Maria Canins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Canins
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Ritirata 1983
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirata 1995
Palmarès
Campionati del mondo 1 3 2
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Maria Canins (Badia, 4 giugno 1949) è un'ex fondista, ciclista su strada e biker italiana. Nel ciclismo fu medaglia d'oro nella cronometro a squadre ai Campionati del mondo di ciclismo su strada 1988 di Ronse; vinse anche due argenti e due bronzi in linea e un altro argento nella cronometro a squadre.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Sci di fondo[modifica | modifica wikitesto]

Originaria di La Villa di Badia, dal 1969[senza fonte] al 1983 si dedicò allo sci di fondo, riuscendo a cogliere ottimi risultati sia a livello nazionale che a livello internazionale: vinse quindici titoli italiani – sei nella 10 km, sei nella 5 km, due nella 20 km, uno nello skiroll[1] – e fu la prima italiana a vincere la Vasaloppet, in Svezia[2]. Si aggiudicò inoltre dieci Marcialonga consecutive, dodici Maratone della Pusteria, sette Dobbiaco-Cortina e otto Maratone della Val Casies[1].

In Coppa del mondo ottenne il primo risultato di rilievo il 28 marzo 1982 nella 10 km di Štrbské Pleso (sesta); in carriera partecipò a un'edizione dei campionati mondiali, a Oslo nel 1982 (fu ventesima nella 20 km).

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1975 cominciò ad andare in bicicletta, inizialmente come allenamento estivo per le gare invernali di sci[3]; presto si dedicò alle due ruote a livello agonistico, stupendo tutti per l'immediatezza dei risultati. Anche se il suo esordio nel mondo del ciclismo avvenne a 32 anni[2], Maria Canins vinse due Tour de France (1985 e 1986) e la prima edizione del Giro d'Italia femminile, nel 1988. Partecipò anche a due edizioni dei Giochi olimpici, nel 1984 a Los Angeles (concluse quinta nella prova su strada) e nel 1988 a Seul.

Bene si comportò anche ai campionati del mondo, ottenendo due medaglie di bronzo (1983 e 1989) e due d'argento (1982 e 1985) individuali, più una d'oro nella cronometro a squadre del 1988 e un argento nella stessa specialità nel 1989.

Soprannominata "la mamma volante" (quando iniziò a pedalare era già sposata con l'ex fondista Bruno Bonaldi e madre di Concetta[2][3]), Canins si aggiudicò anche due Giri di Norvegia, un Giro del Colorado, quattro Giri dell'Adriatico nonché numerose gare nazionali, tra cui il titolo italiano, vinto per dieci volte, sei in linea e quattro a cronometro. Ebbe positive esperienze anche nel mountain biking, in cui conseguì due titoli nazionali e due tappe di coppa del mondo nella specialità del cross country.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Sci di fondo[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 34ª nel 1982

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

  • 1982
Campionati italiani, Prova in linea
  • 1984
Campionati italiani, Prova in linea
Coors Classic
  • 1985
Campionati italiani, Prova in linea
5ª tappa Giro di Norvegia
Classifica generale Giro di Norvegia
4ª tappa Tour de France
8ª tappa Tour de France
9ª tappa Tour de France
11ª tappa Tour de France
14ª tappa Tour de France
Classifica generale Tour de France
  • 1986
1ª tappa Tour de France
7ª tappa Tour de France
10ª tappa Tour de France
12ª tappa Tour de France
14ª tappa Tour de France
Classifica generale Tour de France
5ª tappa Giro di Norvegia
6ª tappa Giro di Norvegia
Classifica generale Giro di Norvegia
  • 1987
Giro del Friuli
Campionati italiani, Prova in linea
Campionati italiani, Prova a cronometro
5ª tappa Tour de l'Aude
Classifica generale Tour de l'Aude
8ª tappa Tour de France
10ª tappa Tour de France
11ª tappa Tour de France
  • 1988
Campionati italiani, Prova in linea
Campionati italiani, Prova a cronometro
Grand Prix de France
Classifica generale Giro Donne
2ª tappa Tour de France
11ª tappa Tour de France
Campionati del mondo, Cronometro a squadre
  • 1989
Giro del Friuli
Campionati italiani, Prova in linea
Campionati italiani, Prova a cronometro
Grand Prix de France
  • 1990
Campionati italiani, Prova a cronometro
1ª tappa Tour de la Drome
4ª tappa Tour de la Drome
5ª tappa Tour de la Drome
Classifica generale Tour de la Drome
8ª tappa Giro Donne
  • 1991
Radwelt Pokal St.Johann
  • 1995
Giro del Piave

Piazzamenti nel ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1988: vincitrice
1989: ritirata
1990: 2ª
1993: 4ª
1995: 9ª

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'Oro al Valore Atletico - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Oro al Valore Atletico

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Sportiva italiano dell'anno della Gazzetta dello Sport nel 1985 e 1986
  • Premio speciale del Velo Club Mendrisio nel 1986
  • Atleta altoatesina dell'anno 1987.
  • Il Seminatore d'oro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Maria Canins, www.medagliedoro.org. URL consultato l'11 luglio 2012.
  2. ^ a b c d (EN) Maria Canins, www.sports-reference.com. URL consultato il 12 ottobre 2011.
  3. ^ a b Gianni Mura, Ecco "Maria la Bestia" una maratoneta in bici in ricerca.repubblica.it, 27 luglio 1984. URL consultato l'11 luglio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]