Marco (moneta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il marco è stata una moneta o un'unità di conto in diversi paesi. Prende nome dall'omonima unità di misura. Il termine marco o mark viene da parole teutoniche/germaniche, latinizzate nel latino post-classico del nono secolo come marca, marcha, marha o marcus.[1] Era una misura di peso prevalentemente usata per oro e argento, diffusa in tutta l'Europa occidentale e spesso equivalente a otto once. Considerevoli variazioni, tuttavia, ci sono state durante Medioevo.[2]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

In Germania (specialmente Amburgo) e in Scandinavia, il marco fu inizialmente un'unità di conto, e poi una moneta, dal valore di 16 schilling (tedesco) o skilling.

XVII secolo[modifica | modifica wikitesto]

Per prevenire la svalutazione della moneta, nel 1619 fu fondata la Hamburger Bank (Banca di Amburgo), sull'esempio della Banca di Amsterdam. Entrambe fissarono un'unità di conto stabile. L'unità di conto di Amburgo fu il Mark Banco. Era accreditato in cambio di lingotti oro o per altri valori equivalenti. Non furono emesse né monete né banconote, ma furono aperti conti di credito. I proprietari del conto potevano usare il loro credito per trasferirlo su altri conti o per emettere altri titoli di credito. Questi titoli circolavano e potevano essere trasferiti ed erano accattati come forme di pagamento. Potevano anche essere estinti. Questa moneta si dimostrò molto stabile.

XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Il 1873 la Germania adottò il marco (comunemente chiamato Goldmark) come propria monete, in seguito all'unificazione del 1871; il nome fu preso dal mark banco. Inizialmente le monete e le banconote delle valute precedenti, come il Thaler, Kreuzer, il Gulden, continuarono a circolare, e furono trattate come multipli della nuova unità di conto, nelle stesso modo a ciò che è accaduto con l'introduzione dell'euro. Monete con la denominazione in marchi furono emesse per la prima volta nel 1873, e gradualmente sostituirono le monete vecchie. Il mark banco fu convertito nel nuovo marco alla pari e la Banca di Amburgo fu incorporata come filiale locale della Reichsbank, fondata nel 1876.

Inghilterra e Scozia[modifica | modifica wikitesto]

In Inghilterra il "mark" non è mai apparso come moneta, ma è stato usato esclusivamente come unità di conto. Fu introdotto apparentemente nel X secolo dai Dani. Secondo fonti del XIX secolo, era inizialmente equivalente a 100 penny, ma dopo la conquista normanna il valore divenne 160 penny, o 13 scellini e 4 penny, cioè 2/3 di sterlina.[3]

In Scozia il merk era una moneta d'argento dello stesso valore emessa la prima volta nel 1570 e in seguito nel 1663.


Il marco nella monetazione moderna[modifica | modifica wikitesto]

"Marco" si riferisce a diverse monete:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ OED, DRAFT REVISION June 2002
  2. ^ v. du Cange, Gloss. med. et infim. Lat., s.v. Marca per un elenco completo.
  3. ^ 1863 1849 1845.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

numismatica Portale Numismatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di numismatica