Maria d'Asburgo (1505-1558)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria d'Asburgo in un ritratto del 1519 di Hans Maler zu Schwaz alla Fortezza di Coburgo

Maria d'Asburgo, o Maria d'Ungheria (Bruxelles, 18 settembre 1505Cigales, 18 ottobre 1558), era la quinta figlia di Giovanna di Castiglia e di Filippo d'Asburgo.

Regno di Castiglia e León
Casa di Trastámara

Arms of the Crown Castile with the Royal Crest.svg

Figli
Figli
Figli

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte del padre e l'imprigionamento della madre ritenuta pazza a Tordesillas, Maria crebbe con i fratelli Eleonora, Carlo e Isabella presso la corte della zia paterna Margherita d'Asburgo a Malines. Gli altri fratelli Ferdinando e Caterina crebbero invece in Spagna.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 maggio 1514 dovette lasciare l'adorata corte della zia e raggiungere quella del nonno paterno, il quale l'aveva fidanzata a Luigi, figlio ed erede del re d'Ungheria. Nel luglio del 1522 vennero celebrate le nozze.

Da sovrani del regno d'Ungheria e di Boemia, i giovani sposi dovettero affrontare l'infedele e ingovernabile nobiltà ungherese e boema, che diede loro non pochi problemi.

Luigi era un abile cavaliere, colto, di bell'aspetto ma anche molto frivolo e superficiale. Maria invece fu sempre pratica, energica e dal polso fermo. Niente la intimoriva e, nei suoi pochi anni di regno, cercò di tener testa ai problematici sudditi.

Maria rimase infatti vedova dopo soli quattro anni di matrimonio: Luigi morì nella battaglia di Mohács, combattuta il 29 agosto 1526 contro le forze di Solimano il Magnifico, imperatore ottomano. Al suo fianco rimase il segretario del marito, Nicolaus Olahus.

La coppia rimase senza figli e la corona d’Ungheria passò a Ferdinando, fratello di Maria, che aveva sposato Anna Jagellone, sorella di Luigi.

Reggenza dei Paesi Bassi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte della cara zia Margherita, governatrice dei Paesi Bassi, l'imperatore Carlo V propose alla sorella Maria di prenderne il posto. La giovane pose come condizione quella di non doversi più risposare. Dal 1º luglio 1531 occupò quindi la carica, dovendo comunque sottostare agli ordini del fratello.


Rapporti con la famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Un medaglione raffigurante Maria d'Asburgo

Sebbene tra i due ci fosse grande affetto, Maria non mancò comunque di esprimere le proprie opinioni contrarie, come quando lo rimproverò di voler far sposare a soli 12 anni la loro comune nipote Cristina di Danimarca. Non avendo avuto una propria famiglia, si attaccò infatti ancora di più a quella d'origine. Fu così che si sentì di intervenire, con fine arte diplomatica, per porre pace tra i due fratelli Carlo e Ferdinando sulla successione al governo del Sacro Romano Impero.

Sia lei che sua sorella Eleonora, vollero seguire nel suo ritiro in Estremadura il fratello imperatore. Dopo l'abdicazione di questi infatti, anche Maria chiese le dimissioni e partì coi fratelli per la Spagna. Lì rimasero fino alla morte, avvenuta per tutti e tre nel 1558.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guido Gerosa. Carlo V. Milano, Oscar Mondadori, 1992. ISBN 88-04-43429-5
  • Edgarda Ferri. Giovanna la pazza. Milano, Oscar Mondadori,1998. ISBN 88-04-44266-2
  • Altre informazioni sono state prese dalle corrispondenti voci di Wikipedia in lingua inglese e spagnola.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Governatore dei Paesi Bassi asburgici Successore
Margherita d'Asburgo 1531 - 1555 Emanuele Filiberto di Savoia

Controllo di autorità VIAF: 77119805 LCCN: n94037144