Maria Anna d'Assia-Homburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marianna d'Assia-Homburg, principessa di Prussia

Maria Anna Anna Amalia d'Assia-Homburg (Bad Homburg vor der Höhe, 13 ottobre 1785Berlino, 14 aprile 1846) era la dodicesima figlia del langravio Federico V e di sua moglie, la principessa Carolina d'Assia-Darmstadt, figlia del langravio Luigi IX e di sua moglie Carolina, meglio conosciuta come la "Grande langravia".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1804 sposò suo cugino, il principe Federico Guglielmo Carlo di Prussia, il più giovane dei figli del re di Prussia Federico Guglielmo III.

Dal matrimonio nacquero i seguenti figli:

Marianna appartenne, con la regina Luisa, al "partito della guerra", avverso a Napoleone. Nel marzo del 1813 lanciò l'"Appello delle principesse reali alle donne prussiane" e fondò la cosiddetta "Lega delle donne patriottiche". Divenne perciò molto popolare a Berlino. Grandi riformatori politici, quali Heinrich Friedrich Karl vom und zum Stein, Karl August von Hardenberg, Wilhelm von Humboldt, intattennero con lei rapporti epistolari. Fu inoltre amica del poeta Friedrich de la Motte Fouqué e, dopo la morte della regina Luisa, fu la prima donna della corte prussiana. Si distinse per impegno sociale e si interessò al carcere di Berlino; inoltre fondò nel quartiere berlinese di Pankow un asilo infantile.

Nel 1822 s'innamorò del coetaneo conte Antonio di Stolberg-Wernigerode, un amico di suo marito, come dimostra il suo diario, pubblicato nel 2006. [senza fonte]

Nel 1845 Marianna visitò per l'ultima volta la sua città natale, Bad Homburg. Morì il 14 aprile 1846 a Berlino, a causa di una febbre "reumatico-nervosa".

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Horst Häker (Hrsg.): Tagebuch der Prinzessin Marianne von Preußen. (= Heilbronner Kleist-Editionen; 1). Kleist-Archiv Sembdner, Heilbronn 2006, ISBN 3-931060-97-7
  • Hermann von Petersdorff: Marianne, Prinzessin von Preußen. In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). Band 52. Duncker & Humblot, Leipzig 1906, S. 202–210.

Controllo di autorità VIAF: 266385141