Mariano Crociata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mariano Crociata
vescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Mariano Crociata.svg
Crux Christi pax
Titolo Latina-Terracina-Sezze-Priverno
Incarichi attuali Vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno
Incarichi ricoperti Vescovo di Noto
Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana
Nato 16 marzo 1953 a Castelvetrano (TP)
Ordinato presbitero 29 giugno 1979 dal vescovo Costantino Trapani, O.F.M.
Consacrato vescovo 6 ottobre 2007 dall'arcivescovo Paolo Romeo (poi cardinale)

Mariano Crociata (Castelvetrano, 16 marzo 1953) è un vescovo cattolico italiano. Dal 19 novembre 2013 è vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studi[modifica | modifica sorgente]

Nel 1972 entra nell'Almo collegio Capranica:[1] è il 118º alunno della VII decananza dei capranicensi. Successivamente frequenta i corsi di Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana, a Roma, conseguendo il dottorato in Teologia, con la pubblicazione della tesi: Umanesimo e Teologia in Agostino Steuco.[2]

Sacerdozio e ministero presbiterale[modifica | modifica sorgente]

Viene ordinato sacerdote il 29 giugno 1979 per la diocesi di Mazara del Vallo[3] da Costantino Trapani, O.F.M., 77º vescovo diocesano. Dal 1985 al 1989 è parroco di Marinella di Selinunte. Successivamente il vescovo Emanuele Catarinicchia lo nomina arciprete di Marsala. Nel 2003 il vescovo Calogero La Piana lo nomina vicario generale della diocesi di Mazara del Vallo. A livello diocesano ricopre anche gli incarichi di direttore dell'Ufficio Catechistico e di assistente diocesano dell'Azione cattolica.[3] È membro della commissione centrale nel sinodo della chiesa mazarese, del direttivo nel Consiglio presbiterale diocesano e del Collegio dei consultori.[4]

Insegnamento teologico[modifica | modifica sorgente]

Insegna Teologia fondamentale presso la Pontificia facoltà teologica di Sicilia e dirige il dipartimento di Teologia delle religioni presso la medesima pontificia facoltà. È inoltre docente di Teologia fondamentale e Cristologia presso l'Istituto di Scienze religiose di Mazara del Vallo ed esperto di dialogo con l'Islam.[4]

Episcopato[modifica | modifica sorgente]

Il 16 luglio 2007 papa Benedetto XVI lo nomina 10º vescovo di Noto.[5] Riceve la consacrazione il 6 ottobre 2007 a Noto dall'arcivescovo di Palermo Paolo Romeo, coconsacranti il vescovo di Mazara del Vallo Domenico Mogavero e l'arcivescovo titolare di Sisak e segretario generale del Sinodo dei Vescovi Nikola Eterović.[6] Alla celebrazione di consacrazione è presente anche il vescovo della diocesi di Butembo-Beni Melchisedec Sikuli Paluku, con cui la diocesi di Noto è "gemellata",[7] e tutti gli arcivescovi e i vescovi della Sicilia.

Il 25 settembre 2008 Benedetto XVI lo nomina segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana per il successivo quinquennio a partire dal 20 ottobre 2008,[8] subentrando a Giuseppe Betori.

Nel settembre 2013 si preannuncia la nomina a nuovo ordinario militare in Italia [9] [10] ma Crociata sembra rifiutare [11]. Il 2 ottobre dello stesso anno, a pochi giorni della scadenza del mandato, papa Francesco, lo proroga nella carica di segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana.[12] Il successivo 19 novembre lo stesso papa Francesco lo nomina vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno. Prende possesso della diocesi il successivo 15 dicembre.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

È autore di diversi articoli sul dialogo interreligioso ed ha curato vari testi dedicati a molteplici aspetti della Teologia delle religioni.[5]

Ha pubblicato:

  • Umanesimo e teologia in Agostino Steuco, Città nuova, 1987
  • Teologia fondamentale: la Chiesa, Piemme, 1991
  • Il crocifisso e le religioni, Città nuova, 2002
  • Teologia delle religioni, Città nuova, 2006
  • Per un discernimento cristiano sull'Islam, Città nuova, 2006
  • La sapienza sulla bocca, la legge nel cuore, Il pozzo di Giacobbe, 2009
  • I cattolici, l'unità d'Italia e la questione meridionale, San Paolo, 2011
  • Pensare da credenti, San Paolo, 2013

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il 13 marzo 2013, in una nota inviata ai giornalisti accreditati, esprime "gioia e riconoscenza" per l'elezione del cardinale italiano Angelo Scola a successore di Pietro nonostante il cardinale protodiacono Jean-Louis Pierre Tauran avesse da poco annunciato l'elezione al soglio pontificio del cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio.[13][14][15] Secondo il portavoce della Cei Domenico Pompili, la gaffe è stata "colpa del copia-incolla".[16]Il comunicato ufficiale a firma di Crociata riportava correttamente il riferimento al cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio, mentre la e-mail inviata da un operatore di un ufficio della CEI ai giornalisti accreditati presentava quello di Scola.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Almo Collegio Capranica, Saluto del Rettore all'inizio dell'Eucaristia. URL consultato il 30 giugno 2013.
  2. ^ Mariano Crociata, Umanesimo e Teologia in Agostino Steuco, Roma, Città Nuova, 1987, ISBN 88-311-3325-X.
  3. ^ a b Chiesa Cattolica Italiana, S.E. Mons. Mariano Crociata - Biografia. URL consultato il 30 giugno 2013.
  4. ^ a b Diocesi di Noto, S.E. Rev.ma Mons. Mariano Crociata. URL consultato il 30 giugno 2013.
  5. ^ a b Sala Stampa della Santa Sede, Rinuncia del vescovo di Noto (Italia) e nomina del successore. URL consultato il 30 giugno 2013.
  6. ^ Il nuovo vescovo di Noto, Avvenire, 6 ottobre 2007. URL consultato il 30 giugno 2013.
  7. ^ Diocesi di Noto, Noto e Butembo-Beni, un ponte di amicizia e solidarietà lungo 22 anni. URL consultato il 30 giugno 2013.
  8. ^ Sala Stampa della Santa Sede, Nomina del segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana. URL consultato il 30 giugno 2013.
  9. ^ Bagnasco pronto a lasciare la guida dei vescovi italiani. URL consultato il 29 settembre 2013.
  10. ^ Papa Francesco, le nuove nomine: "salta" il pupillo di Bertone, Piacenza penitenziere - Il Fatto Quotidiano
  11. ^ Ecco la nuova Cei più democratica voluta da Papa Francesco - Formiche
  12. ^ Papa Francesco proroga segretario generale mons. Crociata. URL consultato il 3 ottobre 2013.
  13. ^ Redazione Online, L'errore della Cei: «Auguri a Scola», corriere.it, 13 marzo 2013. URL consultato il 15 marzo 2013.
  14. ^ Francesco Antonio Grana, Papa Francesco, la Cei nel primo comunicato: “Auguri al pontefice Scola”, ilfattoquotidiano.it, 13 marzo 2013. URL consultato il 30 giugno 2013.
  15. ^ Papa, l'errore della Cei: telegramma di auguri a Scola, repubblica.it, 13 marzo 2013. URL consultato il 30 giugno 2013.
  16. ^ Giacomo Galeazzi, La gaffe della Cei, colpa del copia-incolla, 16 marzo 2013. URL consultato il 19 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Noto Successore BishopCoA PioM.svg
Giuseppe Malandrino 16 luglio 2007 - 25 settembre 2008 Antonio Staglianò
Predecessore Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana Successore Mitra heráldica.svg
Giuseppe Betori 20 ottobre 2008 - 19 novembre 2013 Nunzio Galantino
Predecessore Vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno Successore BishopCoA PioM.svg
Giuseppe Petrocchi dal 19 novembre 2013 in carica

Controllo di autorità VIAF: 36947127