Marcos (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marcos Engineering Ltd.
Logo
Stato Regno Unito Regno Unito
Fondazione 1959 a Luton
Fondata da Jem Marsh, Frank Costin
Sede principale Kenilworth
Filiali Heathfield
Persone chiave Tony Stelliga, AD
Settore Metalmeccanica (Autoveicoli)
Prodotti autovetture
Sito web marcos-eng.com

La Marcos è una piccola casa automobilistica inglese, fondata a Luton nel 1959 da Jem Marsh e Frank Costin (Marcos è, infatti, la fusione delle prime tre lettere del cognome di Marsh con le prime tre di quello di Costin), tuttora ha sede a Kenilworth.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Casa nacque con l'intento di produrre automobili sportive con telaio in legno e carrozzeria in vetroresina.

La notevole esperienza di Frank Costin (fratello, tra l'altro, di Mike Costin, cofondatore della Cosworth) nel settore aeronautico, dove aveva appreso tutti i segreti delle strutture in legno e della vetroresina, fu fondamentale nei primi anni d'attività della Marcos.

La prima automobile prodotta dalla Marcos fu la GT 1000 del 1960, spinta da motori d'origine Ford Anglia (997cm³). Nonostante la linea poco gradevole (venne soprannominata ugly ducklin, ovvero brutto anatroccolo) la GT 1000, prodotta in appena 39 esemplari, si ritagliò una discreta reputazione sportiva. L'anno successivo venne rimpiazzata dalla GT 1500, un'originale coupé a 3 volumi con porte ad ali di gabbiano mossa dal motore di 1498 cm³ della Ford Consul 315. Tra gli utilizzatore della GT 1500 in gara vi fu anche il giovane Jackie Stewart.

Mini Marcos
Mini Marcos particolare del motore
Un gruppo di Mini Marcos

Alla fine del 1961 Costin lasciò la Marcos, rimpiazzato dai fratelli Peter e Denny Adams. Le crescenti esigenze di sicurezza, le difficoltà incontrate nel ripristinare le strutture in caso d'incidente e la perdita dell'esperienza di Costin, indussero la Casa britannica ad abbandonare il telaio in legno, rimpiazzato da uno assai robusto in tubi d'acciaio a sezione quadra. Nacque così, nel 1964, la GT 1800, mossa da un motore Volvo di 1,8 ltri da 116cv. La GT 1800 era un'originale, muscolosa (e, finalmente, gradevole) coupé 2 posti con carrozzeria in vetroresina ed un raffinato retrotreno De Dion. Nel 1965 venne lanciata anche la Mini Marcos (anche in versione Kitcar), variante con carrozzeria coupé alleggerita, della celebre utilitaria Mini. La Mini Marcos otterrà notevoli successi in gara.

Il periodo fra il 1965 ed il 1968 fu caratterizzato dal tentativo di incrementare la produzione e di ridurre i costi. A queste esigenze corrispondevano sia il lancio della GT 1600 con motore d'origine Ford Cortina GT da 86cv, che l'abbandono su tutte le GT del ponte De Dion in favore d'un più economico assale rigido. Il pubblico tuttavia, a causa della scarsa potenza, non gradì molto la versione da 1,6 litri. Nel 1969 la gamma dei motori venne rivoluzionata, con l'introduzione di nuovi motori Ford Essex V4 e V6 con cilindrata, rispettivamente, di 2 (104cv) e 3 litri (140cv). Al solo mercato USA era riservato il 6 cilindri in linea 3 litri della Volvo 164. Questo motore, più pesante ed ingombrante del V6 Ford Essex, era meglio adattabile ai dispositivi antinquinamento, ma modificava (a causa del maggior peso all'avantreno e alla necessità di applicare distanziali agli assi anteriori) in peggio il comportamento stradale della GT. Nel 1971 venne lanciata la Mantis, una sgraziata coupé 4 posti in fibra di vetro con motore Triumph di 2,5 litri da 160cv. Le difficoltà finanziarie ed economiche portarono, nel corso del 1972, la Marcos alla chiusura.

Nel 1976 Marsh rientrò in possesso del marchio Marcos e degli stampi, e, a partire dal 1982, ripropose, col nome di Mantula (poi anche Mantara), una riedizione della GT, spinta dal noto motore V8 3500 Rover. Questa vettura, con varie modifiche (inclusa una versione spyder) e diversi motori, venne proposta fino al 2006, quando venne rimpiazzata dalla TSO.

Cronologia riassuntiva recente[modifica | modifica sorgente]

La storia recente della Marcos, piuttosto tormentata, può essere riassunta nella seguente cronologia:

  • 1982: lancio della Mantula, riedizione della GT, mossa dal motore V6 Ford Cologne di 2,8 litri da 150cv.
  • 1984: adozione del motore Rover V8 di 3528 cm³ da 160cv
  • 1986: lancio della Mantula Spyder.
  • 1991: produzione di un numero limitato di esemplari di Mini Marcos
  • 1992: presentazione della Mantara, variante sportiva (e meglio dattabile alla preparazione da gara) della Mantula.
  • 1993: inizio della partecipazione alle gare del campionato britannico GT e alla 24 Ore di Le Mans.
  • 1996: la Mantara LM 600 vince il campionato britanni GT (categoria GT2).
  • 1997: lancio della Mantis, variante con motore V8 Ford Mustang della Mantara, e vittoria, da parte della Mantara LM 500, del campionato britannico GT3.
  • 2000: vittoria del campionato GT inglese e spagnolo.
  • 2001: la Casa viene posta in liquidazione. Il settore corse viene acquisito dalla Eurotech, mentre l'attività produttiva viene venduta al manager Rory McMath.
  • 2002: lancio della TS 250, versione ristilizzata ed economica della Mantis, spinta da un V6 di 2,5 litri Ford.
  • 2003: presentazione della TS 500 evoluzione con motore V8 Chevrolet della TS 250.
  • 2004: lancio della nuova coupé TSO, con motore Chevrolet V8.
  • 2007 (ottobre): la Casa è nuovamente in amministrazione controllata.

Modelli storici[modifica | modifica sorgente]

Marcos Mantis del 1971

Modelli attuali[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]