Maria Teresa d'Asburgo-Lorena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima duchessa di Teschen, vedi Maria Teresa d'Asburgo-Lorena (1862-1933).
Maria Teresa di Toscana
Maria Teresa di Toscana
Regina consorte di Sardegna
In carica 27 aprile 1831 – 23 marzo 1849
Predecessore Maria Cristina di Borbone-Napoli
Successore Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena
Altri titoli Principessa di Toscana

Arciduchessa d'Austria

Nascita Vienna, Austria, 21 marzo 1801
Morte Torino, Regno di Sardegna, 12 gennaio 1855
Sepoltura 16 gennaio 1855
Luogo di sepoltura Basilica di Superga
Casa reale Savoia
Dinastia Asburgo-Lorena
Padre Ferdinando III, Granduca di Toscana
Madre Principessa Luisa di Napoli e Sicilia
Consorte Carlo Alberto di Sardegna
Figli Vittorio Emanuele, re d'Italia
Ferdinando, Duca di Genova

Maria Teresa d'Asburgo-Lorena di Toscana (Maria Teresa Francesca Giuseppa Giovanna Benedetta; Vienna, 21 marzo 1801Torino, 12 gennaio 1855) nata principessa di Toscana, arciduchessa d'Austria e principessa di Ungheria e Boemia, divenne regina di Sardegna come moglie del re Carlo Alberto.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Vienna durante l’esilio dei suoi genitori dopo l’invasione buonapartista. Suo padre era Ferdinando III, Granduca di Toscana e sua madre la Principessa Luisa di Napoli e Sicilia che morì (durante il parto del settimo figlio, nato poi morto) un anno dopo la nascita di Maria Teresa. Prima della Restaurazione del 1814, Ferdinando III fu creato Elettore del secolarizzato arcivescovato di Salisburgo e tutta la famiglia si trasferì a Würzburg,

Il 30 settembre 1817 Maria Teresa sposò Carlo Alberto di Sardegna con benedizione nuziale il 2 ottobre nella Basilica di Santa Maria del Fiore.

Il 2 febbraio 1824 Maria Teresa divenne principessa ereditaria e tornò a Torino, poi a Racconigi, quando re Vittorio Emanuele I presentò al popolo Carlo Alberto come erede presuntivo della Corona.
Il 27 aprile 1831 morì re Carlo Felice e i principi di Carignano Carlo Alberto e Maria Teresa salirono al trono.

Dopo la morte in esilio, nel 1849 ad Oporto, del consorte, la regina madre Maria Teresa non comparve più in pubblico e, nel 1851, si ritirò in Toscana.
Morì il 12 gennaio 1855, soltanto otto giorni prima della nuora e un mese prima del secondogenito. I solenni funerali si svolsero nella Reale Basilica di Superga, dove è sepolta.

Donna profondamente cattolica e conservatrice, fece pressione più volte sul figlio Vittorio Emanuele II, allorquando dietro spinta di Cavour, il Parlamento Sabaudo si accingeva a ridurre i privilegi ecclesiastici. Era di carattere dolce e affettuoso, con atteggiamenti spontanei e semplici, come risulta dal suo epistolario col padre Granduca di Toscana.

Vincenzo Vela scolpì a ricordo suo e della nuora Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena, morta pochi giorni dopo, la grande statua di marmo di Carrara che le raffigura inginocchiate in preghiera nel santuario della Consolata a Torino.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Granducato di Toscana
(1737-1859)
Asburgo-Lorena

State flag simple of the Grand Duchy of Tuscany.svg

Francesco III (1737-1765)
Pietro Leopoldo (1765-1790)
Ferdinando III (1790-1824)
Leopoldo II (1824-1859)
Ferdinando IV (1859–1860)

Maria Teresa e Carlo Alberto ebbero tre figli:

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Albero genealogico di tre generazioni di Maria Teresa d'Asburgo-Lorena
Maria Teresa Padre:
Ferdinando III di Toscana
Nonno paterno:
Pietro Leopoldo di Toscana
Bisnonno paterno:
Francesco Stefano di Lorena
Bisnonna paterna:
Maria Teresa d'Asburgo
Nonna paterna:
Maria Ludovica di Borbone
Bisnonno paterno:
Carlo III di Spagna
Bisnonna paterna:
Maria Amalia di Sassonia
Madre:
Luisa Maria Amalia di Borbone-Napoli
Nonno materno:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Bisnonno materno:
Carlo III di Spagna
Bisnonna materna:
Maria Amalia di Sassonia
Nonna materna:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Bisnonno materno:
Francesco Stefano di Lorena
Bisnonna materna:
Maria Teresa d'Asburgo

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Guido Vincenzoni, "Vittorio Emanuele II", Casa editrice Moderna, Milano, 1883.
  • Giulio Vignoli, "I Re e le Regine della Nostra Storia", UMI ed., Pisa, 2006.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Regina consorte di Sardegna Successore
Maria Cristina di Napoli e Sicilia 27 aprile 1831 – 23 marzo 1849 Adelaide d'Austria

Controllo di autorità VIAF: 42778702 LCCN: nr97015628