Maria Amalia d'Asburgo (1724-1730)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Anna d'Asburgo
Maria Amalia d'Asburgo in un ritratto di Andreas Moeller, 1727.
Maria Amalia d'Asburgo in un ritratto di Andreas Moeller, 1727.
arciduchessa d'Austria
Nome completo Maria Amalia von Habsburg
Trattamento Sua altezza imperiale e reale
Altri titoli Arciduchessa d'Austria
Principessa reale di Ungheria
Principessa reale di Boemia
Principessa reale di Croazia e Slavonia
Principessa reale di Germania
Principessa imperiale del S.R.I.
Nascita Palazzo di Hofburg, Vienna, Austria, 5 aprile 1724
Morte Vienna, Austria, 19 aprile 1730
Luogo di sepoltura Cripta Imperiale, Vienna
Dinastia Asburgo
Padre Carlo VI, Sacro Romano Imperatore
Madre Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Religione cattolicesimo

Maria Amalia d'Asburgo, arciduchessa d'Austria (Vienna, 5 aprile 1724Vienna, 19 aprile 1730), era l'ultima figlia dell'imperatore Carlo VI e di sua moglie Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel. Fu la sorella minore dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La coppia imperiale ebbe come primogenito un bambino, Leopoldo Giovanni, nato nel 1716, il quale però morì dopo pochi mesi di vita. Successivamente Elisabetta diede alla luce soltanto figlie femmine: Maria Teresa, nata nel 1717, Maria Anna, nata nel 1718, e Maria Amalia, nel 1724.

Carlo VI, appena poteva, cercava di trascorrere del tempo in compagnia delle figlie.

Maria Amalia visse soltanto sei anni, e venne sepolta nella Cripta Imperiale di Vienna, mentre le sue viscere sono conservate nello Stephansdom. Le sorelle maggiori riuscirono invece a raggiungere l'età adulta e a sposarsi.

Maria Amalia, in effetti, fu l'ultima nata degli Asburgo d'Austria. Dopo la morte di suo padre, non avendo avuto questi figli maschi, la corona imperiale passò a Francesco Stefano di Lorena, suo genero in quanto consorte di Maria Teresa. La dinastia Asburgo d'Austria si estinse: Maria Teresa e Francesco Stefano diedero inizio alla dinastia Asburgo-Lorena.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Sacro Romano Impero (1519-1740)
Casa d'Asburgo
Max I wapp.svg

Carlo V (1519-1556)
Figli
Ferdinando I (1556-1563)
Massimiliano II (1563-1576)
Figli
Rodolfo II (1576-1612)
Mattia (1612-1619)
Ferdinando II (1619-1637)
Figli
Ferdinando III (1637-1657)
Figli
Ferdinando IV (1653-1654)
Leopoldo I (1658-1705)
Figli
Giuseppe I (1705-1711)
Carlo VI (1711-1740)
Maria Teresa (1745-1780)
come consorte di Francesco I (1745-1765)
Modifica
Albero genealogico di quattro generazioni di Maria Amalia
Maria Amalia Padre:
Carlo VI d'Asburgo
Nonno paterno:
Leopoldo I d'Asburgo
Bisnonno paterno:
Ferdinando III d'Asburgo
Trisnonno paterno:
Ferdinando II d'Asburgo
Trisnonna paterna:
Maria Anna di Baviera
Bisnonna paterna:
Maria Anna di Spagna
Trisnonno paterno:
Filippo III di Spagna
Trisnonna paterna:
Margherita d'Austria-Stiria
Nonna paterna:
Eleonora del Palatinato-Neuburg
Bisnonno paterno:
Filippo Guglielmo del Palatinato
Trisnonno paterno:
Wolfgang Guglielmo del Palatinato-Neuburg
Trisnonna paterna:
Maddalena di Baviera
Bisnonna paterna:
Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt
Trisnonno paterno:
Giorgio II d'Assia-Darmstadt
Trisnonna paterna:
Sofia Eleonora di Sassonia
Madre:
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Nonno materno:
Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg
Bisnonno materno:
Antonio Ulrico di Brunswick-Lüneburg
Trisnonno materno:
Augusto di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna materna:
Dorotea di Anhalt-Zerbst
Bisnonna materna:
Elisabetta Giuliana di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Norburg
Trisnonno materno:
Federico di Schleswig-Holstein-Sønderborg-Nordborg
Trisnonna materna:
Eleonora di Anhalt-Zerbst
Nonna materna:
Cristina Luisa di Öttingen-Öttingen
Bisnonno materno:
Alberto Ernesto I di Öttingen-Öttingen
Trisnonno materno:
Gioacchino Ernesto di Öttingen-Öttingen
Trisnonna materna:
Anna Dorotea di Hohenlohe-Neuenstein
Bisnonna materna:
Cristina Federica di Württemberg
Trisnonno materno:
Eberardo III di Württemberg
Trisnonna materna:
Anna Caterina di Salm-Kyrburg

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]