Maria Teresa Nuzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Teresa
Madre theresa.jpg

Servo di Dio

Nascita La Valletta, 11 maggio 1851
Morte Ħamrun, 17 aprile 1923
Venerata da Chiesa cattolica

Maria Teresa Nuzzo (La Valletta, 11 maggio 1851Ħamrun, 17 aprile 1923) era una religiosa cattolica maltese, fondatrice dell'ordine religioso delle Figlie del Sacro Cuore.

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Maria Teresa è nata in una famiglia fortemente cristiana, il secondo figlio nato a Paolo Nuzzo e Louisa Morrocchi. Suo fratello maggiore è morto in un'epidemia di colera, lasciando Maria Teresa la maggiore. Il giorno dopo Maria Teresa è nata, fu battezzata nella parrocchia Collegiata di St. Paul, e ha ricevuto la conferma all'età di otto anni.

Nei primi anni di Maria Teresa, l'istruzione non era obbligatoria a Malta. Pochi potevano permettersi di mandare i figli a scuola: la maggior parte bambini hanno lavorato per guadagnare soldi per aiutare le loro famiglie. Tuttavia, Maria Teresa avuto la fortuna di istruzione. Talento nel lavoro manuale e la musica, ha sviluppato un interesse precoce nei bambini e il loro benessere. Nel 1867, sedici anni, Maria Teresa divenne responsabile di una scuola gestita da sua zia, che era diventato cieco e morto il 4 marzo 1867.

Anche se Maria Teresa cominciò a sentire il desiderio di abbracciare la vita religiosa, si sentiva la responsabilità per i suoi genitori - il padre era in difficoltà e settanta - e per la scuola sotto la sua cura. All'età di 21 anni considerato la possibilità di prendere i voti privati di povertà, castità e obbedienza come un laico.

Voti privati[modifica | modifica sorgente]

Maria Teresa ha consultato il suo direttore spirituale, mons. Pietro Pace[1] che l'hanno incoraggiata a prendere i voti per la festa di Santa Teresa d'Avila. Maria Teresa sentiva ancora strappato: se incline alla vita religiosa, era sicuro se avrebbe alla fine lasciare la sua famiglia. Il 21 ottobre 1874, ha fatto il suo privatamente i voti nelle mani di mons. Pietro Pace. Due anni più tardi, quando aveva ancora solo 25, suo padre morì.

Maria Teresa ha continuato a sentirsi attratto da entrare in convento, e per di più ad aderire monache di clausura. Nel 1880, ha richiamato l'attenzione del suo direttore spirituale, che le disse apertamente: "Non sono adatti per il chiostro". Così la sua vita ha continuato a girare intorno alla scuola, e la cura pastorale catechistica e dopo la scuola. Un anno dopo, nel 1881 sua madre morì.

Le Figlie del Sacro Cuore[modifica | modifica sorgente]

Maria Teresa cominciò a sperare di creare una congregazione religiosa che avrebbero seguito da vicino Cristo e di essere dedicato al servizio caritativo dell'istruzione e del lavoro sociale. Nonostante la mancanza di finanziamenti, Maria Teresa di fiducia nella provvidenza di Dio, e dopo una lunga lotta, è riuscito a vedere la realizzazione dei suoi sogni nel 1902.[2]

Un cugino, Enrico Nuzzo, ha condiviso lo stesso ideale: per aiutare ad educare la sfortunata nella società, soprattutto le ragazze. Nella sua vita a metà, quest'ultimo intende usare il suo denaro per un progetto sociale per realizzare i suoi ideali. Quando i due si sono incontrati, ha detto Enrico Maria Teresa del suo sogno. Ha espresso il desiderio di accettare l'offerta e il suo desiderio di formare un Istituto Religioso. Questo è stato trasmesso l'Arcivescovo a cui Enrico aveva affidato il terreno con una casa per il progetto. L'arcivescovo conosceva bene Maria Teresa, e fu felice di vedere le sue speranze e sogni attualizzato.

Nel 1902, l'edificio iniziato e nel 1903, Maria Teresa - ora di 52 anni - iniziato a vivere in quella casa con i primi membri della sua nuova fondazione. Così all'età di 52 anni, Maria Teresa riusciti a creare la congregazione aveva sognato. La Congregazione delle Figlie del Sacro Cuore è stata fondata ufficialmente il 21 novembre 1903, il giorno fondatori rispettato da tutte le Figlie del Sacro Cuore.

Oggi[modifica | modifica sorgente]

Oggi, le Figlie del Sacro Cuore sono a Malta, India, Libia, Kenya, Tanzania, Filippine e Stati Uniti d'America.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Isqfijiet ta’ Malta minn żmien. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  2. ^ Daughters of The Sacred Heart. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  3. ^ Teresa Nuzzo. URL consultato il 20 gennaio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]