Marco Rota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo allenatore di pallacanestro, vedi Marco Rota (allenatore).
Marco Rota

Marco Rota (Milano, 18 settembre 1942) è un fumettista italiano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Rota inizia la sua carriera nel mondo del fumetto nel 1958, lavorando a diverse serie italiane.

Nel 1962 entra a far parte del gruppo di artisti di Topolino, mentre continua (per tutti gli anni sessanta) a disegnare anche storie di Superman, Batman, Justine (sul settimale ABC) ed altre serie meno importanti.

Nel 1974 viene nominato caporedattore del settore dei disegnatori delle testate disneyane, nonché come direttore artistico, un ruolo che mantiene fino al giugno 1988, quando queste passeranno sotto il controllo della Disney Italia dalla Mondadori, che le pubblicava precedentemente.

Le storie realizzate da Rota, per Topolino e per l'Almanacco Topolino, hanno uno stile in parte influenzato da quello del grande Carl Barks. Tra i suoi capolavori come autore completo spicca la storia Buon compleanno, Paperino, pubblicata in volume nel 1984, nella quale viene ricostruita un'accurata biografia dell'amatissimo e sfortunato papero, nella quale si lascia supporre che Nonna Papera e Paperone siano fratello e sorella (circostanza più volte negata dallo stesso Barks).

Tra le sue storie più memorabili sono da citare Zio Paperone e il deposito oceanico, Paperino pendolare e, soprattutto, Paperino e la notte del saraceno, ritenuta dalla critica specializzata la storia più barksiana mai realizzata da un altro artista.[senza fonte]

Ha poi collaborato ad Operazione Olimpiadi, in occasione delle Olimpiadi del 1972, realizzando le storie proposte dal Disney Studio dividendosi il lavoro con Giovan Battista Carpi e Luciano Bottaro. Sempre in ambito sportivo resta celebre Paperino calciatore, pubblicata nel 1974 in occasione dei mondiali di calcio in programma quell'anno in Germania Ovest.

Rota è attualmente uno degli autori di punta del gruppo danese Egmont ed è stato, fino alla chiusura della testata nel 2008, l'autore delle copertine e del retro della rivista Zio Paperone, che sovente proponeva le sue storie, come il ciclo di Mac Paperin e di piccolo Krack.

Ha ricevuto nel 2011 il Premio Papersera alla carriera.

Controllo di autorità VIAF: 34435782 SBN: IT\ICCU\RAVV\060413