Marco dal Pino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco dal Pino o Marco Pino, detto Marco da Siena (Siena, 1525 circa – Napoli, 1587 circa) è stato un pittore italiano. Esponente del Rinascimento e del Manierismo, fu allievo di Domenico Beccafumi e lavorò a Siena, Roma, Montecassino e Napoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Costa al Pino, un piccolo borgo nei pressi di Siena da cui il nome dal Pino, del Pino, di Pino, fu allievo di Domenico Beccafumi dal 1537 al 1542. Nel 1543 si trasferì a Roma dove collaborò con Perin del Vaga e Daniele da Volterra. Nel 1557 si stabilì a Napoli, dove, eccezione per alcune brevi parentesi romane, ebbe molti allievi e rimase fino alla sua morte.

Alcune delle sue opere sono tuttora conservate a Siena nella Pinacoteca Nazionale, nella Collezione Chigi Lucarini Saracini, e nella Fondazione Monte dei Paschi di Siena. A Roma in Castel Sant'Angelo, nella Galleria Borghese, nelle chiese di Santa Maria in Aracoeli e di Santo Spirito in Sassia e all'Oratorio del Gonfalone; a Napoli, dove fu un importante protagonista della pittura di quel tempo, eseguì opere per la Chiesa di Sant'Angelo a Nilo, che conserva il San Michele Arcangelo; per la chiesa di San Domenico Maggiore; per quella del Gesù Vecchio, che conserva una Trasfigurazione, una Madonna e Santi, una Circoncisione ed un'Adorazione dei Magi (oggi nella basilica di San Lorenzo Maggiore); dipinse la tela di San Michele Arcangelo per la chiesa di San Francesco di Paola di Bitonto; per quella dei Santi Severino e Sossio, dove dipinse l'Adorazione dei Magi e l'Assunzione della Vergine; infine diverse altre opere conservate nel museo nazionale di Capodimonte.

Ancora, altre tele del dal Pino sono ad Aversa (Caserta), nelle chiese dell'Annunziata e di San Biagio, a Nocera, nella chiesa di San Bartolomeo, nella Galleria Nazionale di Cosenza e a Sant'Arsenio (SA), nella cappella di San Tommaso Apostolo, dove è custodita l'Incredulità di San Tommaso.

È stato uno dei pittori di maggiore rilievo attivi a Napoli durante la Controriforma.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jane Turner (a cura di), The Dictionary of Art. 24, p. 827. New York, Grove, 1996. ISBN 1-884446-00-0

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]