Maria Bolena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Bolena

Mary Boleyn, nome italianizzato in Maria Bolena (1499/1500 ca. – 19 luglio 1543), fu dama della corte d'Inghilterra, figlia di Thomas Boleyn (conte del Wiltshire) e di Elizabeth Howard. Fu sorella di Anna Bolena (la seconda sposa di Enrico VIII d'Inghilterra) e zia di Elisabetta I.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le informazioni sulla vita di Maria Bolena sono lacunose. Prima dell'ascesa al potere di sua sorella Anna, Maria è stata il più famoso membro della sua famiglia, grazie alla sua relazione adulterina con il re Enrico VIII. Vi è stato grande dibattito sull'anno preciso della sua nascita[1], dividendo gli storici sul dubbio tra quale delle due sorelle Bolena fosse la più anziana. Maria sarebbe nata tra il 1499 e il 1504, mentre Anna sarebbe nata nel 1501 o 1502 secondo alcuni storici, mentre nel 1507 secondo altri. In una lettera al ministro della regina Elisabetta I, Burghley, lord Hundson (nipote di Maria Bolena), rivendicava la contea di Ormonde sulla base «della maggiore età di sua nonna rispetto alla sorella Anna».

Maria nacque nel castello di Hever, da una famiglia fedele (per parte di padre, un Bolena) alla dinastia Tudor, ma allo stesso tempo legata (per parte di madre, una Howard) anche alla Casa di York. Sua madre era infatti Elizabeth Howard, nipote del primo duca di Norfolk, morto combattendo per Riccardo III di York contro Enrico VII Tudor.

Il soggiorno in Francia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1514 Maria partì per la Francia come dama di compagnia della sorella di Enrico VIII, Maria Tudor, che andò in sposa al re Luigi XII. Alla morte del marito, nel 1515, Maria Tudor lasciò la Francia, mentre Maria Bolena si trattenne alla corte di Parigi come dama della nuova regina Claudia di Francia.

Nel 1519 Maria tornò alla corte inglese con una reputazione forse non propriamente "onesta", a causa anche della sua nota relazione col re Francesco I di Valois, nata probabilmente nel 1517. Francesco I si riferiva a lei come «la puledra inglese» che lui e molti altri si erano divertiti a cavalcare. Ancora vent'anni dopo la sua partenza per l'Inghilterra, il re la ricordava come una «grande e vergognosa prostituta».

Sposa, amante e madre[modifica | modifica wikitesto]

William Carey, primo marito di Maria Bolena

Il 4 febbraio 1520 Maria sposò William Carey, un signore della camera privata del re. Sebbene egli fosse solo il terzo figlio di un nobile, e quindi un cadetto senza alcun titolo nobiliare, le sue funzioni lo portavano ad avere un contatto intimo e quotidiano col sovrano Enrico VIII. La sua collaborazione si sarebbe, quindi, rivelata preziosa per l'ascesa dei Bolena nelle grazie regali. Gli sposi ebbero dimora a corte, a diretto contatto con le informazioni politiche e con la possibilità di partecipare a tutte le manifestazioni del tribunale.

A circa due anni dal matrimonio Maria venne spinta dalla famiglia Bolena-Howard a diventare l'amante del re Enrico VIII, di cui rimase la favorita per circa sei anni. In questo arco di tempo Maria ebbe due figli: Catherine nel 1524 ed Henry nel 1526. Ma sulla paternità dei due bambini gli storici hanno dubbi: Enrico VIII, infatti, non li riconobbe mai (come invece fece con un altro figlio illegittimo, Henry Fitzroy, nato dalla relazione con Elizabeth Blount), facendo giungere alla conclusione che lui non ne fosse il padre.

Secondo un articolo di Anthony Hoskins, invece, entrambi i figli di Maria sarebbero stati concepiti con Enrico VIII, adducendo a prova di ciò diversi fatti, come le sovvenzioni e i doni al marito di Maria Bolena nel periodo tra il 1522 e il 1526; l'affettuoso interesse dimostrato dal sovrano nei confronti dei due ragazzi Carey anche dopo la caduta in disgrazia dei Bolena; lo straordinario favore dimostrato loro da Elisabetta I e il regale funerale di Stato pagato da lei ad entrambi.

Il declino e le nuove nozze[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1527 le attenzioni del re Enrico VIII si trasferirono da Maria alla sorella Anna. Maria, ormai abbandonata, non fu altro che un motivo d'imbarazzo per la sorella, il padre e lo stesso sovrano.

William Carey morì il 22 giugno 1528 dopo una veloce malattia ed Enrico VIII prontamente concesse ad Anna Bolena la custodia del nipote (e forse suo figlio) Henry Carey, di appena due anni. Rimasta vedova, nel 1534 Maria sposò segretamente William Stafford, il figlio più giovane di Humphrey Stafford di Blatherwick (Northampton) che aveva incontrato a Calais durante un viaggio al seguito dei sovrani. L'unione rimase segreta fino a quando Maria non fu costretta a renderla pubblica di fronte ad una nuova gravidanza.

Tutta la sua famiglia, insignita di nuove nobiltà (grazie al matrimonio tra Anna e il re d'Inghilterra) e consapevole del proprio status, si mostrò indignata dell'affronto, che gettava disonore sulla famiglia della regina inglese. Anna ebbe una crisi isterica alla notizia. Maria e il suo nuovo marito furono pertanto allontanati dalla famiglia e dalla corte.

L'esilio in campagna e la morte[modifica | modifica wikitesto]

La vita di Maria tra il 1534 e il 1536, anno dell'esecuzione di sua sorella, è difficile da ricostruire. Sembra che la donna abbia risieduto insieme al marito a Rochford, nell'Essex, nella tenuta di famiglia, ereditata nel 1538 alla morte dei genitori. A quanto pare Maria non andò mai a fare visita alla sorella Anna durante la sua prigionia nella Torre, né visitò il fratello George, anche lui condannato a morte. Non vi è alcuna prova che abbia cercato di intercedere per loro presso il re, ma è anzi probabile che, come lo zio, il duca di Norfolk, abbia ritenuto più saggio evitare di associarsi alla disgrazia dei propri parenti.

È da supporre che Maria Bolena abbia condotto una vita appartata presso la tenuta di Rochford fino alla morte, avvenuta il 19 luglio 1543, a poco più di quarant'anni d'età.

I suoi figli non furono esenti da quel favore reale che tanto a lungo la sua famiglia aveva ricercato. Sua figlia Catherine, da adolescente, fu nominata cameriera d'onore di Anna di Clèves, quarta moglie di Enrico VIII. Nel 1540 fece un buon matrimonio sposando Francis Knollys, noto membro della corte di Enrico. Catherine divenne anche una delle amiche più intime della cugina Elisabetta I. Henry Carey, la cui paternità è stata oggetto di tante speculazioni, fu nominato Signore di Hunsdon durante il regno di Elisabetta I e di quest'ultima fu Lord Ciambellano.

Matrimoni e figli[modifica | modifica wikitesto]

Catherine Carey
Henry Carey

Maria Bolena contrasse due matrimoni e mise al mondo due figli certi.

Il 4 febbraio 1520 sposò William Carey (1495 - 22 giugno 1528). Dall'unione, o forse dal legame con Enrico VIII, nacquero:

Nel 1534 sposò in seconde nozze William Stafford (m. 5 maggio 1556). È possibile che dall'unione sia nato un figlio maschio, Edward (1535 ca. - 1545 ca.) e forse anche una femmina, Anna.

Letteratura, cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Il cinema e la letteratura e anche la televisione si sono occupati della storia di Maria Bolena, sebbene spesso orientati verso le vicende della ben più nota sorella Anna Bolena.

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Versioni romanzate del personaggio compaiono nei seguenti romanzi:

Tre sono invece i romanzi nei quali Maria svolge un ruolo da protagonista:

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maria Bolena, di Karen Harper per British Heritage

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 28887553 LCCN: n2001155580