Marco Vecellio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Vecellio (Pieve di Cadore, 1545Venezia, 1611) è stato un pittore italiano, nipote di Tiziano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente al casato dei Vecellio, Marco era figlio di un certo Tommaso (o Tomà) e cugino del noto Tiziano, di cui fu anche discepolo. Accompagnò il maestro nei suoi viaggi a Roma ed in Germania.

"Annunciazione", Chiesa San Giacomo di Rialto, Venezia

Dopo la morte di Tizano, Marco cercò di continuare la tradizione familiare e nelle sue opere si firmò come Marcus Titiani; la sua parabola artistica, al contrario, subì una netta involuzione. Fra le molte opere ufficiali del tardo periodo, dipinte in varie sale del Palazzo Ducale di Venezia, si ricorda la Zecca per il soffitto della sala del Senato.

Anche il figlio Tiziano, noto come il Tizianello, seguì le orme paterne come pittore.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ernst Gombrich - Dizionario della Pittura e dei Pittori - Einaudi Editore (1997)
  • Bryan, Michael (1889). Walter Armstrong & Robert Edmund Graves, ed. Dictionary of Painters and Engravers, Biographical and Critical (Volume II L-Z). York St. #4, Covent Garden, London; Originale su Fogg Library, Digitalizzato il 18 maggio 2007: George Bell and Sons., pagina 639.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]