Maria Cuffaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Cuffaro nel 2009, intervistata alla manifestazione nazionale per la libertà d'informazione.

Maria Cuffaro (Roma, 18 agosto 1964) è una giornalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata da padre italiano e madre svizzero-indiana, da adolescente tenta la carriera di pittrice con due mostre personali: a Roma nel 1980 e ad Atene nel 1986. Maestra elementare di inglese, collabora con la rivista artistica Leade per poi lavorare presso il manifesto, in cui ricopre il ruolo di inviata per l'India, il Pakistan e il Sudafrica. Nel 1986 passa alla radio, e scrive per i settimanali Sette e Il Venerdì di Repubblica.

Nel 1989 conduce su Rai 3 il programma Il filo d'Arianna, che si occupa di inchieste dall'estero. L'anno seguente Sandro Curzi la convince ad entrare nel TG3, di cui attualmente è conduttrice (dell'edizione delle 19.00) ed inviata. Presentatrice del programma C'era una volta, ha collaborato con Michele Santoro nelle trasmissioni Il rosso e il nero e Sciuscià.

Dal giugno 2006 è ospite fissa del programma di intrattenimento Matinée, condotto da Max Giusti e Sabrina Nobile.

Nel 2007 si aggiudica il premio giornalistico intitolato a Maria Grazia Cutuli.

Nel 2011, durante un servizio del TG3 a Tunisi, viene aggredita con il suo cameraman Claudio Rubino da dei manifestanti, ma riescono comunque a rientrare in albergo senza nulla di grave.