Margaret Spellings

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Margaret Spellings
Margaret Spellings.jpg

Segretario dell'Istruzione degli Stati Uniti d'America
Durata mandato 20 gennaio 2005 – 20 gennaio 2009
Predecessore Rod Paige
Successore Arne Duncan

Direttrice del Domestic Policy Council
Durata mandato 20012005
Successore Claude Allen

Dati generali
Partito politico Repubblicano

Margaret Spellings, nata Dudar (Michigan, 30 novembre 1957), è una politica statunitense, membro del Partito Repubblicano ed ex Segretario dell'Istruzione degli Stati Uniti d'America nell'amministrazione Bush.

La Spellings nacque in Michigan, ma ben presto si trasferì con la famiglia a Houston, nel Texas, dove effettuò i suoi studi, ottenendo un Bachelor of Arts in scienze politiche dall'Università di Houston.

Prima dell'elezione a Presidente di George W. Bush, la Spellings diresse la sua campagna governatoriale nel 1994 e quando fu eletto Governatore del Texas, lei fu una dei suoi consiglieri anziani.

Quando Rod Paige si dimise dall'incarico di Segretario dell'Istruzione degli Stati Uniti d'America, il Presidente Bush offrì l'incarico alla Spellings, che accettò. La Spellings di fatto è stata la seconda donna ad assumere questo incarico, dopo Shirley Hufstedler nel 1979.

Nel 2005 Margaret Spellings fu coinvolta in una controversia, quando si oppose alla messa in onda di un episodio del cartone animato Postcards from Buster (Cartoline da Buster). Nell'episodio in questione infatti, il protagonista Buster, un coniglietto giramondo, faceva tappa in Vermont, dove interagiva con i figli di una coppia lesbica. Nonostante non venisse riferito esplicitamente che le due donne fossero lesbiche, la Spellings criticò l'uso dei fondi governativi per la produzione della puntata, dicendo che "Molti genitori non vorrebbero che i loro piccoli bambini venissero esposti allo stile di vita ritratto in quest'episodio". Per le sue affermazioni, la Spellings è stata fortemente criticata dal Rappresentante Barney Frank, pubblicamente omosessuale.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 31735397 LCCN: no2005093211