Marek Edelman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marek Edelman, Varsavia, 2005

Marek Edelman (Varsavia, 1º gennaio 1922Varsavia, 2 ottobre 2009) è stato un attivista e politico polacco[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mural

Rimasto orfano a 14 anni, militò giovanissimo nelle formazioni affiliate al Bund (Unione Generale dei Lavoratori Ebrei). Con l'occupazione tedesca della Polonia, fra tutti i partiti politici del ghetto di Varsavia nacque l'Organizzazione ebraica di combattimento, e Edelman ne fu nominato comandante in seconda.

Fu uno dei promotori e degli organizzatori (dopo la morte di Mordechaj Anielewicz) della rivolta del ghetto (1943). Fu l'unico comandante che sopravvisse alla guerra.

Dal 1946 visse a Łódź (Polonia centrale), dove esercitò la professione di medico cardiologo. Sulle vicende di cui fu protagonista ha lasciato vari libri di memorie: Il ghetto di Varsavia: memoria e storia dell'insurrezione (1993, ristampa: Arrivare prima del Signore Iddio: conversazione con Marek Edelman, 2010); Il guardiano (1998); e C'era l'amore nel ghetto (2009).

Cavaliere dell’Ordine dell'Aquila Bianca (1998) e commandeur dell’Legion d'onore (2008).

Recentemente, a lui è stata dedicata la versione 8.5 estesa della distribuzione Linux Antix Mepis.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca
— 1998
Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore
— 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marek Edelman

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edelman, Marek; Krall, Hanna, Il ghetto di Varsavia: memoria e storia dell'insurrezione, Roma, Città Nuova 1993 (ristampa: Arrivare prima del Signore Iddio: conversazione con Marek Edelman, Firenze, Giuntina 2010)
  • Edelman, Marek, Il guardiano: Marek Edelman racconta, Palermo, Sellerio 1998
  • Edelman, Marek, C'era l'amore nel ghetto, Palermo, Sellerio 2009

Controllo di autorità VIAF: 78769980 LCCN: n84099601 SBN: IT\ICCU\RAVV\006975