Maresciallo dell'aria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il maresciallo dell'aria è il grado supremo grado dell'aeronautica militare, talora solamente onorifico, utilizzato in vari paesi.

Maresciallo dell'aria come grado più elevato[modifica | modifica sorgente]

In certi paesi il grado di maresciallo dell'aria è il più elevato attribuibile agli ufficiali dell'aeronautica militare, equivalente a gradi come maresciallo o feldmaresciallo nell'esercito e grande ammiraglio nella marina militare. Come questi utilizzato solo in passato o in tempo di guerra, può essere solamente onorifico.

Nell'Italia fascista il grado di maresciallo dell'aria era un titolo onorifico, equivalente a quelli di maresciallo d'Italia nel Regio Esercito e di grande ammiraglio nella Regia Marina. Ne fu insignito solamente Italo Balbo, il 13 agosto 1933.[1]

Gradi di maresciallo dell'aria attribuiti agli ufficiali generali[modifica | modifica sorgente]

Nella Royal Air Force, l'aeronautica militare britannica, esistono quattro diversi gradi militari, equivalenti a quelli degli ufficiali generali, traducibili con il termine maresciallo dell'aria:

  • air vice-marshal (equivalenza gerarchica NATO OF-7);
  • air marshal (OF-8);
  • air chief marshal (OF-9);
  • marshal of the Royal Air Force (OF-10).

Analoghe denominazioni sono usate anche nelle forze aeree di alcuni paesi del Commonwealth delle Nazioni, come Australia, Bangladesh, India, Nuova Zelanda e Pakistan, nonché di altri paesi che hanno adottato il sistema britannico, quali Egitto, Ghana, Grecia, Zimbabwe e Thailandia. Nell'Aeronautica indonesiana il grado di marsekal madya (letteralmente 'vice maresciallo') è spesso tradotto come air marshal in inglese.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.italgiure.giustizia.it, regio decreto n. 998 del 13 agosto 1933, n. 998, «Nomina a maresciallo dell'aria del generale Balbo Italo».

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]