Maria Amalia di Borbone-Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Maria Amelia di Borbone-Napoli)
Maria Amalia di Borbone-Napoli
La regina Maria Amalia in un ritratto di Louis Hersent.
La regina Maria Amalia in un ritratto di Louis Hersent.
Regina dei Francesi
Stemma
In carica 9 agosto 1830 – 24 febbraio 1848
Predecessore Maria Teresa Carlotta di Borbone-Francia
Successore Eugenia de Montijo come Imperatrice dei Francesi
Nome completo Maria Amalia
Altri titoli principessa delle Due Sicilie
Nascita Caserta, Italia, 26 aprile 1782
Morte Esher, Inghilterra, 24 marzo 1866
Luogo di sepoltura Chapelle royale de Dreux, Francia
Casa reale Borbone-Orléans
Padre Ferdinando I
Madre Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Consorte Luigi Filippo
Figli Ferdinando Filippo, duca d'Orléans
Luisa, regina dei Belgi
Maria, duchessa di Württemberg
Luigi, duca di Nemours
Clementina, principessa di Kohary
Francesco, principe di Joinville
Enrico, duca d'Aumale
Antonio, duca de Montpensier
Firma Signature of Queen Marie Amélie.jpg
Regni di Napoli e Sicilia
(1734-1816)
Regno delle Due Sicilie
(1816-1860)
Borbone di Napoli

Great Royal Coat of Arms of theTwo Sicilies.svg

Carlo VII (1734-1759)
Figli
  • Maria Isabella (1740-1742)
  • Maria Giuseppina (1742)
  • Maria Isabella (1743-1749)
  • Maria Giuseppina (1744-1801)
  • Maria Luisa (1745-1792)
  • Filippo (1747-1777)
  • Carlo Antonio (1748-1819)
  • Maria Teresa (1749-1750)
  • Ferdinando (1751-1825)
  • Gabriele (1752-1788)
  • Maria Anna (1754-1755)
  • Antonio Pasquale (1755-1817)
  • Francesco Saverio (1757-1771)
Ferdinando IV (1759-1816)
poi Ferdinando I (1816-1825)
Figli
Francesco I (1825-1830)
Figli
Ferdinando II (1830-1859)
Figli
Francesco II (1859-1894)
Figli
Alfonso (1894-1934)
Figli
  • Ferdinando Pio (1869-1960)
  • Carlo Tancredi (1870-1949)
  • Francesco di Paola (1873-1876)
  • Maria Immacolata (1874-1947)
  • Maria Cristina (1877-1947)
  • Maria di Grazia Pia (1878-1973)
  • Maria Giuseppina (1880-1971)
  • Gennaro (1882-1944)
  • Ranieri (1883-1973)
  • Filippo (1885-1949)
  • Francesco d'Assisi (1888-1914)
  • Gabriele (1897-1975)
Ferdinando Pio (1934-1960)
Figli
  • Maria Antonietta (1898-1957)
  • Maria Cristina (1899-1985)
  • Ruggero (1901-1914)
  • Barbara (1902-1927)
  • Lucia (1908-2001)
  • Urraca Maria (1913-1999)
NOTA

Con l'atto di Cannes, Carlo Tancreti avrebbe rinunciato al diritto di succedere a suo fratello Ferdinando Pio per poter entrare nella famiglia reale spagnola. Il titolo di Capo della Real Casa delle Due Sicilie fu quindi assunto dal fratello minore Ranieri, ma la presunta rinuncia di Carlo Tancredi fu contestata dal figlio Alfonso Maria che rivendicò per sé e per i suoi discendenti il titolo. Esistono quindi due possibili linee di successione:

Quella del ramo "spagnolo":

Quella del ramo "francese" o "italiano":

Maria Amalia di Borbone-Napoli (Caserta, 26 aprile 1782Esher, 24 marzo 1866) nata principessa di Napoli e Sicilia[1], fu regina dei Francesi dal 1830 al 1848 come consorte di Luigi Filippo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Maria Amalia nacque il 26 aprile 1782 al Palazzo Reale di Caserta. I suoi genitori erano il re di Napoli e Sicilia Ferdinando IV, poi Ferdinando I delle Due Sicilie, e la sua consorte Maria Carolina d'Asburgo-Lorena[1].

I suoi nonni paterni erano il re Carlo III di Spagna e la regina Maria Amalia, nata principessa di Sassonia. Quelli materni erano l'imperatrice Maria Teresa d'Austria e l'imperatore Francesco I.
Sua zia materna, Maria Antonietta, era regina di Francia al tempo della nascita di Maria Amalia.

Come giovane Principessa italiana Maria Amalia fu educata nella religione cattolica che sembra abbia preso a cuore.
Quando era ancora bambina, sua madre e sua zia, Maria Antonietta predisposero di fidanzarla con il suo cugino, il futuro Re di Francia, ed in previsione di ciò sua madre la incoraggiò a ricordare che un giorno sarebbe diventata la sua regina.[2] Purtroppo, il suo giovane fidanzato morì nel 1789.[3]

Allo scoppio della Rivoluzione francese nel 1789 la corte napoletana non era ostile al movimento. Quando la monarchia francese fu abolita e sua zia e suo zio furono ghigliottinati, i suoi genitori si unirono alla Prima coalizione contro la Francia nel 1793.

Anche se la pace fu firmata nel 1796, nel 1798 Napoli entrò nuovamente in guerra con la Francia. Fu deciso che la famiglia reale si rifuggiasse nel Regno di Sicilia, ed essi partirono da Napoli il 21 dicembre 1798 a bordo della HMS Vanguard, una nave della marina reale britannica, che era a sua volta protetta da due navi da guerra napoletane. Maria Amalia trascorse i successivi anni spostandosi tra le varie residenze reali per sfuggire ai tempi turbolenti in Italia.
Durante una di queste fughe, conobbe il suo futuro marito, Luigi Filippo d'Orléans, anche lui costretto alla fuga dalla sua casa in Francia a causa delle complicazioni politiche della Rivoluzione francese e l'ascesa di Napoleone. Il padre di Luigi Filippo, il precedente Duca d'Orléans, era stato ghigliottinato durante la rivoluzione francese, anche se ne era stato un fautore nei primi anni.[4]

Essi si sposarono nel 1809, tre anni dopo essersi conosciuti, e Maria Amalia divenne la Duchessa di Orléans.
Maria Amalia si trasferì in Francia con suo marito nel 1814, dove tentò di creare una casa con la sua crescente famiglia ma, con il breve ritorno di Napoleone, fu costretta a fuggire nuovamente.
Prima della salita di Luigi Filippo al potere, Maria Amalia e suo marito avevano dovuto affrontare problemi finanziari, dovuti al fatto che non avevano alcun reddito, a parte quello che avevano ricevuto dalla corona inglese.[5]

Durante il periodo degli Orléans in Francia prima dell' incoronazione di Luigi Filippo, la famiglia viveva nel Palais-Royal, che era stata la residenza del padre di Luigi Filippo, il precedente duca d'Orléans. Nonostante le preoccupazioni monetarie della famiglia, la residenza fu restituita al suo originario splendore che costò alla coppia undici milioni di franchi.[6]

Regina dei Francesi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1830, a seguito a quella che è conosciuta come Rivoluzione di Luglio, Luigi Filippo diventò Re dei francesi, con Maria Amalia come sua consorte.
Maria Amalia non giocò un ruolo attivo negli affari politici infatti fece di tutto per allontanarsi da esso.[7]

Esilio e morte[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che suo marito abdicò a seguito degli eventi della Rivoluzione del 1848, la famiglia reale fuggì in Inghilterra. Luigi Filippo vi morì due anni dopo.
Rimasta vedova, Maria Amalia continuò a vivere in Inghilterra, dove frequentava la Messa quotidiana ed era ben nota alla regina Vittoria.[8] La regina Maria Amalia morì il 24 marzo 1866.[9] Venne sepolta con il vestito che aveva conservato dal 1848 quando, con il marito, aveva lasciato la Francia, secondo le sue ultime volontà.[10]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Maria Amalia di Napoli e Sicilia Padre:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Nonno paterno:
Carlo III di Spagna
Bisnonno paterno:
Filippo V di Spagna
Trisnonno paterno:
Luigi, il Gran Delfino
Trisnonna paterna:
Maria Anna Vittoria di Baviera
Bisnonna paterna:
Elisabetta Farnese
Trisnonno paterno:
Odoardo II Farnese
Trisnonna paterna:
Dorotea Sofia di Neuburg
Nonna paterna:
Maria Amalia di Sassonia
Bisnonno paterno:
Augusto III di Polonia
Trisnonno paterno:
Augusto II di Polonia
Trisnonna paterna:
Cristiana Eberardina di Brandeburgo-Bayreuth
Bisnonna paterna:
Maria Giuseppa d'Austria
Trisnonno paterno:
Giuseppe I d'Asburgo
Trisnonna paterna:
Amalia Guglielmina di Brunswick e Lüneburg
Madre:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Nonno materno:
Francesco I di Lorena
Bisnonno materno:
Leopoldo di Lorena
Trisnonno materno:
Carlo V di Lorena
Trisnonna materna:
Eleonora Maria Giuseppina d'Austria
Bisnonna materna:
Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans
Trisnonno materno:
Filippo I di Borbone-Orléans
Trisnonna materna:
Elisabetta Carlotta del Palatinato
Nonna materna:
Maria Teresa d'Austria
Bisnonno materno:
Carlo VI d'Asburgo
Trisnonno materno:
Leopoldo I d'Asburgo
Trisnonna materna:
Eleonora del Palatinato-Neuburg
Bisnonna materna:
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Trisnonno materno:
Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna materna:
Cristina Luisa di Öttingen

Titoli, appellativi, onorificenze e stemma[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e appellativi[modifica | modifica wikitesto]

  • 26 aprile 1782 – 25 novembre 1809 Sua Altezza Reale la principessa Maria Amalia di Napoli e Sicilia
  • 25 novembre 1809 – 9 agosto 1830 Sua Altezza Reale la duchessa d'Orléans
  • 9 agosto 1830 – 24 febbraio 1848 Sua Maestà la regina dei Francesi
    • 24 febbraio 1848 – 26 agosto 1850 Sua Maestà la regina dei Francesi (pretendente)
  • 24 febbraio 1848 – 26 agosto 1850 Sua Altezza Reale la duchessa d'Orléans
  • 26 agosto 1850 – 24 marzo 1866 ''Sua Altezza Reale la duchessa vedova d'Orléans
    • 26 agosto 1850 – 24 marzo 1866 Sua Maestà la regina Maria Amalia di Francia

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa - nastrino per uniforme ordinaria Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Darryl Lundy, Genealogia di Maria Amalia di Borbone-Napoli, thePeerage.com, 31 dicembre 2008. URL consultato il 16 novembre 2009.
  2. ^ Dyson, p. 35.
  3. ^ Dyson, p. 37.
  4. ^ Dyson, p. 100.
  5. ^ Dyson, p. 112.
  6. ^ Dyson, p. 153.
  7. ^ Marie-Amélie de Bourbon, Encyclopædia Britannica, 2009. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  8. ^ Dyson, p. 295.
  9. ^ Dyson, p. 306.
  10. ^ Dyson, p. 307.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Dyson, C. C., The life of Marie-Amélie, New York, New York, D. Appleton and Company, 1910, OCLC 526786.
  • Questo articolo è incorporato nel testo della Enciclopedia Britannica del 1911, ora di dominio pubblico.

Ulteriori letture[modifica | modifica wikitesto]

  • Howarth, T.E.B. Citizen-King, The Life of Louis-Philippe, King of the French. London: Eyre & Spottiswoode, 1961.
  • Margadant, Jo Burr. "The Duchesse de Berry and Royalist Political Culture in Postrevolutionary France. History Workshop Journal, No. 43, (Spring, 1997).
  • Margadant, Jo Burr. “Gender, Vice, and the Political Imagery in Postrevolutionary France: Reinterpreting the Failure of the July Monarchy 1830–1848.” American Historical Review 104.5, (1995).
  • Paris, Isabelle comtesse de. La Reine Marie-Amelie, Grand-mere de l'Europe. Paris: Perrin, 1998

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina dei Francesi Successore
Maria Teresa Carlotta di Francia come Regina di Francia e di Navarra 9 agosto 1830 - 24 febbraio 1848 Eugenia de Montijo come Imperatrice dei Francesi

Controllo di autorità VIAF: 19949828 LCCN: n50057833