2010».[39] Le cifre del D.L. sono state tradotte in criteri operativi nel piano programmatico redatto dalla Gelmini con il concerto del Ministero dell'Economia e delle Finanze, che prevede esuberi stimati intorno alle 87.400 unità per il personale docente (entro l'anno scolastico 2011/2012), e alle 44.500 unità per il personale ausiliario ATA (nel triennio 2009 - 2011).[26]

Nel medesimo decreto legge, ma all'articolo 16, si consente alle università di trasformarsi in fondazioni di diritto privato (con un voto a maggioranza assoluta del senato accademico), ossia in enti dotati di autonomia gestionale, organizzativa e contabile in deroga quindi «alle norme dell'ordinamento contabile dello Stato e degli enti pubblici, ma comunque nel rispetto dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario».[39]

Altri provvedimenti e dichiarazioni[modifica | modifica sorgente]

La Gelmini si è detta favorevole al ritorno del grembiule alle elementari sia per una questione di ordine, sia per eliminare le differenze sociali tra gli scolari che tenderebbero ad emergere in particolare nell'abbigliamento più o meno "griffato".[40] Secondo i risultati di un sondaggio riportati da un quotidiano, tale decisione ha incontrato l'approvazione della maggioranza degli intervistati.[41]

È anche previsto, a partire dall'anno scolastico 2009/2010, l'avvio dell'insegnamento obbligatorio dell'educazione civica e di attività di formazione alle regole della strada e al rispetto dell'ambiente.[42] La Gelmini ha inoltre promosso l'utilizzo di nuove versioni digitalizzate dei libri di testo.[43]

Nell'ottobre 2008 infine il ministro ha stanziato i fondi per l'acquisto di 10.000 lavagne interattive multimediali, collegabili a computer ed anche alla rete internet.[44]

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Una manifestazione di studenti universitari a Palermo, il 20 ottobre 2008, contro i provvedimenti del ministro Gelmini
Beata Ignoranza: manifestazione contro la legge 133. 30 ottobre 2008

La Gelmini, per aver avviato con il suo piano programmatico del 2008 una politica di tagli al personale per un totale di circa 87.000 insegnanti e 44.000 tecnici[45] senza la concertazione con i Sindacati, ha portato gli stessi, e in particolare le sigle Gilda, Cobas, CGIL, CISL e UIL, a manifestare la loro contrarietà temendo ricadute sia sul tempo-scuola che sull'occupazione.[46] Il ministro ha giustificato l'azione di governo sostenendo che le scuole rappresentano un'«agenzia educativa, e non un'istituzione per moltiplicare posti di lavoro»,[32] e che il provvedimento si è reso necessario in quanto al momento «il 97% della spesa [scolastica] è in stipendi».[28] In un primo momento, anche il ministro leghista Umberto Bossi non si era trovato d'accordo con tale decisione,[47] ma poco dopo ha dichiarato che nei confronti della Gelmini non esiste nessun conflitto. Il provvedimento sull'adozione dei libri di testo è stato invece criticato dall'A.I.E. (associazione italiana degli editori),[48] così come il provvedimento legato all'introduzione delle lavagne multimediali.[49]

Altre polemiche sono state suscitate dalla proposta avanzata dal ministro di potenziare il sistema italiano di attribuzione dei meriti, ostacolato da «forti disincentivi alla capacità individuale»[21]; in proposito, è stata criticata perché lei stessa si era trasferita per poter sostenere l'esame di abilitazione alla professione di avvocato a Reggio Calabria, dove la percentuale degli ammessi negli anni precedenti è sempre stata pari ad oltre il triplo rispetto a quella nella città di Brescia. La Gelmini si è difesa affermando che all'epoca i suoi genitori non potevano permettersi di mantenerla a lungo negli studi, e che essendo sfavorita da un sistema generale di "esamificio" dominato a suo parere da una logica di casta che promuoveva esclusivamente i figli dei giuristi più emergenti, l'unico modo per ottenere l'abilitazione fosse quello di sostenere l'esame in un'altra sede.[4]

Un episodio simile è stato innescato da un'indagine svolta dall'OCSE: basandosi sul rapporto di valutazione della qualità della formazione scolastica effettuato nel 2007, nel quale gli studenti degli istituti meridionali risultano collocati agli ultimi posti,[50] la Gelmini ha sostenuto che «nel Sud alcuni istituti abbassano la qualità dell'istruzione» alimentando diverse critiche anche da parte dei suoi stessi alleati, come il presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo, che ha definito "razziste" le parole del ministro. La Gelmini si è giustificata precisando di riferirsi «alle scuole, non agli insegnanti».[51]

Al fianco della Gelmini si sono schierati sia membri del suo stesso partito, come Maurizio Gasparri, che ha giudicato le accuse alla Gelmini strumentali e animate da una visione ideologica di parte,[52] sia alcuni esponenti dell'opposizione, come l'ex-ministro dell'Istruzione Luigi Berlinguer, parzialmente a favore del suo operato e dell'intenzione di riformare la scuola.[53] È stato poi lo stesso presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a riaffermare la necessità di un rinnovamento del sistema scolastico, aggiungendo che nessuna parte politica o sociale può sottrarsi a questa esigenza, e che «non sono sostenibili posizioni di pura difesa dell'esistente».[54]

Alcuni degli esponenti politici della maggioranza e dei giornalisti che si sono espressi a sostegno del provvedimento hanno contestato la scelta, risalente al 1990, di modificare il sistema scolastico allora vigente, reputandola non funzionale al miglioramento della didattica scolastica bensì mirata alla creazione di nuovi posti di lavoro, nell'ottica di un "consociativismo politico-sindacale" che, a loro giudizio, avrebbe caratterizzato molti aspetti della vita repubblicana e in aperta contraddizione con una concomitante presunta diminuzione della popolazione scolastica italiana.[55] Le indagini ISTAT hanno in effetti stimato, nel decennio antecedente, un calo demografico in tale fascia.[56]

Reazioni nell'università e nella scuola[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Riforma Gelmini#Reazioni.

I provvedimenti varati dalla Gelmini nella legge finanziaria e nel primo decreto hanno suscitato una dura reazione da parte del mondo della scuola e dell'università: per tutto il mese di ottobre 2008, si sono susseguiti scioperi degli insegnanti e del personale ATA, manifestazioni dei genitori delle elementari, oltre a diverse iniziative dei movimenti studenteschi delle superiori e delle università, cortei, lezioni in piazza.

Il ministro ha dichiarato in una trasmissione di Canale 5 di non capire le ragioni della protesta[57] e verso la fine del mese ha accettato di incontrare una rappresentanza degli studenti universitari e medi. Il rifiuto della Gelmini di ritirare il decreto ha tuttavia portato alla spaccatura delle associazioni studentesche, divise tra chi considera concluso il dialogo e chi invece intende continuarlo[58].

Durante una visita del ministro in un liceo di Roma, le forze di polizia hanno provveduto all'identificazione di alcuni contestatori. La Gelmini, informata sull'accaduto, ha chiesto alle forze dell'ordine di non intervenire in futuro in situazioni simili dichiarando di essere in grado di affrontare personalmente la dialettica con chi alza la voce[59].

La gaffe del "tunnel"[modifica | modifica sorgente]

Con un comunicato stampa del 23 settembre 2011[60] il ministro, facendo i complimenti agli scienziati del CERN e dell'INFN che avevano rilevato dei neutrini che avrebbero viaggiato ad una velocità superiore a quella della luce (cosa poi smentita da un più accurato controllo dei percorsi dei segnali GPS), ha affermato "Alla costruzione del tunnel tra il CERN ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l'esperimento, l'Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro". L'affermazione ha dato inizio ad una serie di polemiche, visto che tra i due laboratori, distanti in linea retta 730 km, non esiste nessun tunnel.[61][62] Il Ministero ha successivamente emesso un comunicato stampa in cui si affermava che il tunnel di cui si parlava "non è per nessuna ragione intendibile come un tunnel che collega materialmente Ginevra con il Gran Sasso".[63] Entrambi i comunicati oggi non sono più disponibili in Rete.

Il 29 settembre, tuttavia, Massimo Zennaro, portavoce della Gelmini, presentava le proprie dimissioni. Pur non essendo l'autore materiale del comunicato, come portavoce era infatti responsabile dell'omesso controllo e della gestione della comunicazione successiva alla gaffe.[64][65][66]

Parodie[modifica | modifica sorgente]

Mariastella Gelmini è stata fatta oggetto di parodie, come quelle dell'attrice Caterina Guzzanti nella trasmissione Parla con me e nello show Recital, e quella di Paola Cortellesi nello show Non perdiamoci di vista.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ I ricordi del professore, La Stampa, 19 marzo 2009. URL consultato il 22 ottobre 2009.
  2. ^ La sfida ministro-Bersani sul curriculum di laurea, 26 novembre 2010. URL consultato il 29 novembre 2010.
  3. ^ Sito biografie Governo Italiano
  4. ^ a b La Gelmini avvocato in Calabria, La Stampa, 27 agosto 2008. URL consultato il 27 agosto 2008.
    Da Brescia a Reggio Calabria Così la Gelmini diventò avvocato, Corriere della Sera, 4 settembre 2008. URL consultato il 4 settembre 2008.
    Gelmini, avvocato con l'esame 'facile' Da più parti l'invito a dimettersi, Quotidiano.net, 4 settembre 2008. URL consultato l'8 settembre 2008.
  5. ^ Aria di staffetta in regione Lombardia la Gelmini è pronta per il Pirellone, Il Giornale, 3 settembre 2008. URL consultato il 3 settembre 2008.
  6. ^ «Io, l'altra Gelmini della scuola Maestra Cgil e sorella del ministro», Il Giornale, 24 maggio 2008. URL consultato il 3 settembre 2008.
  7. ^ Alberto Statera, "Lady Abelli, gli affari e l'ira del Faraone. Il terremoto che scosse il sistema Formigoni", La Repubblica, 22 novembre 2009
  8. ^ Gelmini sposa: cerimonia essenziale, prodotti del territorio, Torino la Repubblica.it, 23 gennaio 2010. URL consultato il 23 gennaio 2010.
  9. ^ Ansa.it
  10. ^ Mariastella Gelmini: ministro dell'istruzione, ANSA, 7 maggio 2008. URL consultato il 22 ottobre 2009.
  11. ^ Elezioni comunali 1998 - Voti di preferenza, Forza Italia, sede di Desenzano del Garda, 24 maggio 1998. URL consultato il 3 settembre 2008.
  12. ^ Delibera del Consiglio Comunale n. 33 del 31/03/2000, Comune di Desenzano del Garda, 14 ottobre 2009. URL consultato il 14 ottobre 2009.
  13. ^ Il Venerdì di Repubblica, 4 gennaio 2011
  14. ^ Segreto di stato sulla Gelmini: a Desenzano era incapace?
  15. ^ Desenzano nasconde la «bocciatura» della Gelmini
  16. ^ Regione Lombardia - Parco della Rocca e del Sasso - Riconoscimento Deliberazione di giunta provinciale n. 548 del 25.11.2002, Regione Lombardia, 25 novembre 2002. URL consultato il 3 settembre 2008.
    Ampliamento del parco locale di interesse sovracomunale delle colline di Brescia, Verbale di deliberazione della giunta provinciale di Brescia, 25 novembre 2002. URL consultato il 3 settembre 2008.
    Profilo e intervista dell'Assessore Mariastella Gelmini (Bresciaoggi), Provincia di Brescia, 3 settembre 2004. URL consultato il 3 settembre 2008.
  17. ^ I più votati nelle varie Province lombarde, Consiglio Regionale della Lombardia, 4 aprile 2005. URL consultato il 3 settembre 2008.
  18. ^ Biografia di Gelmini Mariastella, Governo. URL consultato il 26 ottobre 2008.
  19. ^ REGIONE LOMBARDIA: Guido Podestà nominato nuovo coordinatore di Forza Italia, Forza Italia, 18 maggio 2008. URL consultato il 3 settembre 2008.
  20. ^ Composizione Giunta per le Autorizzazioni, Camera dei Deputati, 2006. URL consultato il 3 settembre 2008.
    Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa, Senato della Repubblica, 2006. URL consultato il 3 settembre 2008.
    Composizione della II Commissione Giustizia, Camera dei Deputati, 2006. URL consultato il 3 settembre 2008.
  21. ^ a b Proposta di Legge d'iniziativa del Deputato Gelmini, Camera dei Deputati, 9 maggio 2008. URL consultato il 9 maggio 2008.
  22. ^ Gruppi di lavoro per il popolo della libertà. URL consultato il 23 ottobre 2008.
  23. ^ Il ministro insiste: fine del modulo, scelta alle famiglie per il tempo pieno, La Nazione. URL consultato il 7 gennaio 2006.
    In silenzio gli altri ministri «Così è tutto più chiaro agli italiani», Il Tempo. URL consultato il 7 gennaio 2009.
  24. ^ Camera dei Deputati: Composizione del gruppo FORZA ITALIA - IL POPOLO DELLA LIBERTA' - BERLUSCONI PRESIDENTE
  25. ^ Corriere della Sera, Scuola, il decreto Gelmini è legge, 29 ottobre 2008.
  26. ^ a b c d Piano programmatico (PDF), tuttoscuola.com. URL consultato il 17 novembre 2008.
  27. ^ Scuola, cortei e blocchi Gelmini: non li capisco, Corriere della Sera, 18 ottobre 2008. URL consultato il 3 dicembre 2008.
  28. ^ a b Localport notizie, Il ministro Gelmini assicura: il maestro unico non penalizzerà il tempo pieno, 04 settembre 2008.
  29. ^ SCUOLA: GELMINI, PER FAMIGLIE PIÙ LIBERTÀ SCELTA ORARI, Adnkronos, 1 marzo 2009. URL consultato il 3 marzo 2009.
  30. ^ SCUOLA: 9 FAMIGLIE SU 10 SCELGONO MODULO 30 ORE. SPUNTA IL REBUS FONDI, asca.it, 2 marzo 2009. URL consultato il 3 marzo 2009.
  31. ^ Corriere della Sera, Scuola, i bulli bocciati per il voto in condotta, 2 agosto 2008.
  32. ^ a b Gelmini, non toccheremo i docenti di religione e di sostegno. La Stampa, 23/9/2008
  33. ^ a b Decreto Legge 1 settembre 2008, n.137 Disposizioni urgenti in materia di istruzione e università
  34. ^ Modifiche apportate dalla Camera dei Deputati al decreto legge 1 settembre 2008, n.137
  35. ^ decreto legge 10 novembre 2008, n.180 Disposizioni urgenti per il diritto allo studio, la valorizzazione del merito e la qualità del sistema universitario e della ricerca
  36. ^ reclutamento.miur.it: Bandi
  37. ^ Corriere della Sera, Università, è legge il decreto Gelmini, 08 gennaio 2009. URL consultato il 28 gennaio 2009.
  38. ^ La protesta degli universitari italiani in prima pagina sul New York Times. La Stampa
  39. ^ a b Articolo 64 del decreto legge 25 giugno 2008, n.112 poi convertito dalla legge 6 agosto 2008, n.133
  40. ^ Corriere della Sera, "Meno griffe e più decoro". Il ministro dice sì al grembiule, 02 luglio 2008.
  41. ^ Corriere della Sera, Sì al maestro unico da 6 italiani su 10, 19 ottobre 2008.
  42. ^ Corriere della Sera, Ritornano i voti in pagella, 28 agosto 2008.
  43. ^ Articolo 15 del D.L. 25 giugno 2008, n.112
  44. ^ Comunicato del Ministero.
  45. ^ La spirale negativa del piano Gelmini, "Un colpo alla scuola pubblica", La Repubblica, 19 settembre 2008. URL consultato il 19 settembre 2008.
  46. ^ Mario Reggio, "Meno ore, più matematica" ma il sindacato boccia la Gelmini (PDF), La Repubblica, 20 settembre 2008. URL consultato il 28 settembre 2008.
    Scuola, è rivolta contro la Gelmini: in arrivo scioperi e manifestazioni, La Voce d'Italia, 6 settembre 2008. URL consultato il 14 settembre 2008.
    Comunicato Gilda
    Comunicato CISL
    Comunicato FLC CGIL
    Comunicato UIL
    Comunicato COBAS
    Comunicato Comitato Insegnanti Evangelici Italiani
  47. ^ Bossi: «D'accordo sul maestro unico solo perché tanti insegnanti costano troppo», Corriere della Sera, 10 settembre 2008. URL consultato il 28 settembre 2008.
  48. ^ Motta, su libri di testo da Gelmini provvedimenti illogici, Asca, 1º ottobre 2008. URL consultato il 26 ottobre 2008.
  49. ^ "No Gelmini day" sotto il ministero. Gelmini: "Sono piccole frange", Tuttoscuola.com, 2/10/2008. URL consultato il 4/10/2008.
  50. ^ «Scuola, i ragazzi del Sud indietro di due anni», Corriere della Sera, 26/08/2008. URL consultato il 3/10/2008.
  51. ^ Scontro sui prof del Sud, Gelmini frena, Corriere della Sera, 25 agosto 2008. URL consultato il 2 settembre 2008.
  52. ^ Gasparri: "Bene Gelmini, maestro unico scelta saggia", DireGiovani.it, 15 settembre 2008. URL consultato il 26 settembre 2008.
  53. ^ Iossa Mariolina, Berlinguer difende la Gelmini «Non sciuperà le elementari» in Corriere della Sera, 16 settembre 2008, p. 21. URL consultato il 27/9/2008.
  54. ^ Napolitano difende la Gelmini: giusti i tagli, Libero-news.it, 30 settembre 2008. URL consultato il 10 ottobre 2008.
    Napolitano: indispensabili i tagli nella scuola, Corriere della Sera, 30/09/2008. URL consultato il 10/10/2008.
  55. ^ Angelo Panebianco, Il riformismo bocciato, Il Corriere della Sera, 28 settembre 2008. URL consultato il 10 ottobre 2008.
  56. ^ Dati demografici ISTAT
  57. ^ Scuola: Gelmini, non capisco le ragioni della protesta adnkronos.com
  58. ^ Corriere della Sera, Berlusconi: «Tra i manifestanti nelle scuole ci sono dei facinorosi», 24 ottobre 2008.
  59. ^ La Gelmini difende i contestatori: "Non serve la polizia, basto io", Corriere della Sera, 11 settembre 2008. URL consultato il 26 settembre 2008.
  60. ^ Comunicato Stampa del 23 settembre 2011, Miur, 24 settembre 2011. (archiviato dall'url originale il ).
  61. ^ Tunnel tra il Cern e il Gran Sasso - Gaffe della Gelmini, risate sul Web
  62. ^ Here's The Italian Science Minister's Statement On The Theory Of Relativity That Has Scientists Angry, Business Insider, 28 settembre 2011.
  63. ^ Comunicato Stampa del 24 settembre 2011, Miur, 25 settembre 2011. (archiviato dall'url originale il ).
  64. ^ Il comunicato di Zennaro
  65. ^ Gaffe sul tunnel Gelmini si dimette portavoce ministro in La Repubblica, 29 settembre 2011. URL consultato il 29 settembre 2011.
  66. ^ Angela Frenda Lorenzo Salvia, Super incarico dopo la gaffe sul tunnel in Corriere della Sera, 30 settembre 2011. URL consultato il 30 settembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Successore Flag of Italy.svg
Giuseppe Fioroni 8 maggio 2008 - 16 novembre 2011 Francesco Profumo

Controllo di autorità VIAF: 259740977