Marco Bortolami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Bortolami
Marco Bortolami 2014-1.jpg
Bortolami durante la presentazione della stagione 2014-15 delle Zebre al Comune di Parma
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 196 cm
Peso 110 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Seconda linea
Franchigia Zebre Zebre Pro12
Carriera
Attività di club¹
1999-2004 Petrarca Petrarca 84 (40)
2004-2006 Narbona Narbona 41 (0)
2006-2010 Gloucester Gloucester 50 (5)
2010-2012 Aironi Aironi 28 (0)
2012- Zebre Zebre 23 (5)
Attività da giocatore internazionale
2001- Italia Italia 107 (35)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 30 agosto 2014

Marco Bortolami (Padova, 12 giugno 1980) è un rugbista a 15 italiano che milita come seconda linea nelle Zebre, franchise di Pro12; al giugno 2014 detiene il record di presenze in Nazionale italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Padova, ma cresciuto ad Abano Terme e, successivamente, a Casalserugo, Bortolami fu avviato alla pratica rugbistica dal padre intorno all’età di 10 anni[1]. Più tardi entrò nel centro di formazione del Petrarca, storica formazione rugbistica padovana[1].

Durante la frequenza del liceo si impegnò nell’organizzazione di tornei studenteschi di rugby[1], ed entrò nell’orbita della Nazionale giovanile; dopo la maturità esordì in prima squadra nel Petrarca nel 2000, contemporaneamente alla frequenza della facoltà di Ingegneria all’Università di Padova.

Un anno più tardi fu convocato in Nazionale, della quale divenne capitano dopo solo un anno di militanza.

Nel 2004 si trasferì in Francia, al Narbona, e nel 2006 arrivò l’ingaggio da parte degli inglesi del Gloucester, dei quali fu anche capitano nel corso della stagione 2007-08.

In Nazionale prese parte alle Coppe del Mondo del 2003, 2007 e 2011, oltre che a tutti i Sei Nazioni tra il 2002 e il 2010 e, ancora, nel 2012 e 2014

Nel marzo 2010, poco dopo l'ampliamento all'Italia della Celtic League, competizione tra squadre di Galles, Irlanda e Scozia, Bortolami firmò un ingaggio triennale con la franchise italiana degli Aironi, a partire dalla stagione di Celtic League 2010-11[2]. Tuttavia, allo scioglimento della squadra nel 2012 e il subentro nella rinnovata Pro12 delle Zebre, Bortolami passò in tale ultima squadra dalla stagione 2012-13[3] con i gradi da capitano[4].

In occasione dell’incontro con un XV dell’Australia a Twickenham nel novembre 2011, Bortolami fu invitato a far parte della selezione dei Barbarians[5]; il 1º febbraio 2014 a Cardiff, nell’incontro di apertura del Sei Nazioni contro il Galles, Bortolami totalizzò la sua centesima presenza internazionale[6], quinto italiano a raggiungere tale traguardo dopo, nell’ordine, Alessandro Troncon, Andrea Lo Cicero, Sergio Parisse e Martín Castrogiovanni[7]; nel corso della stagione sportiva è divenuto il recordman di presenze per l'Italia con 107[8].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Profilo di Marco Bortolami in MarcoBortolami.com. URL consultato il 30 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2009).
  2. ^ Daniele Petroselli, Rugby: Bortolami primo colpo degli Aironi in RsNews, 12 marzo 2010. URL consultato il 14 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2014).
  3. ^ Massimo Calandri, Squadra giovane e ambiziosa. La Zebre pronte a partire in la Repubblica, 2 luglio 2012. URL consultato il 5 ottobre 2012.
  4. ^ Bortolami capitano delle Zebre 2012-13, Zebre Rugby, 21 agosto 2012. URL consultato il 30 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2013).
  5. ^ (EN) Barbarians hope Wales’ Stephen Jones can face Australia in BBC. URL consultato il 23 novembre 2011.
  6. ^ Marco Pastonesi, Tutto il Millennium per i 100 cap di Bortolami: "Un'emozione forte" in la Gazzetta dello Sport, 1º febbraio 2014. URL consultato il 30 agosto 2014.
  7. ^ Paolo Mulazzi, Bortolami: «Così ho collezionato i miei 100 caps» in Gazzetta di Parma, 7 febbraio 2014. URL consultato il 30 agosto 2014.
  8. ^ Roberto Parretta, Rugby, Italia in Giappone con B&B per salvare il Tour in la Gazzetta dello Sport, 19 giugno 2014. URL consultato il 30 agosto 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]