Marco Confortola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Confortola (Valfurva, 22 maggio 1971) è un alpinista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 diventa Guida Alpina e nel 1995 Maestro di sci. È membro del CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico).

Nel maggio 2008 partecipa alla spedizione Share Everest 2008 durante la quale, insieme a Silvio Mondinelli e Michele Enzio, colloca sul Colle Sud dell'Everest a 8000 m la stazione meteorologica più alta della Terra.[1]

Nel luglio successivo parte per l'ascesa del K2, insieme al connazionale Roberto Manni. Il 1º agosto successivo raggiunse la vetta ma, a causa del crollo di un seracco sul collo di bottiglia, è costretto a bivaccare una notte in una buca a 8300 m con Gerard McDonnell. In quelle ore moriranno undici alpinisti,[2] tra i quali lo stesso irlandese. L'alpinista italiano è nelle settimane successive al centro di una polemica sulla ricostruzione degli eventi, per aver iniziato il ritorno al campo 4 senza attendere McDonnell, impegnato nell'aiuto di alcuni alpinisti in difficoltà a cui lui stesso aveva partecipato, e aver raccontato una poi confutata ricostruzione degli eventi.[3] Confortola riesce, grazie all'aiuto di altri alpinisti sopraggiunti per salvarlo, a raggiungere il campo IV e poi il campo base, dove quasi tutti gli altri moriranno.

Ricoverato per i congelamenti riportati, viene sottoposto all'amputazione di tutte le dita dei piedi.[4]

Carriera Alpinistica[modifica | modifica wikitesto]

  • 2001 - Parete nord Pizzo Tresero: discesa con gli sci.
  • 2002 - Concatenamento 5 pareti nord: Pizzo Tresero, Pedranzini, Dosegu, San Matteo, Cadini.
  • 2003 - Parete nord San Matteo: discesa con gli sci
  • 2003 - Parete nord Ortles: prima ripetizione della discesa con gli sci.
  • 2004 - Everest (8848 m) versante nord - Primo valtellinese in vetta, in compagnia di Tarcisio Bellò usando l'ossigeno negli ultimi 500 m.[5]
  • 2005 - Concatenamento 4 pareti nord: Ortles, Gran Zebrù, Piccolo Zebrù, Pizzo Tresero.
  • 2005 - Shisha Pangma (cima centrale 8027 m)
  • 2006 - Shisha Pangma (cima principale 8027 m) - Raggiunta la vetta il 9 maggio con Silvio Mondinelli, Enzio e Gobbi.[6]
  • 2006 - Annapurna (8091m) versante nord - Raggiunta la vetta il 12 ottobre con Marco Camandona.[7]
  • 2007 - Cho Oyu (8201m) - Raggiunta la vetta il 5 maggio con una salita veloce campo base cima-campo base 26 ore in compagnia di Silvio Mondinelli.[8]
  • 2007 - Broad Peak (8047m) - Raggiunta la vetta il 12 luglio insieme ad un nutrito gruppo di alpinisti tra cui Silvio Mondinelli, Angelo Giovanetti, Simone La Terra, Gerlinde Kaltenbrunner, Edurne Pasaban, Ivan Vallejo.[9]
  • 2008 - K2 (8611m) - Raggiunge la vetta il 1° agosto
  • 2010 - Ritorna in Himalaya per salire il Lhotse (8.516 m) dove però a causa del freddo ai piedi (tutte le dita gli furono amputate nel 2008 in seguito alla tragica spedizione al K2) deve rinunciare a quota 7.991 m
  • 2012 - Dopo l'insuccesso del Dhalaugiri ad aprile, conquista il suo settimo ottomila, il Manaslu (8.167 m), con lo sherpa Pasang.
  • 2013 - Ad inizio aprile ritorna per la terza volta sul Lothse (8.516 m), dopo oltre un mese di permanenza al campo base per il doveroso acclimatamento in data 21 maggio raggiunge la cima alle ore 9:00 del mattino.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Confortola, Giorni di Ghiaccio. Agosto 2008. La tragedia del K2, Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2009, ISBN 978-88-6073-600-0.
  • Marco Confortola, Ricominciare., Dalai editore, 2011, ISBN 978-88-6620-238-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Italiani piazzano sull'Everest la stazione meteo più alta al mondo in corriere.it, 15 maggio 2008. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  2. ^ K2: 11 vittime e due dispersi Sei gli alpinisti travolti dalla valanga in corriere.it, 03 agosto 2008. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  3. ^ (EN) Best of ExplorersWeb 2008 Award Winner: K2, Gerard McDonnell in mounteverest.net, 31 dicembre 2008. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  4. ^ Confortola: domani l'amputazione in montagna.tv, 16 settembre 2008. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  5. ^ Massimo Cappon, In cima al mondo, davanti all'infinito in corriere.it. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  6. ^ Himalaya: Mondinelli, Enzio, Confortola e Gobbi in vetta allo Shisha Pangma in planetmountain.com, 09 maggio 2006. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  7. ^ Annapurna: cima per Camandona e Confortola in planetmountain.com, 13 ottobre 2006. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  8. ^ Vetta del Cho Oyu per Mondinelli e Confortola in planetmountain.com, 09 maggio 2007. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  9. ^ Il Broad di Confortola, Edurne, Gerlinde in montagna.tv, 13 luglio 2007. URL consultato il 5 ottobre 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]