Marco Calpurnio Bibulo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Calpurnio Bibulo
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica Romana
Nome originale Marcus Calpurnius Bibulus
Figli Lucio Calpurnio Bibulo
Gens Calpurnia
Consolato 59 a.C.

Marco Calpurnio Bibulo (in latino: Marcus Calpurnius Bibulus; ... – 48 a.C.) è stato un politico romano durante gli ultimi anni della Repubblica nel I secolo a.C..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Accanito rivale di Gaio Giulio Cesare, fu suo collega nella carica di edile (65 a.C.), pretore (62 a.C.) e console (59 a.C.); a causa della sua poca personalità e soprattutto per via del suo ingombrante collega, i Romani, che nominavano gli anni in base al nome dei due consoli chiamarono ironicamente il 59 a.C. l'anno di Giulio e Cesare (invece che di Cesare e Bibulo).

Rivestendo le stesse cariche di Cesare negli stessi anni cercò in tutti i modi di ostacolarne la carriera, ma in realtà non riuscì mai a ricoprire posizioni di potere e riporterà continui insuccessi. Nell'anno del suo consolato, ottenuto grazie all'appoggio anche finanziario degli aristocratici oppositori di Cesare,[1] dopo un tentativo iniziale di opporsi alla politica del collega si chiuse in casa e non partecipò più alle sedute del Senato, talmente era stato ridotto a mal partito da Cesare.[2][3][4]

Nel 52 a.C. propose Gneo Pompeo Magno console senza collega e, in conseguenza di una legge dello stesso Pompeo, dal 51 a.C. al 49 a.C. fu governatore della Siria; Bibulo lasciò la provincia colla fama di averla ben amministrata, grazie anche al fatto che i Parti in questo periodo non avevano attaccato. Allo scoppio della guerra civile tra Cesare e Pompeo si schierò con quest'ultimo, che lo nominò comandante della sua flotta nel mar Ionio; morì nei primi mesi del 48 a.C. vicino a Corfù sorpreso da una malattia mentre adempiva a questo compito.

Fu sempre molto vicino a Marco Porcio Catone e ne sposò anche la figlia Porcia, da cui ebbe Lucio Calpurnio Bibulo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Svetonio, op. cit., Cesare, 19.
  2. ^ Svetonio, op. cit., Cesare, 9.
  3. ^ Cicerone, Lettere ad Attico, 2, 19-20; Bruto, 77.
  4. ^ Plutarco, Pompeo, 48.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie
Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Lucio Afranio,
Quinto Cecilio Metello Celere
59 a.C.
con Gaio Giulio Cesare I
Lucio Calpurnio Pisone Cesonino,
Aulo Gabinio