Marco Falaguasta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Falaguasta (Roma, 29 settembre 1970) è un attore, commediografo e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi professionalmente partecipando al laboratorio di recitazione avanzato diretto da Beatrice Bracco, inizia la carriera di attore in teatro. Nel 1991 crea la compagnia teatrale Bona la prima, con la quale nel 1992 debutta con la commedia So tutto sulle donne. Lavora anche come commediografo, sceneggiatore e regista teatrale e cinematografico. Ha svolto il servizio civile come obiettore di coscienza presso la Cisl di Roma.[senza fonte]

Come regista cinematografico, ha diretto il film Due volte Natale (2004)[1], di cui ha scritto anche la sceneggiatura, tratta dalla commedia teatrale omonima, messa in scena per la prima volta nel 2001.

La sua prima apparizione televisiva risale al 2000, quando interpreta Gesù in Morte et Ressurectio, opera trasmessa in mondovisione durante il concerto finale del Giubileo. Dal 2003 lavora in televisione in varie fiction tv, tra cui ricordiamo: le serie tv Incantesimo 7 e Orgoglio, dove interpreta il ruolo di Claudio Manzi, e la miniserie tv diretta da Alberto Simone, Una famiglia in giallo, nel ruolo di Corso Salimbeni.

Dal 2006 al 2008 interpreta il ruolo di Michele Raggi nella soap opera di Canale 5, CentoVetrine. Nel 2007 è coprotagonista, nel ruolo di Guido Salimbeni, della miniserie tv di Rai Uno, La terza verità, regia di Stefano Reali.

Nel 2008 partecipa ad un episodio della miniserie Provaci ancora prof 3 e nel 2009 è protagonista della miniserie Il bene e il male. Nel 2012 è coprotagonista con Lando Buzzanca e Martina Colombari, della serie trasmessa da Rai 1 "Il restauratore".

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha due figli, una femmina e un maschio, nato nel 2006, è sposato con Alessia Latino.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Commedie scritte, dirette e interpretate a partire dal 1992

  • So tutto sulle donne
  • Letti a castello
  • Tempi supplementari
  • Bolle di sapone
  • Due volte Natale
  • Andata e ritorno
  • Non vedo l'ora
  • Trenta senza lode
  • Il sapore della luna
  • E poi gli dirò
  • So tutto sulle donne, 20 anni dopo
  • Punto e... a capo
  • Pane e befane

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Andata e ritorno - Premio Tani per la miglior commedia dell'anno (2001)
  • Premio assegnato dal sindaco Walter Veltroni e dall'Assessore alla cultura del comune di Roma Gianni Borgna - Miglior giovane regista della capitale (2002)
  • Non vedo l'ora - Premio Ettore Petrolini (2003)
  • Trenta senza lode - Miglior commediografo dell'anno (2004)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Due volte Natale - Opera prima. URL consultato il 09-06-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]