Maria Anna di Wittelsbach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Maria Anna di Wittelsbach (disambigua).
Maria Anna di Wittelsbach
Arciduchessa Maria Anna d'Austria
Arciduchessa Maria Anna d'Austria
Arciduchessa d'Austria-Stiria
Altri titoli principessa di Baviera
Nascita Monaco di Baviera, 21 marzo 1551
Morte Graz, 29 aprile 1608
Casa reale Wittelsbach
Padre Alberto V di Baviera
Madre Anna d'Asburgo
Consorte Carlo II d'Asburgo
Religione cattolicesimo

Maria Anna di Wittelsbach (Monaco di Baviera, 21 marzo 1551Graz, 29 aprile 1608) fu una principessa di Baviera per nascita, e arciduchessa d'Austria per matrimonio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia del duca Alberto V di Baviera e dell'arciduchessa Anna d'Austria, figlia dell'imperatore Ferdinando I d'Asburgo.[1]

Ducato di Baviera
Wittelsbach
1503-1623
Wappen Kurpfalz.svg

Alberto IV
Figli
Guglielmo con Ludovico X
Ludovico con Guglielmo IV
Alberto V
Figli
Guglielmo
Figli
Massimiliano I
Modifica

Trascorse la sua infanzia alla corte di Monaco di Baviera, dove fiorirono la pittura e la musica. Era cattolica e ricevette un'educazione molto severa in profondità sotto la supervisione della madre, a volte punita anche fisicamente. Era un'allieva di Andreas Staudenmaier. Aveva un grande talento per la musica.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1570 si pensò a un possibile matrimonio con Giovanni II d'Ungheria. Poi si pensò a un possibile matrimonio con suo zio, l'arciduca Carlo II d'Austria. Dopo che venne concessa una dispensa papale da parte di Pio V, le nozze vennero celebrate a Vienna il 26 agosto 1571. Il 10 settembre 1571 la coppia fece il loro ingresso a Graz, dove i festeggiamenti proseguirono per una settimana. Ebbero quindici figli[2]:

Subito dopo il matrimonio, Maria Anna influenzò molto nella politica. Come una cattolica osservante, si dedicò con entusiasmo alle attività di beneficenza, frequentava regolarmente la chiesa, partecipava ai pellegrinaggi, promosse della Controriforma in Stiria e il generoso sostegno dei gesuiti. Accompagnava spesso suo marito nei suoi viaggi.

I loro figli vennero educati in maniera estremamente coscienziosa e rigorosa. Dimostrò una grande passione per la caccia. Nelle sue lettere usava il dialetto bavarese e aveva uno stile piuttosto grezzo.

Nel luglio 1590 Maria Anna rimase vedova. Decise di non risiedere a Judenburg, ma di rimanere a Graz. Influenzò la politica del figlio maggiore, Ferdinando, soprattutto sul tema dei protestanti. Tra le opere caritative di Maria Anna c'erano generose donazioni ai poveri così come alla cura delle donne malate e incinte.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 29 aprile 1608, all'età di 57 anni, a Graz.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genealogy.cz
  2. ^ Genealogy.cz

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 10275836 LCCN: n2012067811