Marguerite De La Motte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stars of the Photoplay (1924)

Marguerite De La Motte (Duluth, 22 giugno 1902San Francisco, 10 marzo 1950) è stata un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata nel Minnesota, a Duluth, nel 1902, esordì sedicenne nel film Il cavaliere dell'Arizona, dove recitava a fianco di Douglas Fairbanks. Aveva cominciato la carriera artistica studiando balletto con Anna Pavlova, per approdare, nel 1919, nel teatro di Sid Grauman come prima ballerina. Nel 1918, persi in un incidente d'auto entrambi i genitori, lei e sua sorella furono prese sotto tutela dal produttore cinematografico J.L. Frothingham.

Negli anni venti, la giovane attrice apparve in numerosi film, diventando uno dei volti più noti del cinema muto. Amica di Fairbanks e di Mary Pickford, fu partner del popolare Doug in Il segno di Zorro e in I tre moschettieri di Fred Niblo e, poi, nel 1929, in La maschera di ferro di Allan Dwan. Tra gli altri attori con cui recitò, vanno ricordati Bela Lugosi, Milton Sills, Conrad Nagel, Owen Moore, Lon Chaney, John Gilbert e Noah Beery, Sr.

La sua carriera, però, declinò rapidamente all'avvento del sonoro. Ridotta a parti di contorno o addirittura, di comparsa, continuò a recitare fino al 1942, quando comparve nel suo ultimo film, Overland Mail, un western dell'Universal con protagonista Lon Chaney Jr..

La maschera di ferro (1929) Marguerite De La Motte e Douglas Fairbanks

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

De La Motte si sposò due volte. La prima, nel 1924 con l'attore John Bowers, uno degli idoli dello schermo con cui girò diversi film. Il matrimonio non durò a lungo e i due si separarono. Bowers, che non riusciva più a trovare lavoro, nel 1936 si suicidò. Marguerite sposò in seguito il procuratore Sidney H. Rivkin, ma i due divorziarono dopo quattro anni dalle nozze[1].

L'attrice era cugina di Clete Roberts (1912-1984), un noto giornalista e corrispondente di guerra che appare anche in un paio di episodi della serie tv M.A.S.H..

Ultimi anni e morte[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver abbandonato il cinema, Marguerite De La Motte lavorò come ispettrice in un impianto militare durante la seconda guerra mondiale. Più tardi, si trasferì a San Francisco, dove lavorò in un ufficio della Croce Rossa[1].

Il 10 marzo 1950, tre mesi prima di compiere 48 anni, Marguerite De La Motte morì per una trombosi cerebrale a San Francisco[2].

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Per il suo contributo all'idustria cinematografica, le venne assegnata una stella dell'Hollywood Walk of Fame al 6902 di Hollywood Blvd.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

La filmografia è completa[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Andrew Brettell, King, Noel; Kennedy, Damien; Imwold, Denise, Cut!: Hollywood Murders, Accidents, and Other Tragedies, Leonard, Warren Hsu; von Rohr, Heather, Barrons Educational Series, 2005, p. 71, ISBN 0-764-15858-9.
  2. ^ Miss De La Motte, 47, Star of Silent Films, The New York Times, 11 marzo 1950, pp. 15.
  3. ^ Filmografia IMDb

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 59346938