Marianna Pignatelli, contessa di Althann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marianna Pignatelli, contessa di Althann (Alcúdia, 1689Vienna, 1º marzo 1755), è stata una nobildonna spagnola.

Discendente della nobile famiglia dei Pignatelli, fu zia di Cayetano Pignatelli Corbera-Santcliment, generale ed esploratore spagnolo.

Sposata in giovane età con il conte Michele Venceslao Althann e rimastane presto vedova (1722), ebbe una relazione con Pietro Metastasio[1], che le dedicò a Napoli nel 1721 l'Endimione. Visse successivamente a Vienna. Qui, entrata nelle grazie di Carlo VI, propose all'imperatore Metastasio come poeta cesareo, e grazie alla generosa intercessione il poeta riceveva questa nomina nell'aprile del 1730.

La Pignatelli protesse il Trapassi - con cui continuava ad intrattenere una relazione sentimentale - per lunghi anni, anni in cui furono composti i melodrammi più riusciti. Dopo la morte della contessa iniziò la fase calante della produzione metastasiana.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fu detta "seconda Marianna" in quanto il poeta aveva prima che con lei intrecciato una relazione con Marianna Bulgarelli e, dopo di lei, sarà amante di Marianna Martinez.
  2. ^ G.Carducci, «Pietro Metastasio», in Prose di G.C., Bologna, Zanichelli, 1938, p.905.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie